Action Now Monopoli, esame di maturità a Lecce

Reduce da tre vittorie consecutive che le hanno permesso di agganciare in vetta Molfetta, l’EPC chiude a Lecce il girone d’andata affrontando un’altra squadra tra le candidate al salto di categoria, la Lupa Lecce di coach Di Salvatore.

Gli ultimi successi monopolitani sono concisi anche con un miglioramento degli automatismi difensivi ed offensivi della squadra di coach Millina, l’ultimo impegno del girone d’andata è però uno dei più complessi del girone d’andata, in quanto si affronta in trasferta una delle big del campionato.

I Leccesi hanno un po’ stentato nelle prime giornate di campionato per poi iniziare una risalita che li ha portati all’importante vittoria esterna contro Molfetta di domenica scorsa ed al momento occupano la terza posizione in classifica in coabitazione con Taranto e la sorpresa Mola.

Le chiavi della squadra di coach Di Salvatore sono affidate a Simone Salamina, uno dei migliori play della categoria e uomo barometro della squadra, principali bocche da fuoco sono Sinisa Cvetanovic lungo serbo dal devastante atletismo e Zilvinas Petraitis, ala lituana, capocannoniere dello scorso campionato di C Gold, in dubbio a causa di un problema muscolare. Completano un roster di altissimo livello per la categoria giocatori del calibro di Durini, Mocavero e Marinelli insieme ai giovani Calasso e Di Salvatore.

Appuntamento per la palla a due alle ore 17.30 domenica 15 dicembre, arbitri dell’incontro saranno Francesco Menelao di Mola di Bari e Giuseppe Russo di Taranto. L’incontro si terrà al palazzetto “G. Ventura”, capiente impianto che consentirà alla tifoseria ospite di poter seguire la squadra in quest’ultima trasferta del girone d’andata.

 

Commenta
(Visited 35 times, 1 visits today)

About The Author

Gennaro Dimonte Nato a Barletta nel 1994. Prossimo alla laurea in Scienze della Comunicazione e aspirante giornalista. Si divide tra la palla a spicchi e il calcio, con i miti di Carmelo Anthony e Del Piero nel cuore. Grande appassionato di NBA, spera di rivedere i suoi Knicks tra le grandi.