A rischio tutta l'attività di tutte le squadre sarde

Le società sportive di basket femminile della Sardegna: Astro Cagliari (A2), Cus Cagliari (A1), Mercede Alghero (A2), Virtus Cagliari (A2) e San Salvatore Selargius (A2), vista l’impossibilità nel poter proseguire l’attività sociale programmata con la prima squadra, che disputa un campionato nazionale (A1 per il Cus Cagliari, A2 per tutte le altre),  a seguito dell’incomprensibile revoca e conseguente annullamento dei rimborsi di spesa sostenuti per le spese pubblicitarie relative ai contratti stipulati con l’agenzia Sardegna Promozione, considera e valuta come imminente la  possibile astensione dai suddetti campionati con il ritiro delle rispettive formazioni.

Una decisione che sicuramente creerà ulteriori danni economici alle società di cui sopra, con l’arrivo di multe e declassamenti sportivi nelle categorie di appartenenza, ma di certo interromperà un ulteriore indebitamento e aggravio di spese che, per alcune, potrebbe essere fallimentare.

Si è giunti a questa conclusione al termine di un lungo periodo di attese e disponibilità  da parte delle forze politiche regionali che prospettavano interventi di aiuto, mai arrivati. Soltanto  promesse sempre slittate nel tempo.

Il mancato rimborso dei contributi di cui sopra, per i quali la rendicontazione è stata già prodotta nel mese di aprile 2014 (entro i termini stabiliti dalla stessa Agenzia Regionale  come del resto si evince dal contratto stipulato e firmato dalle parti), ha prodotto diversi problemi economici alle predette società, creando una voragine al portafoglio di liquidità utile al proseguo dei campionati.

A questo si vuole aggiungere il cronico ritardo nell’erogazione dei contributi sportivi stanziati, riferiti agli anni precedenti (2012 e 2013) e, a tutt’oggi,  non ancora saldati, e la totale assenza di risposte alle domande delle istituzioni sportive isolane (presidente del Coni Sardegna e Presidente del Comitato regionale della Federbasket) che sono i portavoce delle problematiche delle società sportive verso le istituzioni politiche, ma anch’esse si sono rivelate inascoltate.

Una situazione di disagio, ancora più grave per quanto riguarda il Cus Cagliari che, avendo, nel mese di settembre di quest’anno ricevuto promesse economiche, grazie anche alla delibera regionale n. 34/13 del 2 settembre 2014 con la quale si promuoveva l’immagine unitaria della Sardegna attraverso azioni co-marketing, dove si confermava che l’operato, fatto dalla società universitaria (assieme ad altre realtà sportive isolane che disputano campionati nazionali e partecipano a manifestazioni internazionali) negli anni precedenti era, indubbiamente positivo. Ma anche questo è stato d’improvviso negato.

Questo conferma la confusione e la poca chiarezza da parte delle stesse istituzioni Regionali che, grazie alla delibera sopracitata, proprio nel mese di settembre, hanno fatto indebitare le società, facendole assumere gravosi impegni economici, per poi disfare tutto. A confusione si è aggiunta confusione.

Tutto  questo fa ben capire lo stato di difficoltà estrema nel quale versano le società sportive  che, da decenni,  cercano di portare in alto il nome della Sardegna, ma nel contempo svolgono una importantissima azione sociale nei confronti di tanti giovani atleti che scelgono lo sport piuttosto che altre strade.
Questo  vuol essere il tragico  grido di estrema difficoltà raggiunto dalle suddette società,che confidano in un intervento immediato quanto risolutivo, per la sopravvivenza dello sport in Sardegna.

Commenta
(Visited 9 times, 1 visits today)

About The Author