A1 Femminile: la presentazione di coach Francesco Dragonetto

Il campionato di serie A1 femminile torna a 14 squadre e vedrà iniziare il proprio cammino nell’opening day di Chianciano Terme del 5 e 6 ottobre. Mancano circa due settimane all’esordio ufficiale con tutte le squadre che sono nel pieno della preparazione tra fatiche ed amichevoli pre-stagionali. 

I roster sono tutti al completo, con gli annunci degli ultimi giorni delle giocatrici straniere a Bologna e Palermo, e di sicuro la stagione 2019/2020 si prevede avvincente, con un campionato che potrebbe riservare molte sorprese e potrebbe essere ricco di incognite soprattutto nella seconda e nella terza fascia del campionato, mentre per quanto riguarda la prima fascia le contendenti dei primi tre posti della regular season dovrebbero essere le campionesse d’Italia della Famila Schio, la Reyer Venezia e la Passalacqua Ragusa, che già nella passata stagione si sono contese le prime tre piazze. 

Partiamo con l’analisi dei roster proprio dalla squadra campione d’Italia del Famila Schio. La formazione scledense del confermato coach Pierre Vincent ha ritoccato ancora di più il reparto delle straniere ed anche quello delle italiane. Nel roster ruoteranno quattro straniere come già successo nelle ultime stagioni. Alle conferme di Eva Lisec e Sandrine Gruda ha aggiunto due giocatrici di straordinario valore come Jillian Harmon e Diamond DeShields. Harmon non ha sicuramente bisogno di presentazioni. É ormai una veterana del nostro campionato ed è stata grande protagonista dell’ultima stagione a Ragusa con la conquista della Coppa Italia e della finale scudetto proprio contro Schio. L’ala neozelandese con Sandrine Gruda e la nuova arrivata DeShields rendono il reparto straniere di buonissimo livello anche per l’Eurolega se si pensa che nella competizione europea si potrà anche giocare con la quarta straniera Lisec. Diamond DeShields giocatrice americana WNBA delle Chicago Sky ed attualmente ottava migliore realizzatrice della WNBA. Straniere di alta qualità con le conferme delle italiane Francesca Dotto, Crippa, Battisodo, Fassina e Olbis Futo Andrè, la giovane 2001 argentina Chagas e l’aggiunta di Sabrina Cinili e Jasmine Keys. Un parco italiane che ha aggiunto qualità ed esperienza con l’arrivo di Cinili, anche lei nella scorsa stagione grandissima protagonista della stagione di Ragusa, e gioventù e presenza sotto i tabelloni con l’arrivo di Jasmine Keys che ha dimostrato nel suo percorso tutta la sua crescita con il gran lavoro svolto a San Martino. Un rinnovato sforzo da parte del patron Cestaro che sicuramente vorrà confermarsi in Italia e provare a sfidare le potenze europee in Eurolega. 

Analizziamo la composizione del roster della Passalacqua Ragusa. La squadra vicecampione d’Italia e vincitrice della Coppa Italia della passata stagione che sarà allenata sempre da coach Gianni Recupido riparte dall’ossatura importante dello scorso anno delle italiane Romeo, Soli, Consolini e delle giovani Stroscio, reduce dall’oro europeo con la nazionale under 18, e Laura Gatti, alle quali va ad aggiungersi la conferma di Dearica Hamby, grandissima protagonista in questi giorni del campionato WNBA, ed ormai beniamina della squadra ragusana e fondamentale nell’identità del gioco di coach Recupido. I volti nuovi per questa stagione sono quelli delle italiane Nicolodi, in arrivo dal Geas, Kacerik, dalla Reyer, e Valentina Gatti che vanno a rinfoltire il roster siciliano. Kacerik sarà l’importante aggiunta per il reparto esterne, mentre Nicolodi e Gatti partiranno dalla panchina ma saranno importanti cambi per il reparto lunghe. Le straniere Kuster ed Harmon sono state sostituite con due innesti di spessore. Per Ashley Walker è un ritorno a Ragusa, che giocherà da comunitaria avendo la doppia nazionalità rumena, mentre farà il suo esordio in Italia la nigeriana Ify Ibekwe, reduce dalla vittoria del campionato Africano con la maglia nigeriana. Anche Ragusa attraverso questi importanti innesti sarà alla ricerca della conferma al vertice del nostro campionato e ancora una volta proverà a tentare l’assalto al tricolore. Giocatrici affermate con esperienza e straniere di alto livello la mettono in lizza per una stagione da protagonista. 

Nel lotto delle pretendenti al vertice non manca sicuramente la Reyer Venezia. Cambio in panchina per la formazione lagunare che vede il ritorno in panchina e nella femminile dell’ex coach della nazionale italiana Giampiero Ticchi. Una Reyer che ha cambiato poco confermando ben 7 tasselli già presenti nella passata stagione con le italiane Carangelo, Bestagno, De Pretto, Gorini, Macchi e le conferme straniere di Jolene Anderson e Anete Steinberga alle quali si andrà ad aggiungere una giocatrice di assoluto valore come Gintare Petronyte, mentre tra le italiane le aggiunte di Pastore e Penna, che rientra dall’esperienza americana, fanno della Reyer un roster lungo e pronto a conquistare anche la qualificazione in Eurolega dei prossimi giorni contro Minskolk. Da verificare le condizioni di Penna che è incappata in un infortunio in questo inizio di preparazione. Al roster di coach Ticchi c’è anche aggiunta l’italo-australiana Alex Ciabattoni che nello scorso ha contribuito alla salvezza di Ponzano in Serie A2 dimostrando di avere importanti numeri da serie maggiore. Un roster quello della Reyer cambiato poco, ma che nelle piccole modifiche ha sicuramente tenuto molto il valore qualitativo e di esperienza per affrontare la stagione da assoluto protagonista. 

Nella seconda fascia delle pretendenti di questo campionato si possono collocare le formazioni della Fila San Martino di Lupari, dell’Allianz Geas Sesto San Giovanni e della Fiore Broni. San Martino è come al solito una mina vagante di questo campionato, come già successo più volte nelle ultime stagioni e con coach Larry Abignente che riesce sempre a tirare fuori il massimo dal roster a propria disposizione ed anche in situazioni fisiche che non sempre hanno favorito il percorso delle lupe. Un roster molto lungo e nel quale la società veneta proverà anche ad inserire molte delle giovani alle quali si è data fiducia in questi anni nel lavoro del settore giovanile. Confermate Caterina Dotto, Tonello, Fietta, che lo scorso nel suo primo anno di A1 è riuscita a giocare da protagonista soprattutto nei momenti di emergenza a livello di infortuni, Sandri, in fase di recupero dal nuovo infortunio dello scorso anno, Milani, Meroi, Amabiglie e Beraldo, si sono aggiunte le italiane Filippi, reduce dall’esperienza di Schio e per lei un ritorno a San Martino, Ciavarella, per lei esordio nella massima serie, e gli arrivi delle giovani molto interessanti Elena Giordano e Sara Toffolo entrambe in arrivo da Marghera. Con loro faranno parte del roster anche Pasa, Peserico e Rosignoli e della 2002 bosniaca Damjanovic. Cambio totale del reparto straniere invece rispetto allo scorso anno. Straniere interessanti e con esperienza quelle scelte da coach Abignente con il ritorno di Egle Sulciute vicino canestro, con l’arrivo della guardia/ala americana Angie Bjorklund e di Samantha Ostarello ala/pivot già vista in Italia con la maglia di Vigarano qualche stagione fa. Un roster ben assortito e che per quasi tutta la sua completezza che conosce già molto bene il campionato italiano e che di sicuro questo sarà un particolare importante per partire subito bene e forte nel prossimo campionato e provare ancora una volta a confermarsi tra le prime squadre del campionato. 

Chi va alla ricerca di ulteriori conferme sono Broni e Sesto San Giovanni reduci da una stagione molto positiva dello scorso anno, con Broni che ha sfiorato l’accesso in semifinale play off e con Geas che ha giocato la finale di Coppa Italia contro Ragusa. 

Per Broni con la conferma di coach Alessandro Fontana e di parte del roster dello scorso anno con la conferma della straniera Premasunac, giocatrice in pianta stabile nel nostro campionato da alcune stagioni e presenza importante sotto i tebelloni e reduce da una crescita importante la stagione scorsa, e delle italiane Spreafico, Anna Togliani, Greta Miccoli, Moroni, Castello, in fase di ripresa dopo un infortunio, con le conferme delle giovani Capra e Baldan. Sono state ingaggiate nel reparto italiane Orazzo, Parmesani, Ngo Ndjock e la giocave Lavezzi, mentre per le straniere il ritorno in Italia del centro Tikvic, ex Umbertide e Torino, e della americana Jaime Nared altro tassello importante sotto i tabelloni di una giocatrice interessante ed esordiente per il nostro campionato. Un precampionato quello di Broni cominciato con qualche acciacco di troppo, ma che sicuramente sarà superato grazie anche al giusto clima che la società lombarda riesce sempre a creare intorno alla squadra, con la speranza di confermare quanto già fatto di buono lo scorso anno.   

In cerca di conferme anche l’altra squadra lombarda del Geas. Confermata coach Cinzia Zanotti e confermati 6/10 del roster dello scorso anno con Ercoli, Costanza Verona, Panzera e Arturi tra le italiane e della straniere Brooque Williams e Sophie Brunner, la società ha completato il roster con le italiane Crudo, Zampieri e Botteghi e con la lunga straniera Sabina Oroszova, giocatrice che ha già militato nel nostro massimo campionato con la maglia delle Lupe di San Martino. Un roster completato con giocatrici italiane che hanno fatte bene lo scorso anno come Zampieri in A2 e vogliose di fare bene come Crudo, reduce dalla parentesi Reyer, e di Botteghi lo scorso anno a Torino che si va aggiungere alla già grande esperienza maturata lo scorso anno da questa squadra. 

Nell’altro troncone di questo campionato troviamo le rimanenti squadre che potrebbero nel corso della stagione portare qualche sorpresa in questo campionato. Squadre costruite per far bene e per provare ad entrare nei primi otto posti che garantirebbero la possibilità di giocare i play off, ma allo stesso tempo di costruire la propria stagione per salvare la categoria e restare in A1 con tranquillità. 

Partiamo dalle novità di questa serie A1 che sono le neopromosse Palermo e Costamasnaga e della Virtus Bologna, squadra inserita tra le 14 squadre che disputeranno questa stagione dopo la rinuncia della società della Matteiplast Bologna che aveva conquistato la promozione contro Alpo nello spareggio di Empoli. Sicily By Car Palermo con la promozione raggiunta lo scorso anno dominando i play off del girone sud porta a due le presenze siciliane in questo campionato. Il grande lavoro e l’esperienza di coach Santino Coppa ha portato con entusiasmo questa piazza a presentarsi a questo campionato. Confermato il nucleo delle italiane che ha conquistato la promozione con Marta Verona, Cupido, Russo, Miccio e Manzotti e con loro le giovanissime del vivaio palermitano Gioe, Salamone, Cappelli, Calio e Casiglia, coach Santino Coppa ha inserito le tre nuove straniere con l’ala americana Ronni Williams che con l’altra americana Keisha Gatling comporrà la coppia di lunghe della squadra siciliana assortita di fisicità ed atletismo e di una buonissima tecnica. Con loro la terza straniera sarà la spagnola playmaker Laia Flores Costa formatasi negli States. Unico innesto italiano nel roster palermitano è quello di Mounia El Habbab, reduce dall’esperienza in A1 dello scorso anno a Battipaglia e che sicuramente saprà dare il proprio apporto nei minuti che farà da cambio della coppia titolare americana. Un roster costruito con oculatezza e che sicuramente avrà visto tutta la grandissima attenzione ed esperienza in tutte le scelte fatte da coach Santino Coppa che ritorna così in serie A1.

L’altra squadra promossa sul campo è la novità per la serie A1 del Basket Costa x l’Unicef. Per il massimo campionato è stato scelto un nuovo coach Paolo Seletti, che ha preso il posto di coach Gabriele Pirola. Una squadra quella lombarda che non snatura il proprio progetto confermando molte giovani protagoniste dello scorso campionato di A2. Con le conferme delle più esperte Baldelli e Rulli faranno parte di questa esperienza nel massimo campionato anche Spinelli, reduce dall’oro europeo con l’under 18, Balossi, Frustaci, protagonista del canestro promozione, Allevi, N’Guessan, Colognesi, Celli e con loro faranno parte del roster le ancora più giovani gemelle Eleonora e Matilde Villa, Toffali e Allievi. Nel reparto straniere tre novità. La già conosciuta guardia american Jori Davis si vedrà affiancata dalla sua connazionale Reyna Frost che sotto i tabelloni farà coppia con la rumena Elisabeth Pavel. Per la Pavel un ritorno in Italia dopo aver giocato ben 9 anni fa a Napoli in serie A2 in maglia Gymnasium e nel successivo anno in maglia Dike Napoli. Una scommessa questa della società lombarda, ma che ha già dimostrato di avere fatto una scelta giusta e coraggiosa affidandosi alle tante giovani cresciute nel proprio settore giovanile. 

Chiudiamo lo spazio delle novità con l’inserimento nel massimo campionato della Virtus Bologna femminile. Un innesto importante per l’A1 femminile sia per il nome sia per la piazza che va a rappresentare con la società Virtus che ha deciso di prendere parte a questo campionato in seguito alla rinuncia dell’altra società bolognese Matteiplast che aveva vinto sul campo lo spareggio promozione. Del roster di questa stagione, oltre al coach della promozione Giancarlo Giroldi, faranno parte anche delle giocatrici che hanno conquistato quella promozione. D’Alie, Tassinari, Tava, Cordisco, Rosier protagoniste della promozione alle quali potrebbe aggiungersi anche Dall’Aglio le vede rappresentanti del gruppo italiane insieme a Martines, Cabrini, Tartarini e dell’aggregata Varini.  Per le tre straniere su cui puntare per questo esordio in A1, la società bolognese ha cercato tre nomi importanti ingaggiando a spagnola Angela Salvadores Alvarez, la statunitense Kaylon Williams e la croata Ana Marija Begic. Salvadores Alvarez sarà il metronomo del gioco virtussino nel ruolo di playmaker. Grandissima esperienza in tutte le nazionali giovanili spagnole, è una giocatrice molto interessante, capace anche di essere una importante pedina in fase realizzativa. Sotto canestro si è puntato su Williams, che ha già avuto esperienze in Europa nel campionato greco, e sulla nazionale croata Begic. Una coppia di lunghe anche questa molto interessante e sulla quale Bologna farà sicuramente grande affidamento nel proprio gioco. 

Ne mancano ancora cinque di squadre da presentare ed ognuna di loro arriva a questo campionato con la ricerca di vivere una stagione tranquilla, ma che allo stesso tempo possa anche tenere in serbo qualche sorpresa. 

Partiamo dalla squadra della città della mole. La Pallacanestro Torino Iren Fixi rispetto allo scorso parte alla pari con tutte avendo avuto la possibilità di allestire il proprio roster al pari delle altre, cosa che nello scorso anno non era successo. Al timone della squadra torinese è il confermato coach Massimo Riga che ha allestito un roster importante con le conferme di Milazzo, Petrova e Giulia Togliani e delle giovani Buffa e Zecchina alle quali si sono aggiunte importanti innesti. Nel reparto italiane sono state ingaggiate Del Pero e Barberis, in arrivo rispettivamente da Battipaglia e Geas, e con loro c’è stato il ritorno di Salvini. Le tre straniere scelte da coach Riga hanno già dimostrato in questo inizio di preparazione di essere atlete molto interessanti. Due americane Moesha Kinard e Alexis Jennings, nel ruolo rispettivamente di guardia e centro della squadra, e la giovane bosniaca Brcaninovic completano il roster e fanno di Torino squadra che potrebbe puntare ad essere una delle sorprese di questo campionato. 

Ci spostiamo al sud a Battipaglia. La squadra campana, con le due siciliane, rappresenta il sud della pallacanestro femminile nel massimo campionato di serie A1. Si è puntato forte su un allenatore di esperienza e vincente come coach Sandro Orlando, reduce della vittoriosa estate con la nazionale under 20 medaglia d’oro all’euopeo, e su un roster completamente rinnovato. I sei volti nuovi Tagliamento, Nori, Galbiati e le straniere Michaela Houser, Tori Jarosz e Marta Gomez insieme alle tante giovani del vivaio proveranno a portare la compagine campana a vivere una stagione più tranquilla delle ultime pensando anche ad un ingresso tra le prime otto. Esperienze di A1 importanti per Tagliamento, Nori e Galbiati abbinate alle tre straniere scelte con Jarosz sotto canestro e con l’esterna Houser e la spagnola nel ruolo di 4 Gomez potranno sicuramente esprimere un gioco divertente ed efficace al quale punta il sodalizio campano. Insieme a loro ci saranno le tante giovani che dovranno dare il loro contributo con MontianiCremona, De Rosa, Sasso, Mattera, Scarpato, Mazza, Opacic e De Feo.

Ci spostiamo in Toscana con le due compagini di Lucca ed Empoli. La Gesam Gas e Luce Le Mura Lucca ha fatto una scelta di puntare su un quintetto più esperto e con una panchina composta da tante giovani emergenti che questa estate sono state grandissime protagoniste degli ori europei dell’under 18 ed under 20. La panchina è stata affidata a coach Francesco Iurlaro. Lo starting five è composto da Bonasia, Ravelli e dalle tre straniere Janeesa Jeffery, Ivana Jacubcova e Batabe Zempare. Per Zempare un ritorno in Italia dopo averci giocato a Vigarano qualche stagione fa, mentre per le altre due è un esordio nel nostro campionato. Come detto dalla panchina tante belle novità per la squadra lucchese. Si giocheranno il loro posto e lo faranno con la stessa grinta e capacità di questa estate le 2001 Alessandra Orsili, reduce da ben due ori questa estate, e Silvia Pastrello, la 2000 Sara Madera e la 1999 Elena Smorto. Per Madera la possibilità di trovare minuti importanti dopo aver fatto parte del roster della Reyer nelle passate stagioni. Un bel mix questo di Lucca che sicuramente potrà fare bene e come anche Battipaglia e Torino potrebbe puntare a uno di quei posti delle prime otto che vorrebbe dire play off.

Restiamo in Toscana e ci spostiamo ad Empoli. Seconda stagione nel massimo campionato per la squadra allenata da Alessio Cioni. Dopo aver disputato un buon campionato lo scorso anno la compagine empolese ci riprova. Del roster protagonista lo scorso anno è stata confermata la straniera Erin Mathias e con lei le italiane Narviciute e Tay Madonna e Manetti. Le due nuove straniere sono Kamila Stepanova e Maci Morris, novità per il nostro campionato e che dovranno essere punti fondamentali importanti nello scacchiere empolese, e con loro sono arrivate ad Empoli Stefania Trimboli ed Elena Ramò, per la prima un cambio di casacca dopo tanti anni in A1 a Battipaglia, mentre per la seconda un ritorno in A1 dopo la positiva stagione dello scorso anno ad Alpo. Poi tante giovani con l’innesto della pugliese Mastrototaro che va ad aggiungersi a Ruffini, Malquori, Francalanci, Caparrini e Bastianoni.

Ci resta da presentare la Pallacanestro Vigarano che anche in questa stagione punterà molto forte sul proprio settore giovanile per la disputa di questo campionato. Cambio in panchina con capo allenatore Marco Castaldi. Confermate le italiane Bocchetti, Maria Miccoli, Ceno, Gianesini, Farina ma soprattutto le campionesse europee Gilli, Natali e Nativi e la straniera Breanna Bolden grande protagonista dello scorso anno. Negli spot riservati alle altre due straniere si è deciso di puntare sulla statunitense con cittadinanza italiana playmaker Beatrice Attura, che ha avuto la possibilità di partecipare anche ad un raduno con la nazionale italiana, e la nigeriana Pallas Kumaiyi-Akpanah totem di 188 cm che sarà il punto di riferimento sotto canestro. Con gli arrivi delle due nuove straniere ci saranno anche due volti nuovi per quanto riguarda le italiane con la guardia 2000 Gregori dalla Reyer e della 2003 Noemi Celani. Un roster ancora una volta molto giovane per la formazione ferrarese, ma che ha già dimostrato di poter riuscire con questa politica di fare buoni risultati e dare possibilità a delle giovanissime di confrontarsi con il top della pallacanestro femminile italiana. 

Un campionato che tra certezze e possibili sorprese sarà bello da vedere e ci vorrà qualche settimana per poter delineare i veri valori che vedremo in campo e il vero ranking di questa stagione di pallacanestro femminile del massimo campionato italiano. Staremo a vedere. L’appuntamento con l’opening day di Chianciano sarà già un ottimo appuntamento per vedere all’opera le quattordici squadre protagoniste. 

Buon campionato a tutti!

 

Commenta
(Visited 416 times, 1 visits today)

About The Author