Ambrosia in partita solo per tre quarti a Pescara

Amatori Pescara-Ambrosia Bisceglie 78-62


Amatori Pescara: Pepe 24, Rajola 15, Polonara 8, Marco Timperi 4, Bini 4, De Vincenzo 5, Di Fonzo 2, Tabbi, Matteo Timperi. Allenatore: Giorgio Salvemini.

Ambrosia Bisceglie: Torresi 13, Gambarota 8, Zanotti 16, Cecchetti 17, Listwon 6, Buono 2, Falcone, Totagiancaspro. N.e.: Drigo, Ricchiuti.

Arbitri: Tammaro di Giffoni Valle Piana (Salerno), Rodia di Avellino.

Parziali: 18-15; 33-37; 56-56.

Note: uscito per cinque falli Listwon. Statistiche non disponibili.

Tre quarti alla pari non sono stati sufficienti all’Ambrosia Bisceglie per evitare la seconda sconfitta stagionale nel torneo di Serie B. I nerazzurri di coach Valerio Corvino si sono arresi all’Amatori Pescara nel match disputato al PalaElettra, pagando dazio nella frazione finale (22-6 di parziale) per le pesanti assenze degli infortunati Andrea Chiriatti e Mathias Drigo, le condizioni fisiche tutt’altro che perfette del capitano Mauro Torresi, l’uscita anzitempo per cinque falli di Sandro Listwon, out già nel corso del terzo periodo e per un leggero risentimento di Giovanni Gambarota a quattro minuti dal termine.

Difficile chiedere di più dell’impegno profuso a un collettivo pugliese capace di tenere testa ai quotati avversari al punto da tornare negli spogliatoi in vantaggio di quattro lunghezze, con una prestazione positiva di Renato Buono in cabina di regìa.


Decisivi, nel segmento conclusivo dell’incontro, con la formazione ospite costretta dalle contingenze a ricorrere alla difesa a zona, i canestri pesanti della guardia di Pescara Simone Pepe, cui i nerazzurri non sono riusciti a trovare le giuste contromisure, incappando in percentuali molto basse in fase realizzativa.

Prestazione positiva in attacco di Alessandro Cecchetti e Simone Zanotti, che hanno retto l’urto superando la doppia cifra così come Mauro Torresi, autore di una buona prova considerate le noie al polpaccio che gli hanno impedito di allenarsi con continuità nel corso della settimana.

La sconfitta non pregiudica il percorso di crescita del gruppo, che attende di potersi esprimere al pieno delle potenzialità confidando di poter tornare presto al completo.

Commenta
(Visited 5 times, 1 visits today)

About The Author