Assisi, sabato lo scontro diretto con Urbania: in palio il primo posto

Non sarà una partita facile per entrambe, ma sicuramente sarà una gara dall’altissimo tasso tecnico, fra le due squadre che fin qui si sono dimostrate più forti. E sabato 23 marzo al PalaSir di Santa Maria degli Angeli sarà anche una delle partite più importanti della seppur breve storia della Virtus Assisi. Chi vince, fra Virtus Assisi e Pallacanestro Urbania, chiude al primo posto la regular season di C Silver 2018/1019 con il vantaggio di partire in posizione favorevole nella griglia dei play-off.

Non servono tante parole a presentare una gara fra le due protagoniste assolute della stagione, che si sono fronteggiate punto punto per tutto il campionato. Ma per i dettagli, ci pensa il coach rossoblu Gianmarco Piazza: “Sabato si troveranno di fronte le due squadre più costanti dall’inizio alla fine di questo intenso e stimolante campionato – dice coach Piazza – un campionato dove nessuna partita è stata facile e per nulla scontata. Proprio per questo ci si ritrova all’ultima giornata con le prime due della classe appaiate in vetta, con lo scontro diretto da giocare. Una nota di merito – sottolinea il coach assisiate – anche ad altre due squadre come Todi (autore di un impeccabile 2019) e Recanati, che fino all’ultima giornata sono rimaste lassù a lottare per il primo posto”. 

Grande il valore del match: “La posta in palio per la partita di sabato è sicuramente alta, perché decreterà la vincitrice della regular season, ma non dobbiamo dimenticarci che poi ci saranno i play-off per entrambe con le squadre abruzzesi”. Poi sull’avversario: “Il ruolino di marcia di Urbania a dispetto nostro che abbiamo perso due partite nel girone di andata e due nel girone di ritorno, è un po’ diverso; difficile trovarle un difetto (lo abbiamo visto a nostre spese nella partita di andata), loro hanno avuto un calo tra gennaio e febbraio dove hanno perso pure tre partite consecutive, ma tutto è coinciso con l’assenza per infortunio del pivot inglese Michael Ochereobia, con un passato anche in NCAA. Ora – sottolinea Gianmarco Piazza – hanno ripreso a correre tutti gli interpreti, dal play Baldassarri, metronomo della squadra, al talento di Pentucci, bravo a giocare sia fronte che spalle a canestro. Noi dovremo inoltre prestare attenzione alla precisione dal perimetro di Marini e Tancini e anche a Spagna e Matteucci ali/pivot che hanno fisicità ed esperienza per metterci in difficoltà. Insomma – prosegue l’esperto allenatore della Virtus Assisi – troveremo di fronte una squadra completa in tutti i ruoli, con un roster importante”. 

Ma la Virtus è pronta, con il fattore campo a favore e un palasport che si preannuncia ‘infuocato’: “Dal canto nostro – dice Piazza – se siamo lassù insieme a loro non possiamo nasconderci e sono sicuro che i miei ragazzi sapranno dare il 110% come hanno fatto per tutta la stagione, nonostante i numerosi infortuni che ci hanno condizionato in questo campionato, riducendo le rotazioni e la nostra intensità in allenamento. Di conseguenza anche in partita, nessuno si è mai tirato indietro, anzi è sempre stato al fianco della squadra ed ha incitato il proprio compagno per un obiettivo comune”. 

E alla vigilia di un match decisivo, l’allenatore rossoblu ci tiene a ringraziare i suoi giocatori, caricandoli e spronandoli a compiere l’ultimo importante passo: “Per tutto ciò che hanno dato fino ad ora mi va di ringraziarli tutti, ma ci aspetta ancora uno step importantissimo da superare insieme e sono sicuro che sabato sera al PalaSir sarà una partita di alto livello tecnico, fisico e mentale per la categoria. Mi farebbe enormemente piacere – conclude – contare come sempre sul nostro caloroso pubblico, affinché venga in massa ad incitare i propri beniamini, rivelandosi il vero e proprio sesto uomo in campo”. E state certi. Come bene ci hanno abituato, così nuovamente sarà. 

Fonte: Ufficio Stampa Virtus Assisi 

Commenta
(Visited 33 times, 1 visits today)

About The Author

Enrico Pecci Classe ’96, proveniente da quel favoloso luogo chiamato Marche (provare per credere), studente di Scienze della Comunicazione ed appassionato di calcio quanto di basket. Collaboratore per nba24.it e tuttobasket.net, sognando un futuro in cui scrivere di sport, basket e calcio in particolare, sia un lavoro oltre che una passione. Appassionato di basket sin dai primi passi mossi nel parquet dal Re, King LeBron James. #IPromise.