Agliana ospita il Don Bosco Livorno. Mannelli: "Impossibile sottovalutarli"

Concentrazione. È questa la parola chiave per la Endiasfalti Agliana, che dopo tre vittorie consecutive contro Legnaia, Montale e Valdisieve alle 18 attende al Capitini Don Bosco Livorno, squadra con giovani di talento, ma al momento penultima in classifica. I neroverdi sono a -2 dalla capolista Chiusi, che affronteranno domenica primo marzo in trasferta: non possono permettersi cali di attenzione né dovuti al sottovalutare i livornesi, né al pensare già al prossimo e decisivo incontro.

La Don Bosco che giunge ad Agliana è reduce da tre ko di fila contro Valdisieve, Arezzo e Chiusi e vuole a ogni costo invertire la rotta. Intanto perché matematicamente non è ancora impossibile salvarsi in modo diretto e poi perché i labronici vogliono assicurarsi la miglior posizione possibile in ottica playout. Intanto provando a raggiungere Synergy Valdarno che dista solo due punti. La squadra di coach Aprea è giovane, molto tecnica, fa dell’energia, della corsa e dei suoi ottimi tiratori (anche da tre) le armi migliori. Oltre al fatto che proverà a imbrigliare l’attacco neroverde con delle difese a zona molto tattiche.

«Per noi è un appuntamento molto importante e delicato – esordisce coach Tommaso Mannelli – visto che stiamo vivendo un buon momento dal punto di vista dei risultati e dobbiamo continuare a vincere. A maggior ragione se giochiamo in casa». Anche perché la classifica nelle zone alte è molto corta. Chiusi, Castelfiorentino e Virtus Siena sono a +2 su Agliana (ma quest’ultime due devono ancora riposare), che al primo passo falso verrebbe incalzata da Legnaia, Arezzo e Pielle Livorno. «I ragazzi si sono allenati bene – prosegue – sanno cosa li aspetta e quanto conta la partita. Dovremo essere bravi a spostare la gara sui piani che ci sono congeniali, come quello fisico. Contro Montale, che per età è una squadra simile, siamo stati bravi a contenere l’esuberanza e l’energia dei giovani e dovremo ripetere quel lavoro. Sarà una battaglia e un bel banco di prova in un momento in cui non siamo al completo».

«Sottovalutare l’avversario? Non è possibile – conclude Mannelli – la nostra forza in queste due stagioni è stata proprio quella di preparare minuziosamente e con la stessa attenzione ogni partita. I giocatori sapranno fare attenzione a tutti quei dettagli che al 40′ fanno la differenza tra una vittoria e una sconfitta».

Fonte: Ufficio Stampa Pallacanestro Agliana 2000

Commenta
(Visited 14 times, 1 visits today)

About The Author

Enrico Pecci Classe ’96, proveniente da quel favoloso luogo chiamato Marche (provare per credere), studente di Scienze della Comunicazione ed appassionato di calcio quanto di basket. Collaboratore per nba24.it e tuttobasket.net, sognando un futuro in cui scrivere di sport, basket e calcio in particolare, sia un lavoro oltre che una passione. Appassionato di basket sin dai primi passi mossi nel parquet dal Re, King LeBron James. #IPromise.