Ad Alpo nulla da perdere, Fassi cinica e spietata

Prossimo e temibile avversario, come dimostrato anche nelle ultime stagioni e nel match d’andata, del Fassi Edelweiss Albino sarà quell’Alpo Basket ’99 che proprio nell’ultimo turno abbiamo superato in graduatoria grazie all’emozionante vittoria casalinga contro Basket Club Bolzano e la contemporanea battuta d’arresto delle veronesi nella trasferta in terra cremasca ad opera della seconda della classe Basket Team Crema.

Al termine di un paio di settimane che a Villafranca e dintorni qualcuno aveva definito abbastanza tese, la Società del presidente Soave aveva deciso di separarsi consensualmente da due pedine relativamente importanti per il proprio roster: Marina Fumagalli, ala classe 1993 di scuola cestistica biassonese, e Alice Richter, 24enne ala triestina. I “rumors” degli addetti ai lavori parlano di differenti vedute dal punto di vista tecnico con coach Nicola Soave e di problematiche personali ormai diventate difficilmente gestibili, poco importa se non che la news annunciata nelle ultime ore è proprio l’ingaggio da parte della capolista Pallacanestro Broni della “mula” ex Lucca fino a fine stagione.

Riacquistata un po’ di serenità, le ragazze di Villafranca di Verona sono pronte a vendere cara la pelle per ottenere in questa seconda parte di campionato altre soddisfazioni, a partire dalle giovani e talentuose giocatrici già lanciate con un buon minutaggio in Serie A2 dallo staff tecnico biancoblu: Susanna Toffali e Silvia Zanardelli, entrambe classe 1998 di estrazione cestistica bresciana, e le due mantovane doc anch’esse 17enni Sofia Bottazzi e Lucrezia Zambonini. Se volessimo scommettere un euro su un’eventuale outsider lo punteremmo senza ombra di dubbio su una di queste promettenti atlete…

Chi invece non ha mai smesso per un secondo di tirare la “carretta” della formazione di coach Soave è anche in questo girone A l’inesauribile Giulia Monica (9,4 pt con 82,5% ai liberi + 4,5 rbs + 2,8 perse in 27,1 minuti di media) che affianca la migliore realizzatrice veronese, la bosniaca Marina Dzinic (13,9 pt col 53,1% + 8,1 rbs + 4,6 falli subiti in 31,1 minuti di media), formando una coppia play-pivot tra le più complete e tecnicamente assortite del campionato. La 22enne Francesca Santarelli (5,4 pts + 1,9 palle recuperate + 1,3 assist in 27,1 minuti di media) si divide importanti minutaggi insieme alle “veterane” del gruppo che ormai da diverse stagioni regalano ai proprio tifosi risultati alquanto sorprendenti: la 30enne capitana Anna Rossi, la play classe 1993 Elena Borsetto e la scledense guardia 23enne Maria Zanella. La formazione sponsorizzata Ecodent vive delle iniziative che le sue numerose esterne si prendono nell’1vs1, la maggior parte delle volte in modo davvero efficace, nonché del ritmo in taluni casi davvero esasperato che impone il quintetto sul rettangolo di gioco. Nella gara d’andata (47-50 il colpo esterno) la chiave tattica fu imbrigliare la nostra Goga Bedalov con dei raddoppi sistematici nelle situazioni di post-up concedendo al Fassi Albino ampio spazio dai 6,75 mt (2/18 da 3 per le biancorosse).

Con un ulteriore allenamento da sfruttare nella serata odierna, coach Pasqua rivela al nostro taccuino: “come tutte le squadre che si sono lasciate alle spalle un periodo poco felice Alpo vorrà dare sicuramente un segnale importante davanti al proprio pubblico, dal canto nostro non vogliamo assolutamente concedere a Monica e compagne di gestire il ritmo del match e farci trovare impreparate sulle loro iniziative insistite nell’1vs1 dove colgono i maggiori vantaggi”.

A mettere un altro po’ di pepe ed entusiasmo come sua felice abitudine ci sarà tra le dodici biancorosse anche Eleonora Isacchi che, dopo aver riassaggiato il gusto del campo settimana scorsa al PalaTorre, potrebbe fare il suo esordio ufficiale in questa stagione 2015/2016 proprio sul parquet veneto. Il Fassi Albino si presenterà anche domani sera alla palla a due senza le due lunghe di ruolo (Giulia Vincenzi e Gordana Bedalov) ma se per il match contro Bolzano si era dovuto aspettare quasi 35 minuti per vedere le facce giuste e la cattiveria agonistica, stavolta non ci sono alibi che tengano… si cerca la 4^ affermazione consecutiva e soprattutto un segnale definitivo da mandare al campionato!

Noi ci crediamo, nonostante la trasferta sia davvero insidiosa e comunque da giocarsi dal primo all’ultimo possesso! E’ il vostro momento, fuori i sorrisi e dentro il fuoco…

Commenta
(Visited 2 times, 1 visits today)

About The Author