Alma Trieste, coach Dalmasson in vista di gara2: "Spirito di gruppo e sacrificio, con l'obiettivo di migliorarci ancora"

Gruppo biancorosso al lavoro nel tardo pomeriggio di oggi sul parquet dell’Alma Arena, seduta svolta a porte chiuse all’indomani del successo in gara-1 sulla Kontatto Fortitudo Bologna e alla vigilia del secondo faccia a faccia tra le due compagini, in programma domani sempre nell’impianto di via Flavia con palla a due alle ore 20.00 e diretta in esclusiva su Sky Sport. La terna arbitrale chiamata a dirigere il secondo confronto tra i ragazzi di Dalmasson e i biancoblù di Boniciolli, sarà formata da Stefano Ursi di Livorno, Federico Brindisi di Torino ed Alessandro Costa di Livorno.

Per ciò che concerne l’odierna seduta, gruppo al completo ad eccezione di Enrico Gobbato, allenamento durato poco più di un’ora e preceduto dall’analisi video degli avversari. Roster al completo e apparso in buone condizioni fisiche, compreso Javonte Green che pur senza forzare ha svolto l’intero lavoro insieme ai compagni. Dopo essersi concentrati sugli schemi, i biancorossi hanno terminato l’odierna seduta con una fase aerobica diretta dal Prof. Paoli.

L’elevatissima posta in gioco del match di domani, le difficoltà di resettare in così poco tempo sensazioni forti come quelle vissute meno di 24 ore fa, le differenze tra gara-1 e gara-2, nell’analisi di coach Eugenio Dalmasson: “Dovremo essere pronti a mettere in pratica il nostro piano partita, con la capacità di affrontare qualsiasi tipo di match. Quello che è stato fatto ieri non conta più niente – spiega il coach dell’Alma – siamo più che consapevoli del grande valore dei nostri avversari, del loro ruolino esterno in questi playoff e del fatto che la Fortitudo abbia l’esperienza di gestire queste situazioni ‘di rincorsa’, come già successo nei turni precedenti. Dal canto nostro dovremo riuscire a mettere sul parquet un’altra partita di livello, innalzando ulteriormente la qualità del nostro gioco. Abbiamo visto oggi le tante situazioni che ieri avremmo potuto gestire con maggior attenzione, maggior lucidità, già migliorando questi tanti aspetti sarebbe un ulteriore significativo passo in avanti. Dal punto di vista mentale l’obiettivo è riuscire a resettare una serata di forti sensazioni come quella di ieri – prosegue Dalmasson – è la difficoltà ma allo stesso tempo anche la bellezza di giocare ogni due giorni. Ci vuole grande equilibrio, senza eccessiva esaltazione nella vittoria così come senza farsi prendere dallo sconforto in caso di sconfitta. Sappiamo benissimo che non basta aver battuto ieri la Fortitudo per poterla superare anche domani. Dovremo esser ancor più pronti a far leva sullo spirito di gruppo, sull’attitudine collettiva al sacrificio, per tutti i quaranta minuti. Siamo due squadre che tendono ad annullarsi in base alle caratteristiche che prediligono mettere in campo, chi delle due si dimostrerà meno capace dell’altra nel far leva su queste peculiarità, molto probabilmente avrà la strada in salita. Per vincere domani – conclude il coach biancorosso – servirà un ulteriore step in avanti rispetto a gara-1, la squadra ne è ben consapevole ed è pronta a metterlo sul parquet”.

Commenta
(Visited 20 times, 1 visits today)

About The Author