Avellino vince a Reggio in volata. Venezia , Capo d’Orlando e Cantù vincono in trasferta, ok Varese contro la Consultinvest

Nella 7° giornata di ritorno la Sidigas si aggiudica il match delle 12 contro la Grissin Bon, Venezia vince a Pistoia, Capo d’Orlando sbanca il PalaRadi. Cantù centra il secondo successo di fila. Nella gara salvezza la spuntano i lombardi.

 

GRISSIN BON REGGIO EMILIA – SIDIGAS AVELLINO 89-90

Nella gara del PalaBigi l’emozioni non mancano, vince Avellino dopo un supplementare . Il primo quarto vede grande equilibrio tra le due squadre. Dopo 5’ di gioco il punteggio recita 9-9 dopo la bomba di Aradori. Avellino però riesce a chiudere in vantaggio di cinque lunghezze la prima frazione con la conclusione di Thomas dalla lunga distanza. Nel secondo periodo gli irpini salgono a livello di intentensità e allungano prima sul + 10, per arrivare poi anche sul 38-25 dopo un canestro di Randhoph, ma la Grissin Bon non molla e riesce a ridurre lo svantaggio. Si va all’intervallo lungo sul 41-36 gli ospiti. Nel terzo quarto gli uomini di Menetti completano la rimonta, mettendo la testa avanti con la tripla di uno strepitoso Aradori, chiudendo avanti sul 56-54 a a 10’ dal termine. Nell’ultima frazione la Sidigas riesce a firmare il nuovo sorpasso con Logan dai 6,75. Il finale è punto a punto, si va all’overtime dopo l’1/2 di Fesenko che avrebbe potuto chiuderla nei 40’ di gioco.  Nel supplementare ne ha di più la squadra ospite che vince di uno dopo l’errore di capitan Aradori che invece avrebbe regalato la vittoria ai suoi .Il finale è 89-90 per Avellino.  Per Reggio si tratta dell’undicesima sconfitta, per Avellino arriva una vittoria dopo due sconfitte consecutive. Ai padroni di casa non bastano i 31 punti di Aradori e il ventello di Cervi. Per la Sidigas il migliore è Thomas, realizzatore del canestro decisivo.

 

Parziali ( 15-20,36-41,56-54-78-78)

 

THE FLEXX PISTOIA – UMANA REYER VENEZIA 71-78

 

Nella gara di Pistoia arriva una sconfiitta per i padroni di casa contro Venezia che colleziona la seconda vittoria consecutiva dopo quella contro Pesaro. Nella prima frazione la partita non decolla e la Reyer chiude in vantaggio di due lunghezze con Ejim. Nel secondo periodo la The Flexx alza il ritmo della gara e vola sul + 8 provando la prima fuga della gara ma i veneziani riducono sul meno tre. Si va negli spogliatoi sul 41-36 per i padroni di casa. Nel terzo quarto gli uomini di De Raffaele entrano in campo con la giusta grinta e ritrovano il vantaggio, allungando sul 61-53 con la bomba di Mc Gee, i toscani però non mollano e riducono sul meno tre con il 2/2 di Antonutti a cronometro fermo a cui risponde ancora l’ex Vanoli Mc Gee da tre. Nell’ultimo quarto la squadra di coach Esposito prova in tutti i modi di riaprirla arrivando a una lunghezza di distanza, ma non basta perché la squadra della laguna torna ad un distanza importante con l’ex Filloy per il + 9. La mazzata decisiva la dà Bramos da tre punti che chiude i giochi. Il finale è 71-78 per l’Umana. Per i padroni di casa arriva la terza sconfitta consecutiva. Per Venezia il migliore è l’ex di giornata Filloy con 20 punti, nella The Flexx non bastano i 15 punti di Roberts.

 

Parziali (17-19,41-36,58-64)

 

 

PASTA REGGIA CASERTA – MIA CANTU’ 79-85

 

Al PalaMaggiò di Caserta arriva la seconda vittoria consecutiva per la squadra brianzola di coach Recalcati con un illegale Johnson da 35 punti. Nel primo quarto la squadra ospite parte forte allungando sul +11 dopo i primi 10’ di gioco con Cournooh. Nella seconda frazione la squadra ospite cerca di gestire il vantaggio collezionato nel primo periodo, ma Caserta riduce sul 24-28 con Sosa, Cantù però torna sul + 9 con la tripla di Cournooh. Si va all’intervallo lungo sul 33-29 per gli uomini di Recalcati. Nel terzo quarto i bianco blu tornano a giocare con la giusta chimica in attacco e ritornano sulla doppia cifra di vantaggio con Cournooh che punisce ancora dalla lunga distanza. La Pastareggia non ci sta e trova la parità con Linton Johnson dalla lunetta. Nell’ultimo le emozioni non mancano, nella prima parte Caserta trova il vantaggio con Berisha,ma nella seconda metà del quarto la Mia rimette la testa avanti grazie con Johnson che realizza 2/2 dalla lunetta. Nel finale gli ospiti rimangono più lucidi e conquistano una vittoria preziosissima. Il finale è 79-85 per la Mia Cantù. Per gli uomini di Dell’Agnello arriva  la tredicesima sconfitta. Non bastano i 24 di Diawara e i 20 di Sosa per evitare la sconfitta.

Parziali (10-21,29-33,57-57,79-85)

 

 

VANOLI CREMONA – BETALAND CAPO D’ORLANDO 82-86

 

Al PalaRadi arriva una pesante sconfitta per la Vanoli contro la Betaland che vale l’ultimo posto in classifica a quota 12 punti. Nel primo quarto parte meglio la squadra di coach Di Carlo che allunga sul 11-6 con Diener che realizza dai 6,75. La Vanoli però non si scompone e reagisce, chiudendo in vantaggio la prima frazione sul 22-18 con la bomba di Mian. Il buon momento dei lombardi continua che ne approfittano per allungare sul + 11, ma i siciliani hanno una reazione d’orgoglio e riducono sul meno con Laqunitana ,mettendo la testa avanti con Archie. La squadra di Lepore però chiude in vantaggio di quattro lunghezze il primo tempo sul 39-35 dopo un canestro di Johnson Odom. Nel terzo periodo i padroni di casa prova a dare la seconda spallata per archiviare la gara , andando sul +12 con la tripla di Mian. Nell’ultimo quarto Capo d’Orlando è pefetta e riapre prima una gara che sembrava avere un destino già scritto riducendo prima lo svantaggio per poi mettere la testa avanti. La squadra lombarda prova a non perdere la trebisonda ritrovando il vantaggio, ma l’inerzia è in favore degli ospiti che con un parziale finale di 34-20 conquista una vittoria.  Il finale è 82-86. Per la Vanoli non bastano i 26 di Johnson Odom, per la Betaland il migliore Archie con 25 punti. Per Capo d’Orlando arriva la tredicesima vittoria stagionale a conferma di un campionato bellissimo.

 

Parziali ( 22-18,39-25,62-52)

 

OPENJOBMETIS VARESE – CONSULTINVEST PESARO 93-78

 

Nella gara più delicata di giornata per la parte bassa della classifica per i padroni arriva una vittoria pesantissima i chiave salvezza contro una diretta concorrente, la quale non ha attraversato una settimana facile visto le dimissioni di Bucchi. Nel primo quarto parte meglio Varese che rimane in vantaggio tutta la frazione senza però allungare in modo importante con una Pesaro che rimane a contatto. Nella seconda frazione c’è una sola squadra quella ospite che allunga sul + 9 con Thornton da tre punti. Il primo tempo si conclude sul 51-42 per i marchigiani con la bomba di Thornton. Nella terza frazione Pesaro arriva anche alla doppia cifra di vantaggio ma la Openjobmetis riesce a non subire nessun colpo a livello mentale , impattando sul 63-63. Nell’ultimo periodo gli uomini di Caja completano la rimonta trovando il sorpasso il 2+1 siglato da Eyenga. L’inerzia della gara è in favore dei padroni di casa che ne approfittano per allungare sul + 9. La Openjobmetis vola sul 90-77 con Maynor dalla lunga distanza, chiudendo la gara in modo definitivo. Il finale è 93-78 per Varese che costruisce la vittoria nell’ultimo periodo con un 26-9 di parziale. Per i lombardi arriva l’ottava vittoria stagionale, per Pesaro arriva la quindicesima sconfitta. Per la Openjobmetis quattro giocatori in doppia cifra ( Maynor, Johnson, Anosike, Eyenga), alla Consulntinvest non bastano i 25 di Jones.

Parziali (23-22,42-51,67-69)

Lorenzo Lubrano

 

 

 

Commenta
(Visited 16 times, 1 visits today)

About The Author

Lorenzo Lubrano Nato il 22-08-1996 a Legnano (Mi), ho conseguito il diploma di liceo linguistico, frequento il primo anno di Linguaggi Dei Media (Università Cattolica Milano), ho giocato a basket per 8 anni, collaboro con la web radio milanese RadioBlaBla dove conduco una trasmissione dedicata al basket.