Argomm Iseo-Hikkaduwa Milano 56-81, Iseo travolto a domicilio

ARGOMM ISEO 56-81 HIKKADUWA MILANO

(16-26; 12-31; 06-11; 22-13)

Basket Iseo: Azzola 7, Leone 2, Acquaviva 15, Dell’Aira ne, Saresera, Prestini 7, Veronesi 8, Scuratti 13, Crescini 2, Giorgi 2. All.: M. Mazzoli.

Urania Basket Milano: Gorla 5, Ferrarese 22, Laganà ne, Restelli, Paleari 10, Bartoli 8, Motta 16, Ghiacci 2, Ingrosso 13, Tortù 5. All.: R. Eliantonio.

Arbitri: D. Lillo di Brindisi (BR) e D. Lucarella di Leporano (TA).

Note – Parziali: 16-26; 28-57; 34-68 e 56-81. Tiri da due: Basket Iseo 14/39 – Urania Basket Milano 17/28. Tiri da tre: Basket Iseo 08/30 – Urania Basket Milano 09/19. Tiri liberi: Basket Iseo 04/07 – Urania Basket Milano 20/26. Rimbalzi: Basket Iseo 28 – Urania Basket Milano 43. Assist: Basket Iseo 17 – Urania Basket Milano 14. Palle perse/recuperate: Basket Iseo 15/08 – Urania Basket Milano 22/08. Stoppate fatte: Basket Iseo 01 – Urania Basket Milano 01. Falli commessi: Basket Iseo 27 – Urania Basket Milano 13. Usciti per falli: Leone (BI) al 31’08” (34-68), Veronesi (BI) al 33’08” (43-71) e Scuratti al 39’34” (56-78) . Fallo tecnico a Leone (BI) al 14’36” (18-38). Fallo antisportivo a Prestini (BI) al 17’53” (26-49). Spettatori presenti 250 circa.

Quindicesimo foglio giallo per il Basket Iseo che al PalAntonietti perde (56-81) contro l’Urania Basket Milano. Gli ospiti per la prima volta in questa stagione si presentano al completo mettendo in mostra le loro qualità e per i gialloblu non c’è stata storia, netta la differenza contro una squadra che si trova a metà classifica per i tanti infortuni subiti nella prima parte di campionato ma che ora cercherà di scalare diverse posizioni alla ricerca dei play off. Alla palla a due l’Argomm si schiera con Leone, Acquaviva, Azzola, Prestini e Scuratti mentre coach Eliantonio propone Ferrarese, Motta, Restelli, Tortù e Paleari.

L’inizio è incoraggiante perché dopo il canestro di Paleari i gialloblu rispondono colpo su colpo: le felici conclusioni di Scuratti, Leone e Acquaviva mantengono la sfida in perfetto equilibrio (7-7 del 02’55”). Poco dopo metà quarto la seconda tripla di capitan Acquaviva vale il sorpasso (10-09); Scuratti e Azzola replicano a Motta e Paleari per il 14-14 del 06’35”. Subito dopo arriva la tripla di Motta e il time out di coach Mazzoli che probabilmente sta captando i primi segnali di cedimento. Al rientro infatti Motta porta a cinque i punti di vantaggio della Hikkaduwa, il 2/2 di Crescini è un fuoco di paglia perché Ghiacci trova i primi punti in maglia Wildcats mentre due penetrazioni in fotocopia di Ferrarese regalano all’Urania il primo vantaggio in doppia cifra e il 16-26 di fine primo quarto.

Il secondo periodo si apre con il botta risposta Tortù-Azzola, poi scende il buio sul Basket Iseo che per oltre cinque minuti non trova la via del canestro e soffre tremendamente le giocate di Ferrarese. A poco da metà quarto i gialloblu sono sotto di venti punti, il 18-38 lascia ben poco speranze ad una squadra che in attacco ha bassissime percentuali e in difesa subisce sia dalla lunga distanza che nel pitturato. Con il 2+1 di Scuratti l’Argomm torna ad infilare la retina dei milanesi ma complice il tecnico a Leone (per lui è già il terzo fallo) e l’antisportivo di Prestini le ambizioni di rimonta sono poste in un cassetto (26-49 a circa due minuti dal lungo riposo). Ferrarese continua a colpire dalla lunga distanza (per lui sarà 4/5 alla sirena) e a mettere in moto i compagni (Paleari e Motta quelli che ne beneficiano maggiormente) così il divario si dilata sempre più. L’ultimo canestro del periodo è di Acquaviva che manda le due squadre negli spogliatoi con l’Urania Basket Milano avanti 28 a 57.

Alla ripresa il Basket Iseo ha Saresera per Leone e Crescini per Acquaviva poi lo stesso quintetto della palla a due. I primi punti sono di Prestini con un tiro dalla media, dopo quasi due minuti e mezzo ecco il primo canestro dei Wildcats con Ferrarese. La partita è oramai decisa e l’intensità si abbassa, a risentirne sono soprattutto le percentuali degli ospiti che comunque non hanno più la necessità di giocare con ritmi elevati. Coach Eliantonio chiama ugualmente time-out pretendendo dai suoi maggiore concentrazione, ecco che Paleari da sotto e Tortù dalla lunga distanza firmano il 5-0 per il 30-64 di metà quarto. Veronesi torna a segnare per i sebini e dopo l’1/2 di Bartoli passano quasi tre minuti prima di vedere muovere il punteggio sul tabellone. E’ il 28’20” quando Bartoli, sempre dalla lunetta, segna per il più trentacinque Urania Basket Milano (32-67). Sarà il massimo vantaggio di serata perché dopo c’è il tap-in di Giorgi e quindi arriva l’1/2 di Motta per il 34-68 di fine terzo quarto.

Gli ultimi dieci minuti si aprono con il quinto fallo di Leone, il Basket Iseo prova a rendere meno amara la sconfitta e con tre triple consecutive (Azzola poi doppio Veronesi) lo svantaggio si riduce perché dall’altra parte gli unici a segnare sono Bartoli e Ingrosso. Anche Veronesi lascia la contesa per aver raggiunto il limite falli, Scuratti con due canestri da sotto e Acquaviva con una tripla portano l’Argomm a meno ventitré (52-75 del 36’30”). I ragazzi di coach Mazzoli provano il forcing per accorciare ancora di più, Prestini dalla lunga colpisce ma Ingrosso dalla lunetta è infallibile. Sono infatti suoi i punti che stabiliscono il 56-81 della sirena. Per il Basket Iseo arriva un’altra sconfitta in una sfida segnata quasi subito contro una squadra decisamente più forte, le partite determinanti per la salvezza però saranno altre. A partire magari da domenica quando alle 18:30 l’Argomm farà visita alla Pallacanestro Vicenza 2012.

Comunicato a cura di Bruno Girelli

Commenta
(Visited 40 times, 1 visits today)

About The Author