Altra prova di forza per Napoli, sconfitto Teramo 76-64

Obiettivi opposti, stessa intenzione. Napoli e Teramo si affrontano in un turno infrasettimanale di vitale importanza in questo momento della stagione. Più per i padroni di casa, che devono consolidare il primato in classifica. Gli abruzzesi, invece, si trovano davanti la prima opportunità di salvezza, con la speranza di rilanciarsi in ottica playoff.
L’inizio è equilibrato, con Teramo pronta a dar battaglia. Le fasi iniziali della gara dicono meglio agli ospiti, grazie all’intensità di Papa nel pitturato. La risposta di Napoli si affida alle giocate dei soliti sospetti, Visnjic e Barsanti, che mantengono il punteggio in parità a quota 12. L’ala grande in rosso, tuttavia, si conferma la principale opzione offensiva e rimette davanti Teramo con una tripla. Il gioco da tre punti di Nikolic regala un nuovo pareggio ai biancazzurri, che chiudono il primo quarto sotto sul 18-22 grazie alle giocate del veterano Gaeta. La seconda frazione comincia nel segno di Rubera, che dopo le difficoltà iniziali comincia a prendere confidenza col canestro avversario. Barsanti e Rappoccio suonano la carica in casa Napoli, con il primo che diventa un vero enigma per la difesa avversaria. La tripla di Nolli per il 33-30 ferma il parziale del Cuore, ma è ancora il numero 9 biancazzurro ad avere l’ultima parola del primo tempo con la tripla del 38-34.
Il cambio di marcia auspicato da Ponticiello arriva nella ripresa. Mastroianni diventa protagonista assoluto, con due triple e un piazzato che lanciano Napoli sul 49-40. Teramo accusa il colpo, i padroni di casa ne approfittano per allungare le rotazioni, complice il terzo fallo fischiato a Barsanti per simulazione e conseguente tecnico. La difesa del Cuore serra i ranghi, gli abruzzesi ci sbattono contro finché Lucarelli prova a scuotere i suoi con la tripla del 57-43. Ponticiello dà minuti a Matrone, che pur non avendo cominciato nel migliore dei modi la serata, garantisce una protezione del ferro importante, e va a schiacciare prima il 60-47, per poi andare a segno ancora nel possesso successivo. La tripla di Murolo e la schiacciata di Nikolic ad inizio quarto periodo scrivono la fine con largo anticipo alla gara. Teramo prova a rimettersi in corsa con le triple di Gaeta – il migliore dei rossi insieme a Papa – e Lagioia, che fanno infuriare la panchina napoletana. Ponticiello richiama Visnjic e Barsanti per dare l’ultimo strappo alla gara. La scossa non arriva, e Teramo si mette sul -9 con la tripla di Lagioia (71-62). Tuttavia, Bianchi decide di sostituire Gaeta e contestualmente il serbo di Napoli trova i tre punti che chiudono definitivamente la sfida a due minuti e mezzo dal termine. Finisce 76-64, con il Cuore che si conferma capolista nel girone C e risponde alla vittoria di Valmontone.

CUORE NAPOLI BASKET – TERAMO 76-64
(18-22, 38-34; 62-47)

Cuore Napoli Basket: Rappoccio 6, Murolo 14, Barsanti 12, Malfettone, Mastroianni 11, Ronconi, Matrone 6, Visnjic 15, Nikolic 12.
Teramo: Papa 13 (10 rimbalzi), Gaeta 10, Nolli 4, Salamina 6, Lucarelli 3, Lagioia 12, Oliviero, Rubera 6, Angelini, Tomasello 10 (10 rimbalzi).

Commenta
(Visited 187 times, 1 visits today)

About The Author

SALVATORE MALFITANO Classe ’94, napoletano, studente di legge e giornalista. Collaboratore per Il Roma dal 2012 e per gianlucadimarzio.com, direttore di nba24.it e tuttobasket.net. Appassionato di calcio quanto di NBA. L'amore per il basket nasce e rimarrà sempre grazie a Paul Pierce. #StocktonToMalone