Alma Pall. Trieste, Mosley: "I Playoff sono veramente vicini"

E’ stato un mercoledì 1 maggio di lavoro, per la Pallacanestro Trieste 2004: in casa biancorossa, classica doppia seduta per il gruppo di coach Eugenio Dalmasson. Unico assente per i triestini è Arturs Strautins: il lettone ha accusato uno stato influenzale ed è stato costretto a saltare la giornata di allenamenti.

Nella sala stampa dell’Allianz Dome, a prendere la parola è il pivot USA William Mosley, autore di un’ottima prestazione in quel di Brindisi: “Ritornando all’ultima partita, ho cercato di giocare più duro possibile e impegnarmi al meglio. A livello di squadra, abbiamo mosso bene la palla e lavorato correttamente in difesa; purtroppo abbiamo sbagliato un pò troppi tiri da sotto e questo certamente ha pesato”.

Sul prossimo impegno, contro la Dinamo Sassari, “The Human Elevator” non ha dubbi: “Il Banco di Sardegna è davvero una buona squadra. In questo momento, poi, è molto forte: dal canto nostro, abbiamo un piccolo vantaggio perchè giochiamo di fronte al nostro pubblico e sappiamo bene quanto il nostro rendimento migliori quando ci esibiamo all’Allianz Dome. Le chiavi per vincere? Dovremo essere concentrati e seguire al meglio il piano partita, oltre che guardare con molta attenzione i video durante questa settimana”.

Infine, un passaggio verso questa volata conclusiva in ottica playoff: “L’opportunità di agganciare la post season è veramente vicina; se vinciamo la prossima gara, avremo discrete possibilità di fare i playoff e ancor più se riuscissimo a conquistare due vittorie. Quello che voglio dirvi è che siamo certamente molto concentrati per cercare di portare a casa il risultato e regalare la post season alla città”.

Comunicato a cura di Ufficio Stampa Alma Pallacanestro Trieste.

Commenta
(Visited 78 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.
Per Info