Al “Memorial Passalacqua” le prime due uscite stagionali della Verga Palermo

Due partite, contro formazioni di Serie A1, per iniziare la stagione: test impegnativo per la Maddalena Vision Palermo, che torna dal “Memorial Passalacqua” con due sconfitte ma tante preziose indicazioni per lavorare al prossimo campionato di A2.

La squadra palermitana apre il suo torneo sabato contro la fortissima Passalacqua Ragusa, vicecampione d’Italia: sicuramente un avversario non alla portata della squadra di Musumeci, che però ha retto discretamente lo “tsunami” ragusano. Ottimo l’inizio di primo quarto, tanti canestri da ambo le parti, poi vola Ragusa con una tripla di Gorini per il 9-18: la Maddalena Vision si riavvicina sino a -1, ma poi conclude il quarto sotto 17-24. Da segnalare i primi punti con Palermo per Riccardi con un bel tiro dai sei metri, dopo aver beffato un tentativo di anticipo di Erkic. Molto complesso invece il secondo periodo, in cui le padrone di casa dilagano con contropiede e stazza sottocanestro fino a raggiungere un vantaggio confortevole. Terzo periodo ben giocato da Palermo, ma la gara è decisamente andata e il quarto periodo è per Ragusa occasione per allungare e divertire il pubblico del PalaMinardi: il primo test del Torneo finisce 44-80, per la Maddalena Vision migliori realizzatrici Bungaite (15) e Manzotti (9), da sottolineare sicuramente anche la prova al servizio della squadra di Ermito tra le lunghe e di Aleo in regia. Per Ragusa molto bene Ngo (20 punti), devastante per atletismo e velocità, e l’esterna Gonzalez (18), oltre a sicurezze come Gorini e Consolini.

Assorbito il colpo, la notte ragusana porta consiglio: di buona qualità, a prescindere dal risultato ovviamente prevedibile, data la differenza di categoria, anche la prova di domenica mattina contro Orvieto, pur uscendo sconfitte per 56-70. Dopo la brutta partenza iniziale di 0-13, lenta risalita sino al -1 siglato da un bel giro e tiro mancino di Tennenini (32-33). Da segnalare anche una tripla ad altissimo coefficiente di difficoltà di Marta Verona, sempre molto presente anche nel nuovo ruolo più perimetrale. Dopo la prima metà (terminata 32-35), altro blackout per lo 0-9 di Orvieto firmato Ivanova e Wicijowski: la Maddalena Vision finisce anche a -17 a fine terzo periodo, ma nell’ultimo parziale ritrova smalto con tre triple (due di Ferretti e una di Manzotti) e le iniziative di Costanza Verona. Tanti esperimenti per coach Musumeci, che nel finale arriva a schierare anche un quintetto molto veloce e aggressivo affiancando alle efficaci Riccardi e Bungaite (di nuovo top scorer a 10 punti) ben tre piccole: Verona, la specialista difensiva Ferrara e la play Aleo. La Maddalena Vision a tre minuti dalla fine è sul -10 con la possibilità di accorciare la lunetta: ma lo sforzo della rimonta costa sulle gambe non ancora al top delle palermitane, Orvieto allunga e si va a prendere una meritata vittoria.

I tabellini del match di domenica:

Maddalena Vision Palermo-Ceprini Orvieto 56-70
Maddalena Vision – C. Verona 9, Ferrara, Manzotti 7, Riccardi 8, Ermito; Aleo 5, Ferretti 8, M. Verona 7, Tennenini 2, Bungaite 10. All. Musumeci, Vice: Avellone.

Orvieto – Ivanova 13, Baldelli, Dietrick 11, Gaglio 4, Wocijowski 14; Capolicchio 2, Di Gregorio3, Miccoli 2, Bove 3, Mancinelli 12. All. Romano.

Arbitri – Raimondo, Cappello e Trifiletti.

NOTE
Parziali:
13-19, 19-16 (32-35), 8-22 (40-57), 16-13 (56-70)

Commenta
(Visited 8 times, 1 visits today)

About The Author