Ariano c’è: derby in discesa, Salerno resiste solo cinque minuti

Le Farine Magiche ritrovano il sorriso. Cupido e Celmina trascinano le compagne verso un successo che non è mai stato in discussione. L’unico vantaggio esterno di Salerno è durato lo spazio di cinque minuti. Poi il controllo dei rimbalzi (48-34 il computo finale delle carambole) e soprattutto il saldo positivo perse-recuperate ha incanalato il match lungo una comoda discesa. Le ufitane hanno brillato solo a tratti contro una formazione juniores (classe ‘97, ’98 e ’99 sul parquet) limitandosi all’ordinaria amministrazione e stimolando gli strali di coach Ferazzoli sia durante il match, sia a bocce ferme. Nemmeno il tempo di gioire che c’è da rivolgere il pensiero al prossimo impegno. Le Farine sono attese da Viareggio nel turno infrasettimanale di martedì prossimo (ore 18). Un’occasione ghiotta in cui le arianese saranno chiamate ad una prova di maturità prima dei due impegnativi match pre-natalizi contro Castel San Pietro e Bologna.

LA GARA – L’avvio è tutto per le volitive granatine che, nonostante le pesanti assenze di Russo, Trimboli e Costa, non si perderanno d’animo per l’intero arco della gara. Prima una tripla di De Mitri, poi i centimetri di Patera e le iniziative di Rauti confezionano il meritato parziale di 5-10 (al 4’). Ferazzoli spinge il piede sull’acceleratore dei cambi salvo ritrovare il quintetto tipo a metà quarto e per Salerno si fa notte. Il tassametro corre inesorabile. Il sorpasso arriva già al 5’ con Valerio. Ariano, nonostante i due falli prematuri di Maggi, viaggia sull’asse play-pivot di Cupido e Celmina che tengono aperto un parziale di 16-0 al primo mini intervallo. Ci pensa Celmina ad arrotondarlo. La lunga lettone spolvera i tabelloni in difesa e si fa trovare pronta in attacco per completare il parzialone di 20-0 (25-10 al 13’). I liberi di Rauti interrompono il digiuno delle granatine che però sono costrette a saggiare la transizione delle Farine. Cupido, Zanetti e Valerio allargano ulteriormente la forbice (33-14 al 17’). Funziona anche il quintetto piccolo con Valerio da “quattro” al fianco di Celmina. Una tripla di Santabarbara rifinisce l’ulteriore break di 11-0 (38-14 al 18’). Salerno trova gli squilli di Sapienza e Patera a cavallo dell’intervallo lungo. Serve a poco perché Ariano punge con Celmina che aggiorna il suo massimo stagionale e con la rediviva Santabarbara. Una tripla a fil di sirena di Cupido vale il +29 (51-22 al 27’). Le padrone di casa tirano il fiato, Salerno ne approfitta in parte con un break di 6-0 a cavallo dell’ultimo mini intervallo (51-28 al 31’). Ritmi in calo in chiusura. Un inedito coast to coast di Albanese chiuso con un sottomano strappa applausi. Gli errori al tiro delle seconde linee di casa consentono alle salernitane di non affondare oltre le 30 lunghezze di divario. Si chiude con i canestri di De Luca e Falanga per il 60-34 finale. Nemmeno il tempo di gioire che c’è da rivolgere il pensiero al prossimo impegno. Le Farine sono attese da Viareggio nel turno infrasettimanale di martedì prossimo (ore 18). Un’occasione ghiotta in cui le arianese saranno chiamate ad una prova di maturità prima dei due impegnativi match pre-natalizi contro Castel San Pietro e Bologna.

 

LE FARINE MAGICHE ARIANO IRPINO – GALLETTO SALERNO: 60-34

Ariano Irpino: De Luca 2, Valerio 4, Falanga M., Santabarbara, Falanga A. 2, Vargiu, Albanese 2, Maggi 2, Cupido 19, Celmina 17, Zanetti 5, De Michele. Coach: Ferazzoli. Ass.: Calandrelli

Salerno: Assentato 5, Sapienza 6, Rauti 8, Diop n.e., Dentamaro 2, Patera 6, Diouf 2, Fabbricini, Pastena, De Mitri 5. Coach: Gibboni. Ass.: Braida

Parziali: (21-10); (40-18); (51-26)

Commenta
(Visited 10 times, 1 visits today)

About The Author