La Tech Trade Monte di Procida tiene botta per due quarti e mezzo ma poi è costretta a cedere contro Angri per 70-92

La Tech Trade Monte di Procida tiene botta solo due quarti e mezzo contro il fortissimo Basket Angri, squadra di tutt’altra categoria e prima in classifica.

Partita che sembrava segnata già dalla palla a due, ma i ragazzi di coach Niero hanno provato a fare la voce grossa e battere la capolista; Angri però fa subito capire che non vuole perdere la vetta e con la sapiente regia di Fabio Di Napoli e con la rapidità dell’americano Ankerson si porta subito avanti 5-0, ma Innocente non ci sta a far scappare la squadra ospite e fa 5-3. Ma Angri la fa da padrona, e rimette subito le cose in chiaro costringendo coach Niero al time-out sul risultato di 3-13.

Usciti dal time-out i virtussini provano a colmare subito il gap con un ispirato Milan Markovic e con l’inossidabile Innocente.

Fine primo quarto recita 14-24.

Secondo quarto fotocopia del primo, ma i bianco-azzurri hanno più coraggio in fase realizzativa mista a una buona difesa e un tecnico chiamato dall’arbitro nei confronti della panchina Nero-Rossa di Angri porta i virtussini all’intervallo lungo sul -7 con il tabellone luminoso che segna 44-51.

Al rientro dagli spogliatoi la Tech Trade Monte di Procida prova il colpaccio. La squadra mette il cuore e la cattiveria agonistica giusta e quando il timer segna 4.40, la Virtus riesce ad arrivare a -3.

Buona azione difensiva dei ragazzi di patron Romeo, che vanno in attacco a testa bassa facendo volare la palla e mettendo in condizione Pekic di tirare libero dall’arco, ma la palla scoccata dal montenegrino prende il secondo ferro e non entra. Angri trova nell’americano Ankerson la sua ancora di salvezza e si riporta avanti di sei. Nell’azione successiva Monte non segna e nel contropiede successivo Angri trova un altro gioco da tre punti e Monte sprofonda a – 9.

Monte prova a stringere i denti ma Angri è squadra capace e porta la Virtus all’ultimo quarto con il punteggio di 59-69.

Quarto e ultimo periodo che vede Monte giocare con il cuore per provare il colpo grosso che saprebbe d’impresa ma Di Lauro, che entra in campo al posto di Di Napoli infortunatosi in un contrasto di gioco, mette una tripla da distanza siderale che ghiaccia il PalaPippoCoppola.

Angri prende il largo e Monte deve arrendersi al più forte solo dopo aver lottato fino alla fine.

Risultato finale 70-92 per i viaggianti di coach Iovino.

Abbiamo provato il tutto per tutto contro una corazzata, ma abbiamo perso. Ora martedì si ritorna in palestra per preparare la partita contro il CAP Nola e provare a portare i due punti a casa e poi le meritate vacanze natalizie.” Lucido, leggero e un po’ rammaricato nell’analizzare la partita di domenica Mario Innocente veterano della compagine montese , che poi ha ribadito che Angri non era di questo pianeta.

Commenta
(Visited 99 times, 1 visits today)

About The Author