Alpha Pharma Bisceglie, coach Marinelli è pronto: «Obiettivo primario la salvezza»

La nuova stagione agonistica è quasi alle porte: tutti i club di Serie B hanno definito, in pratica, la composizione degli organici pur se lo slittamento dell’inizio del torneo alla data inconsueta del 15 novembre (col prologo della Supercoppa a partire dall’11 ottobre) ha prodotto un inevitabile posticipo dei raduni precampionato.

L’occasione è perciò propizia per fare il punto della situazione, sul piano tecnico, con Gigi Marinelli, coach dell’Alpha Pharma Bisceglie.

«Sono molto contento di poter pianificare la terza stagione consecutiva con la stessa società, un aspetto tutt’altro che scontato nel basket e nello sport di questi tempi» ha sottolineato il trainer di Torremaggiore. «La conferma ritengo sia frutto di una stima reciproca e di una condivisione dei progetti, dell’apprezzamento della dirigenza nei confronti del lavoro finora svolto e dei buoni risultati ottenuti, considerato che ci siamo assestati per due volte ai piani nobili della classifica» ha aggiunto l’allenatore nerazzurro, ricordando il quinto posto dell’annata 2018-2019 e la quarta posizione in graduatoria al momento dell’interruzione della stagione 2019-2020.

L’Alpha Pharma Bisceglie è stata inclusa nel gruppo D del terzo livello cestistico nazionale: «Non mi aspettavo, sinceramente, un livello così alto sotto il profilo qualitativo dei roster del nostro girone. Sono diversi i club che hanno investito molto» ha evidenziato Marinelli. «Per quanto ci riguarda, non è certo una novità l’incidenza dei giocatori under sulla squadra: una tendenza che confermeremo anche nella composizione del team per il 2020-2021. Il nostro sarà un mix tra giocatori più esperti e giovani, per certi versi con tante “scommesse” che riteniamo possano essere vincenti col lavoro sodo quotidiano sul campo» ha aggiunto. «Ci faremo trovare pronti, punteremo subito ad assicurarci la salvezza e, se sapremo cogliere le situazioni, potremmo anche inserirci nella griglia playoff. Lo comprenderemo meglio man mano, valutando il processo di crescita del gruppo passo dopo passo e sotto vari aspetti» ha puntualizzato il tecnico dei Lions.

Quali le avversarie più attrezzate? «Non c’è una strafavorita, la formazione in grado di fare il vuoto, ma ritengo che Rieti, Matera, Salerno, Nardò, Taranto, Sant’Antimo e Luiss Roma abbiano messo su degli organici di ottima caratura» ha spiegato il coach. «Non mancano, in queste formazioni, nostri ex giocatori. L’Alpha Pharma? Sarà parte di quel gruppo di compagini che dovranno costruirsi una reputazione più forte di quella che già possiede, con l’impegno, con l’abnegazione e coi risultati. In un campionato di questo tipo ciascuna partita sarà fondamentale».

Il timoniere nerazzurro si è soffermato sulla notizia della nuova sponsorship del club: «Ho appreso con particolare piacere dell’ingresso di un’azienda così importante e di respiro nazionale come Alpha Pharma Service nei ranghi Lions come main sponsor. Quando una realtà forte decide di legarsi a una società sportiva solida chi come noi lavora sul parquet avverte ulteriore fiducia intorno all’ambiente e può solo sentirsi onorato. Alpha Pharma, per di più, ha deciso di compiere questo passo in un momento storico delicato: tanto di cappello a chi crede nel basket al punto di sostenerlo. L’auspicio che rivolgo è che questa sinergia sia duratura. Non vedo l’ora di poter conoscere i referenti dell’azienda ed esprimere loro la mia gratitudine».

Il raduno della prima squadra sarà il primo atto della nuova annata. Coach Marinelli è pronto: «Questo gruppo avrà bisogno di tutto il sostegno dei tifosi per affrontare con ancora più entusiasmo e forza mentale una stagione che ci mette di fronte a tanti stimoli, a compiti non semplici, a sfide esaltanti. Sarà fondamentale, ancora una volta, affrontare le difficoltà tutti insieme e restare uniti come si è abituati, da sempre, a Bisceglie».

UFFICIO STAMPA ALPHA PHARMA LIONS BASKET BISCEGLIE – Vito Troilo

Commenta
(Visited 47 times, 1 visits today)

About The Author

Martino Ruggiero Nato a Taranto, trasferito a Roma tre anni fa per inseguire il mio sogno e per studiare Giurisprudenza, 21 anni. Seguo qualsiasi sport da quando sono nato. Per la pallacanestro ho fatto il giocatore, l'allenatore e il telecronista ma i tasti più consumati del mio telecomando sono quelli che mi portano al calcio. Amante delle storie sportive, da raccontare, da leggere e da ascoltare. Appassionato di viaggi, non conosco un stato d'animo diverso dall'ottimismo.