Agrigento indigesta per Legnano che perde la quarta partita consecutiva

Dopo 15 giorni, i Knights tornano in campo al PalaMoncada di Agrigento contro una Fortitudo reduce da due vittorie e due sconfitte nelle ultime partite.
Legnano recupera tutti gli acciaccati e anche Mosley è regolarmente nel roster.

Il match inizia con un gioco da 3 punti di Cannon, ribattuto da un semigancio di Mosley, che segna anche in schiacciata dopo i liberi di Guariglia.
Zugno infila ancora 2 punti, ma anche Raivio mette 2 punti in contropiede, in modo da tenere alte le percentuali dal campo di una gara subito ad alto ritmo.
Williams segna in contropiede, ma una bella azione corale dei Knights tiene il punteggio sul 9-8, anche se Guariglia allunga ancora con il jumper del 11-8; Legnano fatica molto in attacco e i contropiedi di Cannon, portano il punteggio sul 15-8.
Ai primi cambi dalle panchine, Zugno segna la tripla del 18-8 e Mattia Ferrari chiama il primo timeout della gara.
Raivio e la tripla di Maiocco, al rientro, riavvicinano subito la FCL sul 18-13, poi l’assist di Maiocco per Raivio vale il 18-15.
Evangelisti si sblocca, fermando il break biancorosso, con Raivio a segnare un canestro difficile, e Legnano che ora sempre molto più concentrata, alla fine del primo quarto che si chiude sul 20-17

La partenza del secondo periodo, inizia con i canestri in penetrazione di Tomasini e Lovisotto, con Raivio a segnare il jumper del -1 sul 22-21.
Il primo vantaggio biancorosso, invece, è ancora di Tomasini con una penetrazione al ferro per il 22-23; il vantaggio viene ribadito da Toscano dopo i liberi di Cannon, mentre Raivio manda Legnano sul +3.
Pepe non ci sta e infila la tripla che riporta il punteggio in parità sul 27-27; Maiocco prova a far scappare ancora i Knights con la bomba del +3, tuttavia i liberi di Pepe tengono la Fortitudo sul -1.
Cannon si muove bene da sotto, ma Martini con la tripla e il contropiede, lancia i Knights sul 31-35, Cannon da fuori e Williams dai liberi, riassestano il 34-35 che mantiene la gara del tutto incerta.
Tomasini infila dall’arco il +4, ma ancora Pepe dai liberi fissa il 36-38.
Guariglia schiaccia, ma Maiocco è caldissimo con la sua terza tripla in fila che tiene i Knights avanti sul 38-41, che diventa 40-42 con il libero di Tomasini e la penetrazione di Zugno che mandano tutti negli spogliatoi.
41-45.
Zugno segna da sotto, poi Mosley in appoggio e la partita avanza piacevolmente con gli attacchi più precisi e attivi delle difese.
Pullazi mette la tripla, ma ancora Zugno è la spina nel fianco, anche se i biancorossi rimangono avanti 45-53
Williams, Evangelisti e Amborsin costruiscono il parziale dal -8 al -3 siciliano, con Ferrari a dover chiamare ancora timeout per cercare di cambiare l’inerzia della gara.
Dopo la sospensione di Ferrari, i liberi di Ambrosin vengono ribattuti dalla schiacciata in backdoor di Martini, ma Agrigento è più reattiva sui palloni vaganti e, ancora con Ambrosin, si porta sul 53-56.
Raivio dalla lunetta mette il 1/2 per la FCL, poi Toscano ne mette tre dall’angolo ma il canestro di Williams e la tripla di Zugno, riportano la Moncada sul 58-60; Moncada che poi sfrutta anche un antisportivo di Raivio per segnare con Pepe i liberi del pareggio e con Ambrosin quelli del sorpasso sul 61-60
Dopo alcuni minuti di digiuno, Legnano si sblocca con un gioco di forza di Toscano da sotto, ma Pepe segna da fuori e riporta avanti Agrigento, con il quarto che si chiude con un libero di Maiocco, e la tripla di Williams per il 67-63 del 30’.

Mosley appoggia subito da sotto, poi Toscano segna in area il pareggio sul 67-67, e riapre una partita che poteva essere emotivamente chiusa.
Però dopo il primo minuto, Pepe segna ancora dall’arco, poi Amborsin segna un gioco da 3 punti e sul 73-67 con 6’54” alla fine, la gara sembra già chiusa, un po’ per la netta inerzia a favore dei siciliani, un po’ per il linguaggio del corpo dei Knights.
Ambrosin segna anche da 3, annullato poi dal gioco da 3 punti di Martini, tuttavia anche Zugno arriva al capolinea, anche se il colpo di grazia lo da Pepe che segna ancora da 3, trascinando Agrigento sul 81-72
Dopo il centro di Williams, Zanelli ci prova da 3, ma i liberi ancora di Williams chiudono definitivamente la partita con ancora 2’33” da giocare.
La gara poi si chiuderà sul 92-82

Legnano perde la sua quarta gara in fila, cadendo su un campo difficile con una squadra che ha mandato 5 uomini in doppia cifra; soprattutto però, ha lasciato troppa iniziativa ai padroni di casa che hanno abusato della difesa legnanese, di solito punto di forza dei Knights.
Inizia ora per LA FCL un periodo di fuoco con 4 gare in poco più di 15 giorni.

MONCADA AGRIGENTO – FCL CONTRACT LEGNANO 92-82 (20-17, 20-25, 27-21, 25-19)
Moncada Agrigento: Simone Pepe 20 (0/0, 4/8), Ruben Zugno 16 (5/8, 2/3), Jalen Cannon 15 (5/10, 0/1), Lorenzo Ambrosin 14 (2/7, 2/8), Pendarvis Williams 12 (4/9, 1/3), Tommaso Guariglia 7 (2/7, 0/1), Marco Evangelisti 4 (2/2, 0/1), Isacco Lovisotto 2 (1/3, 0/0), Giuseppe Cuffaro 2 (1/1, 0/0), Luca Savoca 0 (0/0, 0/0), Giuseppe Magro 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 21 / 26 – Rimbalzi: 35 10 + 25 (Pendarvis Williams 11) – Assist: 9 (Ruben Zugno, Jalen Cannon 3)

FCL Contract Legnano: Matteo Martini 19 (7/16, 1/4), Nikolas Thomas Raivio 13 (6/10, 0/6), Federico Maiocco 13 (1/2, 3/4), Daniele Toscano 9 (3/3, 1/1), Rei Pullazi 8 (1/3, 2/6), Simone Tomasini 8 (2/4, 1/1), William Ralph Jr. Mosley 6 (3/4, 0/0), Alessandro Zanelli 6 (0/0, 2/6), Edoardo Roveda 0 (0/0, 0/0), Luca Gazineo 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 6 / 10 – Rimbalzi: 35 8 + 27 (Rei Pullazi 10) – Assist: 20 (Federico Maiocco 5)

fonte: Uff. Stampa – Legnano Basket Knights
Commenta
(Visited 40 times, 1 visits today)

About The Author