Agliana torna al Capitini, Mannelli: "Mi aspetto una partita maschia e poco leggibile"

Dopo più di un mese di assenza – era il 22 dicembre e arrivò una bella vittoria contro Pielle Livorno – la Endiasfalti Agliana torna a giocare al Capitini. Di fronte, i neroverdi si troveranno l’Olimpia Legnaia, squadra che all’andata li ha costretti alla sconfitta (62-53). Dopo il k.o. di La Spezia, la Endiasfalti cerca in casa, dove ha perso solo contro la capolista Chiusi, i primi punti del girone di ritorno di questa C Gold estremamente competitiva.

I fiorentini dell’Olimpia Legnaia sono una solida realtà del campionato e con 20 punti condividono il terzo posto proprio con Agliana e Castelfiorentino, a -2 da Chiusi (che osserva il turno di riposo) e -4 dalla capolista Siena (24). Si tratta quindi di uno scontro diretto all’interno della bagarre per conquistare il fattore campo nei playoff; anche se ancora mancano molte partite.
Legnaia viene da due vittorie consecutive, di cui l’ultima contro Chiusi, e soprattutto dal trionfo in Coppa Toscana, alzata al cielo in finale contro Arezzo. Gioca con grande grinta ed energia, difende forte e produce giocate di qualità in attacco. La Endiasfalti dovrà fare attenzione su entrambi i lati del campo e rimanere concentrata per tutti i 40 minuti. Dietro al leader offensivo Filippo Mascagni (14 di media), ci sono infatti diversi giocatori che sanno fare male. Sia a difesa schierata che in transizione.
«Siamo pronti – esordisce coach Tommaso Mannelli – abbiamo lavorato sodo e abbiamo voglia di giocare una gara così importante, la miglior medicina dopo la sconfitta di domenica scorsa».
«Non mi aspetto un bel match – prosegue – ma una partita difficile, maschia e poco leggibile. Siamo chiamati a fare passi in avanti dal punto di vista dell’atteggiamento e della continuità all’interno dei 40 minuti. Sarà importante essere costanti sia in attacco che in difesa e giocare la nostra pallacanestro senza cali; provando a contrastare la loro energia. La partita d’andata? Eravamo in piena fase di costruzione – conclude Mannelli – non è un metro di paragone valido».
Fonte: Ufficio Stampa Pallacanestro Agliana 2000
Commenta
(Visited 23 times, 1 visits today)

About The Author

Enrico Pecci Classe ’96, proveniente da quel favoloso luogo chiamato Marche (provare per credere), studente di Scienze della Comunicazione ed appassionato di calcio quanto di basket. Collaboratore per nba24.it e tuttobasket.net, sognando un futuro in cui scrivere di sport, basket e calcio in particolare, sia un lavoro oltre che una passione. Appassionato di basket sin dai primi passi mossi nel parquet dal Re, King LeBron James. #IPromise.