Auxilium Cus Torino, ci siamo quasi!

Stavolta l’Auxilium CUS ci va davvero vicino. A Santarcangelo di Romagna, nella tana della seconda in classifica (5 vittorie e una sconfitta di un punto quando si presenta alla palla due) i gialloblu mettono in scena la loro migliore prestazione stagionale ed escono dal campo con la coscienza che, sì manca ancora qualcosa, soprattutto dentro alle due aree, per arrivare a giocarsela fino fin fondo, ma pure che la nave sembra indirizzata sulla giusta rotta. 
Il nuovo arrivato Alessandro Panzieri è più concreto che appariscente e supera a pieni voti l’esame: con grande determinazione, occupa gli spazi in difesa, sale a contendere la palla agli avversari con il giusto timing, dà fisicità alla squadra, si prende parecchie responsabilità in attacco, dove la precisione latita e ci sta pure, ma, cosa più importante, consente ai gialloblu di colmare il divario nei rimbalzi, fattore penalizzante nelle precedenti uscite (38 a 36 il computo finale a favore dei padroni di casa). 
I numeri di Chiotti, i migliori da quando gioca in B (21 punti, 14 rimbalzi, 6 offensivi), il cuore enorme di Maino, il solito impatto di Dello Iacovo e Russano, la sorpresa Bianchelli, 12 minuti da …titolare, consentono alla truppa di Arioli di tenere testa ad una delle formazioni più in forma del momento. Insomma, la strada da percorrere è ancora lunghissima e tutta verso l’alto però i segnali sono più che confortanti.
Sul distacco finale pesano due dati: gli 11 punti concessi da Torino sui secondi possessi e le perse in maniera banale a metà campo - alcune decisive perché arrivate nel momento topico della gara - che consentono agli Angels di aprire contropiede senza opposizione e di mettere almeno altri 8 punti (gratuiti) a referto.
Arioli lancia in quintetto Panzieri, subito coinvolto negli schemi, ma terminale inoffensivo del gioco gialloblu. Meglio Dello Iacovo dalla lunga distanza: i suoi 5 punti consecutivi permettono all’Auxilium CUS di rimediare al 7-0 iniziale. Tripla di Maino e ospiti in partita, anche se Crespi non sta bene e deve presto ripiegare in panchina (non rientrerà più): 11-8. 
I padroni di casa girano palla e cercano a più riprese la penetrazione, raccogliendo tiri liberi in serie. E quando non trovano spazio dentro, colpiscono sugli esterni: bomba di Gualteri dopo una persa cussina: 17-8.
Capitan Maino pianta per terra una bandierina da tre punti, l’inerzia è però dalla parte romagnola: rubata e contropiede di Cardellini e Angels a + 9 a 1’20” dalla prima sosta. Orsini ci mette una toppa, Pesaresi cerca e trova sulla sirena del 10’ il canestro del 23-10.
Le battute iniziali del secondo quarto regalano l’ingresso in partita di Chiotti. Ma è soprattutto la difesa gialloblu a salire di tono e a permettere ripartenze veloci ed efficaci: al terzo recupero di fila, Chiotti segna il secondo canestro di seguito e l’Auxilium CUS è lì: 23-19. 
Il pallino dell’incontro è comunque sempre in mano agli Angels, per nulla disposti a farselo strappare: Luca Bedetti, in uno dei rari spunti della serata, prende la linea di fondo e va in rete, poi Saponi fa 28-19. Tre di Chiotti, tre di Maino, che poi si butta dentro  e, nonostante i mille contatti, appoggia alla tabella il 30-24 del 17’. Nel frangente i gialloblu sono quasi perfetti in fase arretrata, spingendo l’avversario lontano dal colorato e costringendolo a soluzioni cervellotiche e a basse percentuali. Maino esce per rifiatare, la retroguardia cussina molla un po’ la presa e il Santarcangelo non si fa sfuggire la doppia occasione: tripla frontale di Saponi, coppia di liberi di Luca Bedetti: 29-41 all’intervallo.
Nei primi 5’ della ripresa l’Auxilium CUS stringe i tempi. Chiotti (11 nella frazione) la mette subito da lontanissimo, poi recupera e segna in contropiede. Dello Iacovo stoppa e corre dall’altra parte subendo fallo: mette un solo libero, ma i locali non sono sul parquet, e sull’ennesima ripartenza cussina, il play astigiano serve ancora per Chiotti: azione da 3 punti, 38-41. Il momento no degli Angels è tutto nello 0/2 ai liberi di Saponi, Maino però non chiude la rimonta colpendo solo il ferro. Dopo 5’ di digiuno, i romagnoli ripartono forte, beneficiando anche di un paio di perse scriteriate e delle forzature al tiro dei cussini, che hanno il demerito (e l’inesperienza) di metterci poca pazienza. Cardellini chiude uno strappo da 9-0, Chiotti ne infila altri tre, il distacco però gonfia fino al 59-43 al 29’ dopo una persa di Orsini.
Non è tutto. Chiotti mette insieme un altro paio di rimbalzi offensivi e di canestri, Maino traduce dalla lunetta un tecnico per proteste a Luca Bedetti, e al 33’ il punteggio è 61-50. Con carattere l’Auxilium CUS si aggrappa a tutto quel che c’è, costruisce anche buoni tiri ma la palla sembra non volerne sapere di entrare. Non che i locali facciano meglio e così nei 2’ conclusivi la tenacia ospite è in parte premiata: Panzieri mitiga lo svantaggio e accresce la consapevolezza dei torinesi.

SANTARCANGELO-AUXILIUM CUS TORINO BASKETBALL 66-57
Parziali: 23-15, 41-29, 61-45
SANTARCANGELO: Pesaresi 10, Fusco n.e., Pasini n.e., Gualtieri 8, Bedetti L. 10, Moretti 2, Cardellini 16, Botteghi 6, Saponi 14, Ramilli n.e. All. Tassinari
TORINO: Russano, Blotto, Chiotti 21, Dello Iacovo 8, Bianchelli 3, Maino 18, Orsini 2, Panzieri 5, Crespi, Pappalardo. All. Arioli.

 

Commenta
(Visited 8 times, 1 visits today)

About The Author