Ad Ariano arriva Viterbo: gara insidiosa nonostante la cabala favorevole

Il Pala Cardito è pronto a riabbracciare le leonesse. Domani appuntamento al Pala Cardito (ore 18) per il match contro la Defensor Viterbo appaiata a quota quattro con le arianesi dopo le prime tre giornate.

Le ufitane hanno l’intenzione di riprendere la marcia. Sfortuna, arbitraggio rivedibile, distrazioni e difficoltà sotto le plance hanno determinato il primo stop stagionale ad Empoli. Non sarà facile. Lo conferma anche l’assistant coach Valentina Calandrelli: “Viterbo è una squadra fisica. E’ necessario non dare mai niente per scontato fino alla fine” Ciaravella e Yordanova sono i due terminali offensivi principali: “Ciaravella è una buona giocatrice. Ha migliorato considerevolmente le sue prestazioni. La squadra ha puntato su di lei come riferimento per concretizzare i vantaggi”. Resta in forse l’impiego di Marta Vargiu: “Stiamo cercando di recuperarla. Monitoriamo la situazione giorno per giorno. Sta migliorando”.

 

L’AVVERSARIA – Viterbo arriva in Irpinia dopo i due successi convincenti in avvio con Salerno e Viareggio e la sconfitta casalinga nell’ultima uscita contro Bologna. La formazione di coach Scaramuccia, anima storica del basket femminile viterbese, ha confermato in blocco il roster della scorsa stagione che ha raggiunto la salvezza attraverso la poule retrocessione. La regia è affidata alla staffetta tra la sedicenne locale Raiola e la 20-enne Chiara Flauret di scuola cestistica faentina. Orchi e Spirito sono le guardie. La sorpresa delle prime giornate è stata Giulia Ciaravella. L’ala, lo scorso anno alla Belize Roma, è la top scorer: 28 e 25 nelle prime due uscite, ma all’asciutto contro Bologna. Sotto canestro c’è la bulgara Yordanova, alla sua terza stagione a Viterbo, che fa coppia con la pivot Cutrupi reduce dall’esperienza a Battipaglia.

 

LE CIFRE (medie per gara):

Le Farine Magiche Ariano Irpino: P.ti 63,7 (Cupido 16); P.ti subiti 55,3; Falli C. 25,7 (Albanese 4); Falli S. 22,7 (Cupido 7,7); T2 34,9% (L. Zanetti 55,6%); T3 37,8% (Vargiu 54,5%); Tl 70,1% (Celmina 85,7%); Rimb. 38 (E. Zanetti 7); Perse 16,3 (Vargiu 4); Rec. 26 (Cupido 4); Assist 11 (Vargiu 2,5); Valutaz. 74 (Cupido 21,3).

Defensor Viterbo: P.ti 64,3 (Ciaravella 17,7); P.ti subiti 57,7; Falli C. 20,3 (Spirito 3,5); Falli S. 21 (Flauret e Ciaravella 4,7); T2 41,5% (Bassani 100%); T3 24,6% (Riccobono 50%); Tl 63,8% (Flauret 80%); Rimb. 40,7 (Cutrupi 9); Perse 18 (Flauret e Yordanova 3,7); Rec. 21 (Spirito 3,5); Assist 5,7 (Yordanova 1,7); Valutaz. 65 (Ciaravella 16,7).

 

ARBITRI – Luigi Ezio Esposito di Nola (NA), Claudia Ferrara di Napoli

I PRECEDENTI – Il match contro Viterbo è un appuntamento classico del campionato di serie A2. Il parziale è di 5-1 per Ariano. Nei tre precedenti al Pala Cardito altrettanti successi per le rossoblù. L’unica vittoria di Viterbo risale al primo confronto dell’8 dicembre 2012 quando le laziali s’imposero al Pala Malè per 65-60. Da record il match di andata dello scorso campionato. Le arianesi largheggiarono in trasferta per 57-93. Diversi i primati di club stabiliti in quella circostanza: oltre ai 93 punti (primato di Ariano in A2) anche i 12 tiri da tre andati a bersaglio (12/22) e le 27 palle recuperate. Due anche gli high personali: quelli dell’ex Elisa Mancinelli (20 punti, primato assoluto per la guardia ora ad Orvieto in A1) e di Marisabel Santabarbara (17, suo record personale limitatamente alla serie A2).

Commenta
(Visited 8 times, 1 visits today)

About The Author