Trieste-Chieti, la carica dei protagonisti

Tutto pronto al PalaTrieste per la sfida tra i padroni di casa dell’Alm,a Trieste e la Proger Chieti in programma domenica alle ore 18:00 e valevole per il campionato di Serie A2. I protagonisti sono pronti a dare battaglia, come conferma il coach triestino Dalmasson: «Per tanti aspetti sarà una partita particolare, ma anche una sfida che può adattarsi molto bene alle nostre caratteristiche. Dovremo metterci il massimo impegno, con la volontà di conquistare a tutti i costi il risultato. Di fronte troveremo una squadra che merita attenzione e rispetto, nelle prime due giornate sono primi per valutazione complessiva, un aspetto che sicuramente non è frutto del caso. Ma noi, pur considerando questo fattore, non possiamo permetterci un passo falso. Le nostre lacune tecniche dovranno essere colmate dall’entusiasmo, dalla voglia, dalla fame di conquistare i primi punti del nostro campionato, ancor più vista la settimana che abbiamo trascorso». Gli fa eco il capitano Andrea Coronica: «Abbiamo una gran voglia di sbloccarci, di regalarci la prima gioia stagionale. È un momento difficile e ne siamo consapevoli, a prescindere dall’esito delle prime due partite. È stata una settimana di emozioni forti, impossibili da spiegare. La nostra forza dovrà essere quella di canalizzare tutto quello che è successo nella giusta direzione, non sarà facile ma abbiamo il dovere di provarci, dando ognuno il proprio contributo. Teniamo molto a questa partita e a dare una soddisfazione al nostro pubblico, al di là della classifica abbiamo un motivo veramente importante per mettere in campo tutto quello che abbiamo. Cercheremo la vittoria con tutte le nostre forze, per dedicarla a chi ha lasciato un vuoto così grande in tutto l’ambiente».

Gli avversari, però, non intendono stare a guardare come conferma Cade Davis: «Ci alleniamo duramente durante la settimana per essere pronti la domenica, non solo sul campo ma anche in palestra. Il nostro coach inoltre è molto preparato e presta molta attenzione al modo di giocare dei nostri avversari, facendoci osservare tramite video i loro movimenti e soprattutto i loro punti di forza. So che Trieste è una squadra molto aggressiva, specie in casa. Hanno perso le prime due gare stagionali e sicuramente ci terranno a conquistare la prima vittoria davanti al loro pubblico, quindi per tornare vittoriosi dobbiamo essere pronti sia fisicamente che mentalmente».

Commenta
(Visited 12 times, 1 visits today)

About The Author