Aurora Jesi-Proger Chieti 110-96, la difesa non c'è. La Proger cade a Jesi

TERMOFORGIA JESI – PROGER CHIETI 110-96 (30-19; 29-28; 24-27; 27-22)

In una delle gare più importanti dell’anno, uno degli ennesimi spareggi salvezza, Chieti non risponde presente. Serata no per i teatini, che contrariamente a quanto dimostrato fin qui, sfoderano la peggior prestazione difensiva della stagione. Per i padroni di casa, che hanno dominato a rimbalzo, in evidenza Davis (38 punti), Bowers (20 punti), Maganza (18 punti e 13 rimbalzi) e Alessandri (18 punti con il 67% da tre). Per le Furie invece, buone le prestazioni offensive di Golden (26 punti), Venucci (19, con 4/4 da due), Mortellaro (13 punti e 10 rimbalzi) e Allegretti (13).

CRONACA:

Alla contesa iniziale i padroni di casa si presentano con Alessandri, Bowers, Davis, Benevelli e Maganza, rispondono i teatini con Venucci, Golden, Davis, Sergio e Mortellaro. L’avvio vede entrambe le squadre andare subito a segno: al tiro dalla media distanza di Bowers risponde subito Mortellaro. Jesi sembra più reattiva sotto le plance, raccoglie numerosi rimbalzi che dopo tre minuti portano i Leonceli sul 8-4. Gli uomini di coach Cagnazzo sono abili a stringere le marcature nel pitturato e Chieti sembra smarrire la via del canestro: con il più facile dei sottomano di Alessandri a 05:22 dalla conclusione del primo quarto, coach Galli è costretto a chiamare un minuto di sospensione. Chieti esce bene dal timeout e Sergio fa 2/2 a cronometro fermo. Maganza a rimbalzo compie il secondo fallo a 02:43 dal termine del quarto ed esce dalla contesa mentre Mortellaro pizzica subito il neoentrato Janelidze (20-15). Una bomba di Davis fa esplodere di gioia il tifo casalingo ma la gita in lunetta di Venucci riporta i teatini sul 23-17 (01:50 a fine quarto). Anche Cade Davis commette il secondo fallo sul suo omonimo che però dalla lunetta fa 1/2. Golden con il suo classico movimento, prova a scuotere i suoi ma Benevelli, troppo solo sotto le plance, appoggia a canestro (26-19). Jesi ha la possibilità di correre e con due contropiedi consecutivi Jesi chiude il primo quarto sul 30-19.

Avvio davvero sottotono per i teatini, troppo permissivi in difesa e poco lucidi in fase offensiva. Il secondo quarto si apre con un facile gancio per Janelidze, a cui risponde Allegretti (32-21). Chieti è poco precisa anche in attacco e punita dall’ennesima tripla di serata dei Leoncelli, questa volta ad opera di Davis e va sotto di ben 14 lunghezze a 07:11 dalla pausa lunga (35-21). Fallucca commette il terzo fallo dopo un amen e consente a Davis (già a 20 punti) l’ennesima fruttuosa gita in lunetta. Chieti va finalmente a segno con Zucca, abile a sfruttare la maggiore altezza in post basso (06:20 dall’intervallo lungo) ma Picarelli punisce l’ennesima disattenzione difensiva. Alessandri continua a dimostrare il suo splendido stato di forma e con un 2+1 porta i suoi sul 44-28. Sergio non ci sta e prova a scuotere i suoi ma Maganza non fallisce (46-30 a meno di cinque minuti dall’intervallo), costringendo un nervosissimo coach Galli a chiamare timeout. Chieti è troppo brutta per essere vera mentre Jesi continua a condurre agevolmente la partita. I padroni di casa dilagano e Alessandri, ancora in contropiede, realizza il +20 (50-30). Golden, uomo della provvidenza teatina, realizza cinque punti in rapida successione, facendo attestare il punteggio sul 50-35. Dopo un tiro dalla media distanza di Allegretti ed un parziale di 0-7 per i teatini (50-37), stavolta è coach Cagnazzo a chiamare la sospensione del gioco, a due primi e sette secondi dall’intervallo. Davis dimostra ancora il suo feeling con il canestro dalla lunga distanza (53-37). Chieti prova a reagire e due bombe ad opera di Venucci e Sergio riportano i teatini sotto la doppia cifra di svantaggio ma una tripla di Alessandri allo scadere, porta gli jesini sul +12 alla pausa lunga (59-47). Buona prova per i Leoncelli che tirano con percentuali dal campo ai limiti della perfezione, per i teatini ci sarà molto da discutere all’intervallo, specie per quanto riguarda la marcatura difensiva. Sugli scudi per i padroni di casa uno straripante Dwayne Davis, autore di 25 punti, ben accompagnato dai 13 di Alessandri. Per i teatini invece da segnalare, almeno in fase offensiva, le realizzazioni di Golden (13 punti), Venucci (11 punti), capitan Sergio (10).

Alla ripresa delle ostilità il primo a realizzare è Golden (59-49) dopo un minuto di gioco, bissando con un 2/2 dalla lunetta (59-51). La guardia americana di Chieti è assatanata e cerca di trascinare i suoi con un altro fruttuoso viaggio in lunetta 59-53. Maganza, con un tap-in, sblocca i suoi ma Mortellaro risponde da sotto. Alessandri tocca quota 15 (63-55), il Davis teatino si sblocca e con un gioco da tre punti porta le Furie sul -5 (63-58). Jesi continua a raccogliere numerosissimi rimbalzi offensivi e Dwayne Davis, subendo fallo in azione di tiro, fa 1/2 dalla lunetta. Golen continua di essere on fire e Chieti continua a rosicchiare punti (64-60). I rimbalzi offensivi dei padroni di casa però, continuano ad essere un fattore: Maganza canestro e fallo, 69-62. Cade Davis, decisamente non in serata, perde l’ennesimo pallone di giornata, da cui scaturisce un contropiede vincente di Bowers. Coach Galli, a quattro minuti dall’ultimo mini intervallo, chiama nuovamente timeout. Chieti risponde attaccando bene la zona e va a canestro con Mortellaro (71-64). Bowers prova a prendersi più responsabilità e realizza da sotto, Cade Davis trova un nuovo gioco da tre punti, portando il parziale sul 75-69. Le difese di entrambe le squadre sembrano impenetrabili e gli attacchi provano a fare affidamento sul tiro dalla lunga distanza: Bowers, Venucci e Davis hanno nelle corde questo tipo di gioco e a causa delle loro bombe, il punteggio si attesta sull’83-72 a 40 secondi da fine quarto. Golden continua la sua marcia dalla lunetta e Chieti arriva all’ultimo break sul -9 (83-74).

Il quarto periodo di gioco si apre con un tap-in vincente di Mortellaro (83-76) ma Maganza a 09:05 dalla fine di gara fa 2/2 dalla lunetta (85-76). Piazza realizza dall’arco (85-79) e prova a caricare i suoi ma un implacabile Davis replica dalla lunga distanza 88-79. Venucci, realizzando cinque punti continuativi guida alla riscossa la compagine biancorossa (90-84) e Davis, dopo aver commesso sfondamento, prende tecnico per proteste. Golden realizza il -5 dalla lunetta ma un contropiede di Maganza (2+1) tarpa le ali ai teatini (93-85). Allegretti, dopo uno dei rari rimbalzi offensivi dei teatini, subisce fallo da sotto e dalla lunetta fa 1/2 (93-86). Bowers riporta i suoi sul + 9 a cinque minuti dal termine e Golden, dopo un sacrosanto fallo non fischiato su di lui, prende tecnico per proteste, dando la possibilità ad Alessandri di riportare i suoi sulla doppia cifra di vantaggio (96-86). Le bombe di Alessandri e Bowers spezzano definitivamente le gambe a Chieti (102-87), con Galli che per scuotere i suoi chiama timeout a 3 minuti dal termine dell’incontro. Bowers, dopo l’uscita di Davis, la fa da padrone. Le deboli velleità di rimonta dei teatini si scontrano contro la classe dell’ex Ferentino: al Pala UBI Banca il finale è di 110-96 con Chieti che, dopo i passi avanti evidenziati negli ultimi incontri, sfodera una prestazione a dir poco negativa, specie nella propria metà campo.

TERMOFORGIA JESI – PROGER CHIETI 110-96 (30-19; 59-47; 83-74; 110-96)

TERMOFORGIA JESI 110: Bowers 20 (6/13 da 2, 2/7 da 3, 2/2 ai liberi), Benevelli 8 (2/5 da 2, 1/2 da 3, 1/2 ai liberi), Maganza 18 (6/11 da da 2, 6/6 ai liberi), Alessandri 18 (4/7 da 2, 2/3 da 3, 4/4 ai liberi), Davis 38 (9/12 da 2, 5/9 da 3, 5/7 ai liberi), Battisti 2 (1/1 da 2), Janelidze 4 (2/2 da 2), Picarelli 2 (1/2), Vita Sadi 0, Moretti 0, Mentonelli NE, Scali NE.

PROGER CHIETI 96: Mortellaro 13 (6/7 da 2, 1/2 ai liberi), Golden 26 (8/15 da 2, 0/1 da 3, 10/12 ai liberi), Sergio 10 (1/4 da 2, 2/5 da 3, 2/ ai liberi), Davis 10 (4/6 da 2, 0/6 da 3, 2/2 ai liberi), Venucci 19 (4/4 da 2, ¾ da 3, 2/2 ai liberi), 13 Allegretti (4/5 da 2, 1/2 da 3, 2/3 ai liberi), Piazza 3 (1/1 da 3), Fallucca 0 (0/1 da 3), Zucca 2 (1/1 da 2), Ippolito 0.

TERMOFORGIA JESI: 31/54 da 2, 10/24 da 3, 18/21 ai liberi, 38 rimbalzi (17 offensivi e 21 difensivi), 16 assist di squadra.

PROGER CHIETI: 28/42 da 2, 7/20 da 3, 19/23 ai liberi, 24 rimbalzi (7 offensivi e 17 difensivi), 10 assist di squadra.

Comunicato a cura di Ufficio Stampa Pallacanestro Chieti

Commenta
(Visited 58 times, 1 visits today)

About The Author