La Co.Mark Bergamo cade a Milano e perde l'imbattibilità esterna dopo otto successi consecutivi

La Co.Mark BB14 cade a Milano – in casa dell’Hikkaduwa – dopo otto successi consecutivi, perde l’imbattibilità esterna e lascia molte delle speranze di accedere alla Final Eight di Coppa Italia. Una partita che ha visto giocare gli uomini di Ciocca in maniera altalenante, subendo 51 punti nel primo tempo, e lasciandosi scappare il vantaggio di 9 punti a 8 minuti dalla fine, maturato dopo una paziente rimonta, costruita proprio dalla difesa. In classifica la Co.Mark BB14 è ora affiancata al secondo posto da Piacenza, in attesa della partita di domani sera di Cento, impegnata nel derby a Scandiano. E, in caso di successo di Caroldi e compagni, sarà la squadra allenata da Giordani a festeggiare la qualificazione per l’atto finale della Coppa Italia. Milano decide subito di mettersi a zona, e il match inizia con le polveri bagnate nei primi minuti (3-5 al 3’). Ferrarese cerca spesso la soluzione nel pitturato, con Ingrosso e soprattutto Paleari, alle cui conclusioni rispondono Ghersetti e Pullazi (9-9 al 5’). Ingrosso si dimostra in palla, così come Ghersetti per i gialloneri, ma Milano tiene sempre un minimo di vantaggio nel punteggio (18-14 al 7’). Planezio accorcia dall’arco, Ferrarese lo imita, facendo salire l’intensità del match in chiusura di quarto; Pullazi di forza si porta a casa un gioco da tre punti, Restelli infila la tripla che chiude il primo periodo sul 26-22 per i padroni di casa. Berti e Bartoli si scambiano due triple in apertura di quarto, e Ingrosso mette il punto esclamativo sul massimo vantaggio interno (37-27 al 12’). L’ala milanese arriva in fretta a 15 punti messi a referto, anche se in difesa deve fare i conti con Ghersetti, voglioso di riportare i suoi a contatto. In difesa la Co.Mark BB14 fa un po’ fatica in questi primi 15 minuti, e Ghersetti si vede fischiato il terzo fallo, con Ciocca costretto a toglierlo dalla contesa. Bartoli è indemoniato, e costringe anche Pullazi al terzo fallo, quando Milano è ancora a +10 (43-33 al 16’). Ciocca va col quintetto piccolo, schierando Planezio da 4 tattico, con Cazzolato che con due rimbalzi offensivi, tramutati in altrettanti canestri, dà la scossa sul finale del quarto (47-40 al 18’). Paleari provoco un’ulteriore allungo, e il quarto si chiude 51-40 in favore di Milano. Si attende la reazione della Co.Mark BB14 dopo l’intervallo lungo; nonostante i tre falli a testa, Ghersetti e Pullazi sono in campo, e si fanno sentire (55-46 al 22’), ma subito dopo Pullazi commette il suo quarto fallo, e la Co.Mark BB14 si rimette col quintetto piccolo, sempre contro la zona milanese. Anche a Panni viene fischiato il quarto fallo personale, e la sua reazione gli costa il fallo tecnico, che lo estromette dalla partita. Il clima si incendia decisamente, Berti mette la tripla del -7 al 25’, scatenando la nutrita schiera di tifosi bergamaschi giunti al PalaIseo. I ragazzi di Ciocca aumentano la pressione in difesa, Milano resta precisa (62-51 al 26’), Cazzolato, Chiarello e Planezio accorciano sul 62-58 con 2 minuti da giocare nel quarto, sfruttando un paio di palle perse da Ferrarese. Ghersetti prosegue il break favorevole alla Co.Mark BB14 dalla lunetta, complice un fallo tecnico fischiato a Ingrosso, ribaltando il match (62-63 al 29’). Chiarello dalla media fa +3, allungando il parziale aperto di 0-14 in favore dei gialloneri, che chiudono avanti 62-65 il terzo quarto. Ingrosso impatta subito dall’arco, Cazzolato gli rende la pariglia, anche Ghersetti colpisce dalla lunga distanza (65-71 al 31’), e dopo una palla recuperata Planezio vola in contropiede ad appoggiare il +8 Co.Mark BB14. Ferrarese fa -6 dall’arco, Ingrosso chiude un gioco da tre punti, Bertoli colpisce ancora da fuori e pareggia a quota 74 al 34’. Chiarello infila un altro jumper dalla media, ma Laganà sorpassa sempre da tre punti (77-76 al 35’). Torna Pullazi per Ghersetti, Ferrarese fa 2/2 dalla lunetta e poi in penetrazione infila il +5 al 36’. La Co.Mark BB14 non trova più il canestro per un paio di minuti, e il parziale favorevole a Milano è eloquente (16-2, dal 65-74 al 81-76). Ghersetti riporta i gialloneri a – 3 con 2 minuti da giocare, Ferrarese risponde con 2 tiri liberi, e poi mette un canestro clamoroso cha dà il +7 interno a 58” dalla sirena lunga. Cazzolato si fa stoppare in entrata da Paleari, e di fatto le speranze di rimonta della Co.Mark BB14 si fermano lì. Finisce 87-80 per l’Hikkaduwa Milano. Hikkaduwa Milano-Co.Mark BB14 87-80 (26-22, 51-40, 62-65) Hikkaduwa Milano: Ferrarese 22 (4/5, 2/6), Restelli 3 (0/2, 1/2), Bartoli 14 (3/4, 2/7), Ingrosso (2/3, 4/4), Paleari 18 (7/11, 0/2); Laganà 3 (1/4 da tre), Gorla 4 (2/3, 0/3), Tortù n.e., Spinetto n.e., Lazarov n.e.. All. Eliantonio Co.Mark BB14: Panni 4 (2/8, 0/2), Cazzolato 12 (2/8, 2/5), Planezio 8 (1/4, 1/3), Ghersetti 29 (8/15, 2/5), Pullazi 11 (3/3, 0/2); Berti 8 (1/2, 2/8), Chiarello 8 (4/6), Squeo n.e., Bedini n.e., Ricci n.e.. All. Ciocca Tiri liberi: Hikkaduwa Milano 21/25, Co.Mark BB14 17/21 Rimbalzi: Hikkaduwa Milano 38 (Paleari 8), Co.Mark BB14 31 (Planezio 7) Assist: Hikkaduwa Milano 17 (Ferrarese 8), Co.Mark BB14 16 (Berti 6) Usciti per 5 falli: Ingrosso, Bartoli (Hikkaduwa Milano), Panni (Co.Mark BB14) Spettatori: 450

Commenta
(Visited 28 times, 1 visits today)

About The Author