7 motivi per cui ogni coach vuole un vice

1) Per sfogarsi con qualcuno:
Ogni volta che un coach vede giocare i propri ragazzi, rimpiange il giorno in cui ha scelto di allenare. Questo senso d’impotenza accade soprattutto quando il play continua a chiamare gli schemi sulla difesa a uomo alla quinta azione di zona 3-2. Per questo, frustrazioni, insulti, bestemmie, sono spesso rivolti al vice, innocuo e pronto ad incassare il colpo.

2) Per fare l’arbitro, e tenere i punti in allenamento:
Si sa, da sempre il vice viene sfruttato dal coach per dirigere le partitelle a tutto campo e per tenere i punti, mentre nel portafoglio sta contando i centesimi per andare a prendere i taralli alle macchinette. Il vice è totalmente in balia degli eventi e, alla prima rimessa sbagliata, i giocatori gli danno addosso senza pietà.

3) Per fare l’ariete quando portano da mangiare:
Il vice di solito sbadiglia e si annoia in allenamento, ma appena vede il cibo è in prima fila a rubare pizzette e cannellini. Sfruttando il tagliafuori sugli under che gli vale l’applauso dei lunghi, il Coach fa il trenino come nelle serate dei balli di gruppo che gli piacciono tanto, e lo sfrutta per poter mangiare qualcosa.

4) Per segnalare il numero dei falli:
“è il secondo fallo di Matte!”, a 4′ dalla fine del 3° quarto, col coach che impazzisce perché gli tocca cambiare il giocatore. “Non me lo potevi dire prima?!?” “Eh, prima ne aveva uno!” Rissa in panchina e tecnico

5) Per i controlli sulle gare di tiro:
da sempre il Minors tende a ‘ladrare’ nella gare di tiro. Giustamente, visto che vorrebbe andare a casa, ma non segna mai. Il vice è un ottimo modo per controllare, ma si può corrompere facilmente: spesso permette di rubare lo stesso, in cambio di una Moretti da 66.

6) Per dire cosa fare in riscaldamento, ed incitare la squadra:
Incitamenti falsi solo dovuti al momento, voce annoiata “palla a sinistra”, guarda se tutti toccano la linea di metà campo (impossibile) e smazza dei ‘cinque’ a destra e a manca, solo per far vedere che è carico quando in realtà ha ancora le scorie della sera prima. Per questo, il vero vice Minors porta sempre con sé un cuscino dentro lo zaino, che solitamente utilizza dopo le prime 3 azioni.

7) Per confidarsi con qualcuno:
Il Coach come al solito ha trascorso una giornata di merda, il lavoro lo sfinisce, la squadra che ha costruito lui in Estate gli fa schifo, ha bisogno di una persona con cui parlare prima di allenare e, quindi, di esaurirsi definitivamente. Il Vice come al solito ha trascorso una giornata di merda, il lavoro lo sfinisce, ascolta la giornata di merda del Coach, avrebbe bisogno di una persona con cui parlare prima di esaurirsi definitivamente ma, dopo un’ora e mezza di insulti, bussa alla porta dello stanzino del custode. Sono le 23:38.
“Antonio, ci sei?”
“No, sto ascoltando la cassetta di Rino Gaetano a Sanremo nel 1978”
“Ah ok, scusami” “A domani”
e va a letto.

‪#‎sempreminors‬

 

(foto Gazzetta.it)

Commenta
(Visited 11 times, 1 visits today)

About The Author