Amatori Pescara perfetta: Taranto KO e striscia positiva allungata

Un’Amatori Pescara sostanzialmente perfetta si aggiudica la sfida del PalaElettra contro Taranto per 87-60, portando a tre la serie di vittorie consecutive ed infilando il quarto successo in fila tra le mura amiche, dopo una prestazione di assoluto livello su entrambe le metà campo.

Entrambe le squadre partono con una pesante assenza da scontare: i padroni di casa sono ancora privi di De Vincenzo, mentre il Cus Jonico deve fare a meno del proprio regista titolare Maggio, ed inizia la sfida con Tinto in posizione di playmaker assieme a Circosta, Potì, Malfatti e Orlando. Il sodalizio del presidente Di Fabio risponde invece con il solito quintetto schierato da coach Salvemini: Rajola in cabina di regia, Di Donato e Polonara sotto le plance con Pepe e Marco Timperi sul perimetro. L’avvio di gara è decisamente favorevole ai locali, che partono con un perentorio 15-2 guidato da capitan Rajola e Timperi: gli uomini di Putignano soffrono la veemente intensità dei biancorossi provando a limitare i danni con Malfatti e Stola, ma nonostante qualche palla persa sul finale del primo periodo Pescara mantiene un vantaggio in doppia cifra sul 23-12.

Nel secondo quarto l’Amatori riprende da dove aveva lasciato, togliendo ogni riferimento perimetrale al Cus Jonico (a secco di triple per l’intera partita) che ricava pochissimo dai suoi esterni, subendo invece l’ottima circolazione di palla pescarese: Di Donato e compagni continuano a martellare dall’arco (9/19 all’intervallo lungo), sfruttando anche l’impatto della panchina tra cui spicca la miglior prestazione stagionale di Di Fonzo. Una tripla di Polonara consente addirittura di doppiare i pugliesi sul 44-22, preludio al +21 con cui le due squadre imboccano la via degli spogliatoi, e con sette giocatori già a bersaglio nello strepitoso primo tempo corale della formazione guidata da coach Salvemini.

Al rientro sul parquet l’inerzia della sfida non cambia, con Pescara ancora implacabile dalla lunga distanza: i siluri infilati in rapida successione da Pepe, Rajola e Timperi spengono sul nascere ogni speranza della compagine ospite, che scivola sul -27 con un altro canestro di Polonara. L’Amatori tocca i 60 punti già a metà terzo quarto, proseguendo la sua eccellente serata offensiva con un Timperi sempre più ispirato (54 punti e 27 rimbalzi nelle ultime tre partite) ma ricavando in generale risposte preziose da tutto il collettivo, con 19 assist sui 26 canestri di squadra e non mollando l’intensità anche in difesa nonostante la situazione ormai assodata nel punteggio.

Il terzo quarto si chiude sul 73-40, e con un ulteriore break di 9-0 operato dai locali a cavallo dei due parziali conclusivi il margine si dilata fino al +37, con Pepe bravo a guadagnarsi tanti viaggi in lunetta chiudendo come top-scorer dei suoi assieme all’esterno pinetese. Gli ultimi dieci minuti sono di fatto ininfluenti ai fini del risultato: l’ex di giornata Tabbi infila un paio di bei canestri, mentre il Cus Jonico aumenta un minimo la propria intensità offensiva recuperando qualche punto con Orlando (9 nella frazione di chiusura) ma chiudendo comunque sotto di 27, per l’87-60 che matura alla sirena finale.

Ottima prova della formazione di casa, salutata con convinti applausi dal buon pubblico accorso al PalaElettra: l’Amatori  sale così a 12 punti in classifica (quinto posto assieme ad Ortona), in attesa della trasferta di Porto S. Elpidio che aprirà un vero tour-de-force per Rajola e compagni, chiamati ad affrontare in sequenza tutte le formazioni di altissima classifica. L’obiettivo resta però quello di ragionare di partita in partita a cominciare dalla sfida in terra marchigiana, per cui è stato allestito un pullman di tifosi biancorossi: info e prenotazioni al numero 3883752474 (termine massimo martedì 24 novembre), la società auspica una nutrita presenza dei propri supporters per sostenere i suoi ragazzi anche lontano dal PalaElettra.

A seguire tabellini e interviste post-partita.

 

AMATORI PESCARA-CASA EURO BK TARANTO 87-60 (23-12; 48-27; 73-40)

PESCARA: Pepe 19, Rajola 14, Di Donato 2, Polonara 10, Mar.Timperi 19, Di Fonzo 12, Bini 5, Tabbi 6, Mat.Timperi, Tagliamonte. Coach: Salvemini.

TARANTO: Circosta 13, Malfatti 11, Potì 6, Tinto 6, Orlando 15, Osmatescu 4, Iaia, Conte 1, Stola 4, Maggio ne. Coach: Putignano.

Tiri da 2: Pescara 13/28 (46%), Taranto 20/49 (40%).

Tiri da 3: Pescara 13/33 (39%), Taranto 0/12 (0%).

Tiri liberi: Pescara 22/24 (91%), Taranto 20/26 (76%).

Rimbalzi: Pescara 41 (27+14, Di Donato 8, Polonara, Mar.Timperi e Tabbi 7), Taranto 37 (22+15, Malfatti, Tinto e Orlando 6).

Assist: Pescara 19 (Rajola 5), Taranto 13 (Circosta 4).

Palle perse: Pescara 19 (Mar.Timperi 5), Taranto 19 (Tinto 5).

LE VOCI DEL DOPO-PARTITA

Giorgio Salvemini, coach Amatori Pescara“Complimenti ai ragazzi, perchè hanno sfoderato una prestazione di incredibile energia. Siamo partiti dalle nostre qualità consolidate come l’aspetto difensivo che ci sta pagando parecchio ed è stata la nota maggiormente positiva di questa partita, mentre in attacco siamo stati bravi a sfruttare i nostri punti di forza rispetto alle scelte di Taranto. Non dobbiamo cullarci sulle tre vittorie, anche perchè ci aspetta una partita molto difficile a Porto S. Elpidio”.

Giovanni Putignano, coach Casa Euro Bk Taranto“Innanzitutto vanno fatti i complimenti a Pescara, che dal primo secondo era già in palla ed ha trovato ottime percentuali da fuori nei primi quindici minuti, a cui abbiamo risposto senza segnare dall’arco per tutta la partita. Recuperare un passivo così importante in questo momento e su questo campo era davvero difficile: da domenica prossima dovremo cominciare un altro campionato, con il rientro del nostro playmaker titolare Maggio”.

Commenta
(Visited 3 times, 1 visits today)

About The Author