LUISS, ecco la prima trasferta della stagione

Prima trasferta siciliana della stagione per l’ASD LUISS che domenica 16 ottobre alle 18.00 sarà ospite del Basket Barcellona per il 3° turno del campionato nazionale di serie B.

Un’altra gara impegnativa lontano dal PalaLUISS per Faragalli e compagni che dopo l’ottimo esordio in quel di Catanzaro (81-92 il risultato finale) e la vittoria casalinga contro Maddaloni (96-87), si recheranno al PalAlberti per affrontare una compagine giovane ma talentuosa. Barcellona ha totalmente rivoluzionato il roster della squadra retrocessa dalla serie A2 lo scorso aprile, ed ora ha in Daniele Grilli e Luigi Brunetti i suoi punti di riferimento, seguiti da Fabio Stefanini, Giacomo Sereni e Marco De Angelis. Milan Nisic, allenatore serbo alla prima stagione in Italia, fa quindi affidamento su un team giovane che all’esordio stagionale ha perso in casa il derby con Cefalù, ma sabato scorso ha espugnato il campo della Vis Nova Roma con il risultato di 68-53, confermando il proprio eclettismo, come già dimostrato nella pre-season.

«Giocare fuori casa presenta sempre le sue insidie – dichiara alla vigilia del match Francesco Ramenghi, pivot luissino classe ’92 – poi con la sveglia alle 5.30 e il viaggio in aereo è tutto un po’ più faticoso, ma non cerchiamo alibi, mai avuti e mai ne avremo. Barcellona è una buona squadra che ancora non ha vinto sul campo amico quindi avrà sicuramente una marcia in più perché deve conquistare il proprio pubblico. Da parte nostra sappiamo di certo che non ci tireremo indietro e proveremo a dettare i nostri ritmi aggressivi su entrambe le metà-campo».

Un ottimo inizio di stagione per la LUISS che ha ottenuto due vittorie su altrettante gare disputate, mostrando un gioco fluido ed entusiasmante, con tutti i ragazzi di Paccariè che hanno risposto presente quando chiamati in causa: «Il coinvolgimento e l’energia che caratterizza il nostro spogliatoio si vedono sempre sul parquet, c’è serenità e fiducia in ogni compagno, ciascuno di noi sa che deve dare tutto perché nessuno sarà da meno. A turno ognuno emerge e fa ‘la partita’, ma il risultato è sempre di 20 mani e questo si è visto in queste prime settimane».

Francesco, al suo terzo anno in biancoblù, è ormai tra i senatori della squadra, con Scuderi e Pozzetti il più esperto tra i suoi, ed è stato grande protagonista in queste prime due gare della stagione: “La possibilità di fare buone cose deriva dalla fiducia e serenità di cui parlavo prima che i miei compagni ripongono in me, ed io in loro. L’esperienza è relativamente tanta, infatti suona molto strano trovarsi a 23 anni ad essere uno dei più vecchi e a dover dispensare consigli quando, ne sono certo, sono il primo che deve ancora imparare molte cose, ma questo è ciò che il progetto ASD LUISS prevede, cioè ricambi generazionali molto veloci che vanno di pari passo con gli studi universitari, e quindi ognuno deve prendersi le proprie responsabilità senza timore, a patto che si dia l’anima per la squadra, e questo è il nostro punto di forza».

Il numero 10 luissino chiude poi con un pensiero per i supporter luissini: «Colgo l’occasione per un saluto e un ringraziamento ai nostri tifosi e ormai amici che di sabato in sabato riempiono sempre più numerosi il PalaLUISS e spero continuino così perché il loro sostegno è fondamentale e speriamo di renderli sempre felici ed orgogliosi di noi».

Commenta
(Visited 28 times, 1 visits today)

About The Author