A Tortona, il derby è della Junior!

Al termine di 40′ equilibrati, la Novipiù Junior Casale sbanca Voghera ed infligge il primo ko interno dell’anno al Derthona. Mattatore della serata è TJ Bray, top scorer con 22 punti e 5/9 da tre. Ma – ancora una volta – è il collettivo rossoblù a farla da padrone: altri tre uomini in doppia cifra (Martinoni 14, Saunders 13 e Fall 11,con Blizzard a 8) e solo 63 punti subiti, 9 nel decisivo ultimo quarto. Con la concomitante sconfitta di Agropoli, la Junior si ritrova ora in testa al Girone Ovest, con 4 vittorie e 1 sconfitta, assieme ad Agropoli, Agrigento e Scafati, avversaria proprio domenica prossima al PalaFerraris.
 
LA GARA – Bray sblocca subito la partita con un tiro dall’arco. Un Brooks onnipresente a rimbalzo permette a Tortona di impattare sul 7-7. E’ ancora una volta Bray a portare in vantaggio la Novipiù. Vantaggio che rimane fino al termine del primo quarto (16-19), nonostante le ottime giocate di Tortona con Reati e Marks. Secondo quarto che inizia con un cambio in regia per la Novipiù, con l’ingresso di De Nicolao. Ma parte subito energica Tortona, con coach Ramondino costretto a chiedere time out dopo soli 3’ di gioco e il sorpasso di Tortona (22-21). Aumenta l’intensità da parte di entrambe le squadre, ma l’Orsi è più precisa nel tiro. A 4 minuti dall’intervallo, il tabellone recita 33-28 Tortona. Casale trova la via del canestro con Fall e Martinoni. Bray chirurgico dalla lunetta manda le due squadre in spogliatoio con la Novipiù in vantaggio 33-36 con Martinoni e lo stesso Bray già in doppia cifra.
Al rientro dall’intervallo il primo canestro è ancora rossoblu con una strabiliante giocata Tomassini-Fall, viatico per il massimo vantaggio Novipiù sul 33-40. Tortona risponde con Marks che con una tripla riduce il divario tra le squadre. Si rimane così in costante equilibrio con botta e risposta dall’arco di Saunders prima e di Ammannato poi. Trainata da Brooks e Garri, Tortona si porta sul +4. Ma Bray e Fall, non ci stanno e con due giocate riportano la Junior in parità (54-54) in chiusura di terzo quarto.
L’ultimo periodo inizia con una fulminea doppia tripla per Saunders, che porta Casale sul +6 dopo meno di 2’ di gioco. La Novipiù si stringe in difesa recuperando palloni importanti, ma Tortona rimane appaiata a pochi punti di distanza. Momento chiave quando Brooks esce per 5 falli, Blizzard e Fall si fanno trovare pronti e trascinano Casale sul 60-67 a meno di 3’ dal termine. La difesa rossoblù tiene ancora, possesso dopo possesso, dominando a rimbalzo, sia in difesa che in attacco. Blizzard, dalla lunetta, fissa il punteggio finale: 63-72 Novipiù, nel tripudio dei tifosi casalesi assiepati nella curva ospite.
 
ORSI DERTHONA – NOVIPIU’ JUNIOR CASALE: 63-72 (16-19, 33-36, 54-54)
NOVIPIU’ CASALE: Saunders 13, De Nicolao, Bray 22, Tomassini 2, Natali, Blizzard 8, Martinoni 14, Vangelov 2, Ruiu ne, Fall 11, Valentini ne. All. Ramondino
DERTHONA BASKET: Spissu 5, Tava ne, Reati 14, Bianchi, Marks 13, Simoncelli 10, Garri 6, Maghet ne, Antonietti ne, Riva ne, Ammanato 7, Brooks 8. All. Cavina
A fine gara è raggiante Coach Marco Ramondino:Era una partita importante, che ci ha permesso di verificare la crescita dei giocatori anche in trasferta. Siamo stati molto attenti per tutta la partita, tranne in alcuni momenti del terzo quarto. Siamo riusciti a fare la nostra partita imponendo la difesa e controllando i rimbalzi. Anche guardando le statistiche, abbiamo limitato molto Tortona facendole segnare solo 60 punti invece che gli 80 di media. Ci sono stati solo due minimi errori sul pressing: per il resto abbiamo tolto molti tiri da 3 e difeso bene l’area limitando il contropiede. Siamo riusciti a mantenere anche un buon equilibrio sui tiri, tirando poco e bene da fuori e bene da dentro l’area. Abbiamo provato anche la zona per cercare di cambiare il ritmo della partita e gli spazi e tempi d’ attacco di Tortona; il tutto testando l’utilizzo di Saunders da numero 4. Con questa soluzione siamo riusciti a sfruttare i pick ‘n roll di Martinoni e Fall. Siamo molto orgogliosi di aver vinto contro questo avversario; il clima all’interno del palazzetto è stato molto caloroso e corretto. Siamo altresì contenti che alcuni dei nostri tifosi ci diano fiducia seguendoci anche in trasferta.. speriamo di poter conquistare la fiducia di tutti”.
 
Per Tortona e coach Demis Cavina è il primo ko casalingo stagionale: “Questa partita e quella con Agrigento, due squadre con sistema di gioco rodato e che hanno fatto bene l’anno scorso, dimostrano che c’è ancora molto da lavorare. Oggi ci siamo scontrati tatticamente contro una squadra che riempiva l’area e che ci limitava nel nostro gioco impedendoci di trovare il giusto ritmo. Questo ha portato a farci commettere errori banali con tiri aperti. I cinque falli di Brooks sono stati commessi a causa dell’innervosirsi del giocatore, che ha subito i raddoppi e non ha trovato ritmo in attacco. I 63 punti segnati non sono quelli abituali, abbiamo avuto più deficit nella parte offensiva. Gli episodi difensivi sono quelli che ci hanno spezzato le gambe per il break fatto da Casale”.
 
Aka Fall, autore di un grande secondo tempo, racconta il match così: “Essendo un derby era una partita molto sentita e la vittoria dà molta carica alla squadra anche per la settimana. E poi è stato bello poter festeggiare sotto la nostra curva pur essendo in trasferta. Abbiamo giocato bene, buona circolazione e grande difesa. Sono contento perché ho giocato una buona partita prendendo molti rimbalzi e questo, sicuramente, è grazie al lavoro svolto durante tutta la settimana con tutta la squadra. Sto anche lavorando in post basso per migliorare la parte offensiva in modo da essere più pericoloso in attacco; così facendo cerco di trovare un equilibrio tra attacco e difesa perché penso di poter ancora migliorare. L’importante per me è giocare bene, la classifica non è importante. Non vogliamo essere i favoriti ma possiamo dare fastidio a tante squadre. Abbiamo vinto 3 derby su 3 e questo dà fiducia sia a noi che ai tifosi“. 

 

Commenta
(Visited 2 times, 1 visits today)

About The Author