Assisi, presidente e vice: "Il Covid-19 ha fermato una stagione, ma non la crescita della Virtus"

Un’analisi a tutto tondo, dalla prima squadra al settore giovanile, con belle parole per lo staff intero, per i collaboratori, per i sostenitori, per gli sponsor e per una stagione vissuta al massimo, con una crescita esponenziale dell’intero settore societario e fino a quando purtroppo il Covid-19 non ha pensato di bloccare bruscamente tutto. A farla, quest’analisi, sono il presidente della Virtus Assisi Massimo Semprevivo e il vicepresidente Emanuele Ponti, che hanno parole di stima e ringraziamento per e verso tutti.

“È stata una stagione singolare – attacca il presidente Massimo Semprevivo – conclusasi in maniera inaspettata e improvvisa per il problema coronavirus, come tutti sappiamo. Dovendo fare un bilancio siamo sicuramente rammaricati, come credo tutte le società del panorama nazionale, di non aver potuto portare a termine la stagione da un punto di vista agonistico, ma la scelta di fermare tutto, anche se dolorosa, era necessaria e improrogabile. Possiamo, però, sicuramente ritenerci soddisfatti per esserci comunque “consolidati” sia come movimento che come società, alimentando interesse e attenzione nei confronti della nostra realtà sul territorio. Il nostro settore giovanile – dice Semprevivo – è aumentato per numero di iscritti e la cosa ci fa particolarmente piacere in quanto testimonia la bontà del lavoro svolto e la soddisfazione per aver avvicinato sempre più ragazzi a questo bellissimo sport. A cominciare dall’Under 18 fino ai ragazzini dell’Under 13 sia maschile che femminile, tutte le squadre avevano centrato i loro obiettivi e per molti di loro si profilava la possibilità di partecipare alla fase successiva. Per la prima volta una nostra squadra giovanile ha partecipato al campionato nazionale di Eccellenza confrontandosi con realtà di altre regioni. Lo stesso hanno fatto un paio di nostri ragazzi andati in prestito a una società vicina con la quale sono attive proficue collaborazioni. Un nostro atleta del 2006 è stato convocato ad un raduno territoriale della nazionale e diversi nostri atleti sono stati convocati nelle varie rappresentative regionali. L’unico rammarico riguarda purtroppo i piccoli del Minibasket che avevano appena iniziato i campionati di competenza disputando alcune partite ma che a causa dell’interruzione sono stati subito fermati. Questi risultati – sottolinea il presidente della Virtus – ci confermano che stiamo andando nella giusta direzione e ci fanno ben sperare per il futuro. Dietro a questa “macchina” chiamata Virtus, c’è il grandissimo lavoro di alcune persone che, nell’ombra, dedicano gran parte del loro tempo libero per cercare di far funzionare al meglio questa realtà. E’ loro che voglio ringraziare per primi, perché senza la passione e l’impegno che ci mettono tutto questo non sarebbe possibile. Voglio poi ringraziare tutti i nostri collaboratori, Gianmarco Piazza, Francesco Calisti, Giovanni Caracchini, Roberto Gambelunghe, Nicola Barili, Claudio Mattoli, Francesco Santantonio, Marco Provvidenza, Fabrizio Bernacchia, Francesco Posti, Tommaso Capezzali, Riccardo Ripollino e Monica Serena per l’egregio lavoro svolto fino al lockdown, durante tutta la stagione e per essere stati vicini ai ragazzi con le innumerevoli iniziative che hanno coinvolto tutti, dai più piccoli ai più grandi in questi due mesi di fermo. Ringrazio tutti gli atleti coinvolti in questa stagione, per la disponibilità, l’impegno e la professionalità dimostrata. Ringrazio tutte le aziende, che hanno creduto nel nostro progetto, che hanno investito su di noi e continuano a supportarci, in un momento anche per loro così difficile. Infine – conclude Massimo Semprevivo – desidero ringraziare tutte le famiglie che anche quest’anno ci hanno scelto e ci hanno affidato i loro ragazzi. E’ motivo di orgoglio per noi, vederli crescere anno dopo anno sia come atleti che come persone e solo questo ci ripaga di tutte le energie investite, nel corso dei mesi. Grazie veramente di cuore a tutti… E speriamo di rivederci presto!”.

Al presidente fa eco il vicepresidente, Emanuele Ponti: “Per quanto riguarda la prima squadra – dice Ponti – eravamo alla prima esperienza in un campionato di così alto livello (quarta categoria nazionale, ndr). Dopo un avvio promettente, una serie di vicissitudini tra cui diversi infortuni hanno complicato il proseguo della stagione, poi interrotta. C’è il rammarico di non aver mai potuto giocare con la squadra al completo, ma resta la soddisfazione di essersi potuti confrontare, spesso alla pari, con realtà molto competitive, quasi tutte caratterizzate dalla presenza di giocatori stranieri e/o italiani che in passato hanno avuto esperienze in campionati di categorie superiori. E’ stata – sottolinea il vicepresidente della Virtus – per tutti noi, società, allenatori e giocatori, un’esperienza formativa importante che ci ritroveremo negli anni a venire. La squadra, nel campionato Promozione, di coach Nicola Barili, al momento dell’interruzione era prima in classifica con 4 punti di vantaggio sulla seconda, e per il secondo anno consecutivo, ha alimentato interesse e partecipazione con gli ottimi risultati ottenuti in campo e fuori, visto il grande clima di amicizia che circonda la squadra. Stiamo lavorando nonostante il lockdown, a progetti importanti per il futuro immediato e prossimo. In contatto con le amministrazioni comunali di Assisi e Bastia Umbra, che ringraziamo per la collaborazione e il sostegno – conclude Emanuele Ponti – cercheremo di capire e valutare come poter tornare a svolgere l’attività in totale sicurezza e in ottemperanza alle disposizioni ministeriali. Non appena la Federazione Italiana Pallacanestro chiarirà come ripartire a livello agonistico fornendoci informazioni certe, ci attiveremo per essere pronti e preparati e consentire a tutti i praticanti di riprendere l’attività, partecipando ovviamente a tutti i campionati di pertinenza”.

Fonte: Ufficio Stampa Virtus Eko Gruppo Assisi

Commenta
(Visited 27 times, 1 visits today)

About The Author

Enrico Pecci Classe ’96, proveniente da quel favoloso luogo chiamato Marche (provare per credere), studente di Scienze della Comunicazione ed appassionato di calcio quanto di basket. Collaboratore per nba24.it e tuttobasket.net, sognando un futuro in cui scrivere di sport, basket e calcio in particolare, sia un lavoro oltre che una passione. Appassionato di basket sin dai primi passi mossi nel parquet dal Re, King LeBron James. #IPromise.