L'appello di Matteo Malaventura: "Sono in ospedale con una polmonite, attaccato all'ossigeno. Vi prego, il Coronavirus non è un gioco"

Matteo Malaventura, 41 anni da Fano (Pesaro-Urbino), ha detto addio al basket giocato appena un anno fa, al termine di una carriera più che ventennale, spesa in gran parte in Serie A, vestendo le maglie tra le altre di Pesaro, Forlì, Biella, Roseto, Napoli e Fortitudo Bologna, collezionando anche presenze in Nazionale nel periodo 2002-06. Proprio nel capoluogo partenopeo Malaventura tornò nel biennio 2013-15, vestendo la maglia dell’Azzurro Napoli Basket, divenendone anche capitano.

Passiamo, purtroppo, all’attualità. Malaventura rientra tra i positivi al COVID-19, venendo ricoverato due giorni fa a Pesaro. Direttamente dal letto dell’ospedale dove si trova in questo momento, Malaventura ha diffuso il seguente, toccante messaggio: “Ciao a tutti, sono in ospedale con una polmonite e attaccato all’ossigeno. Scrivo questo messaggio per sensibilizzare tutte le persone sulla gravità della situazione Coronavirus. Io sono una persona giovane e spero di guarire, ma ieri sono stato al pronto soccorso e ho visto delle cose surreali“.

Sembra di essere in guerra e in sole 4 ore ho visto arrivare più di 50 persone, tutte anziane e tutte con le stesse crisi respiratorie. Una cosa impressionante” – prosegue – “Vorrei fare i complimenti e un ringraziamento infinito a tutti i dottori e infermieri che stanno lavorando, vi meritate un monumento. A tutte le persone fuori, rispettate le regole, non è un gioco! Spero di rivedervi tutti presto, con affetto Matteo Malaventura“.

La Redazione di Tuttobasket.net si unisce per inviare a Matteo Malaventura, e a tutti coloro che stanno combattendo contro questo virus, gli auguri di una pronta guarigione!

Commenta
(Visited 129 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.