Arezzo, riaperto il palasport Estra "Mario D'Agata"

AREZZO – “Dal disastro al miracolo”. Con queste quattro parole rotte dall’emozione Mauro Castelli, presidente della Scuola Basket Arezzo, ha aperto la festa che ha restituito alla città di Arezzo il palasport Estra “Mario D’Agata” completamente ricostruito. La seconda inaugurazione della struttura è avvenuta a quattro mesi esatti dal 13 luglio, giorno della calamità naturale che la devastò e che aveva fatto temere lunghi mesi di chiusura per il principale palazzetto dello sport della provincia che era stato da poco affidato in gestione ad Estra e Sba. Al contrario, questa inaugurazione è la testimonianza della bontà della collaborazione tra pubblico e privato che ha permesso di tornare a godere in un breve periodo di un palasport rinnovato e funzionale. L’amministrazione comunale, supportata da un contributo della regione Toscana e facendo affidamento sulla professionalità di numerose aziende locali, ha dato esempio di efficienza, coraggio e determinazione svolgendo in tempi record lavori sul tetto, sui tiraggi, sul parquet, sulle tinteggiature, sugli impianti e sul verde esterno. «Per noi e per la città di Arezzo è una giornata di festa – ha detto Castelli. – L’amministrazione comunale ha dimostrato rapidità, volontà politica e caparbietà per realizzare in quattro mesi un progetto a cui nessuno avrebbe creduto. A loro va il ringraziamento a nome delle nostre trecentocinquanta famiglie e di tante altre società sportive cittadine».
Alla riapertura del palasport erano presenti tutti coloro che hanno contribuito alla ricostruzione, a partire dal presidente di Estra Francesco Macrì e dal presidente di Estra Clima Roberto Banchetti che con la Sba hanno collaborato e continuano a collaborare per rendere la struttura all’avanguardia da un punto di vista sportivo ed energetico, con interventi di efficientamento per ridurre i consumi e per garantire un basso impatto ambientale. «Quest’oggi – ha commentato Macrì, – celebriamo un bell’esempio di coordinamento e di reazione ad un gravissimo evento meteorologico che testimonia gli eccezionali risultati raggiungibili con la collaborazione tra soggetti pubblici e soggetti privati».
Il merito della ricostruzione del palasport è dell’amministrazione comunale che è stata rappresentata dal sindaco Alessandro Ghinelli, dal vicesindaco Gianfrancesco Gamurrini e dall’assessore allo sport Lucia Tanti. La giunta ha ricordato i meriti dell’ufficio manutenzione e dell’ufficio sport del Comune, a partire dall’ingegner Chieli e dal geometra Mastrantone, che sono stati in grado di rispondere all’emergenza e che hanno avviato un coordinamento tra tutti i soggetti in campo che permetterà di tornare a giocare in una struttura bella, sicura e sana. «Abbiamo operato con solerzia, rapidità e determinazione – ha aggiunto Ghinelli. – In quattro mesi abbiamo risistemato tutto e abbiamo addirittura ricevuto il nullaosta dalla commissione Pubblico Spettacolo: aver restituito questa struttura allo sport aretino è motivo di grande orgoglio per l’amministrazione comunale».

Commenta
(Visited 290 times, 1 visits today)

About The Author