Avellino, Cantù ,Varese e Sassari vincono in casa. La Reyer passa a Montichiari. Pesaro vede la salvezza battendo Caserta

Nella 27° giornata per la Sidigas e la Dinamo arrivano vittorie casalinghe. L’Umana espugna il PalaGeorge. Pesaro vince contro la Pastareggia. Per Cantù e Varese arrivavano due successi in volata.

Sidigas Avellino – Vanoli Cremona 85 -78

Al PaladelMauro i padroni di casa conquistano la diciassettesima vittoria stagionale battendo la Vanoli Cremona, che subisce una pesantissima sconfitta in chiave retrocessione vista la vittoria di Pesaro contro Caserta, che significa + 4 in classifica. Gli ospiti approcciano bene la gara piazzando un 6-0 di parziale con le triple di Turner e Johnson Odom, ma Avellino impatta sul 10-10 con la “bomba” di Logan chiudendo sul + 2 il primo quarto grazie ai liberi di Thomas. Nella seconda frazione i lombardi tornano avanti con Harris, gli irpini però nella seconda metà del quarto alzano l’intensità del gioco e chiudono avanti di otto lunghezze il primo tempo con il canestro di Cusin. Nel terzo periodo i lupi allungano sul +12 con Logan, ma gli uomini di Lepore non mollano e riducono sul 49-47 con il 2/2 di Biligha dalla linea della carità. La squadra di casa però riallunga sulla doppia cifra di vantaggio con Leunen, che punisce dai 6,75. Al 30’ il punteggio recita meno sei Vanoli con il 2/2 di Carlino che punisce dalla lunga distanza. Nel quarto finale gli uomini di Sacripanti riescono a rimanere sempre avanti, i creomonesi la riaprono sul meno tre con Johnson Odom da tre punti, ma non basta perché vince la Sidigas. Il finale è 85-78 per Avellino con Logan miglior marcatore, che chiude con 25 punti. Alla Vanoli non bastano i 21 di Johnson Odom ad evitare la sconfitta.

Parziali : (21-19,43-35,65-59)

Germani Basket Brescia – Umana Reyer Venezia 79-84

Nel primo periodo dopo un avvio molto equilibrato, la leonessa ruggisce e scappa sul 18-8 con la tripla di Landry, chiudendo sul +11 grazie sempre al talento in maglia numero 8 Landry. Nel secondo quarto la Germani prova a dare la spallata decisiva sul +14, ma le Reyer riesce a non crollare psicologicamente e con un grande Filloy, che segna nove punti in fila chiude all’intervallo lungo sotto solo di quattro. Nella terza frazione l’inerzia della gara si ribalta perché i lagunari riescono a trovare il vantaggio con il canestro di Ortner per poi allungare sul +12 con la specialità di Bramos, la conclusione dalla lunga distanza. A 10’ dal termine gli uomini di De Raffaele conducono di 13 lunghezze grazie alla tripla di Filloy. Nell’ultimo quarto Brescia si sveglia dal letargo e trascinata da Moore accorcia sul meno tre impattando sul 75-75 per poi firmare il + 1 con Luca Vitali dalla lunetta. Venezia però con Ejim e Tonut , che salgono in cattedra conquista la vittoria. Il finale è 79-84 per gli ospiti con un Ejim autore di 24 punti. Agli uomini di Diana non bastano i 32 di un Landry magistrale ad evitare la sconfitta.

Parziali : ( 21-10,37-33,52-65)

Mia Cantù – The Flexx Pistoia 73-71

Al PalaDesio di certo l’emozioni non sono mancate, i lombardi vincono in volata contro la The Flexx con una grande prova di JaJuan Johnson che chiude con 27 e Dowdell 25. Nella prima frazione partono meglio gli ospiti, allungando sul +10 con Petteway, che punisce dalla lunga distanza. I padroni di casa però riescono a reagire e a trovare il primo vantaggio sul 15-14 con la “bomba” di Cournooh. Le due squadre si alternano il vantaggio e primi 10’ si chiudono sul 21-21. Nella prima parte del secondo quarto la Mia rimane avanti, ma la The Flexx riesce sempre a rimanere a contatto e va negli spogliatoi sul 33-35. Nel terzo periodo i pistoiesi ritrovano un buon vantaggio sul +9 con la schiacciata di Jenkins. I bianco blu però non perdono fiducia e trovano la parità sul 49-49 chiudendo avanti di uno al 30’. Nell’ultima frazione la partita diventa molto bella in cui nessuna delle squadre vuole uscire con un risultato negativo. Gli uomini di Recalcati riescono a rimanere più lucidi e grazie all’estro di Johnson conquistano la vittoria alla scadere dopo la tripla di Petteway del 71-71. Il finale è 73-71 per i brianzoli.

Parziali (21-21,33-35,54-53)

Openjobmetis Varese- Dolomiti Energia Trento 83-80

Nella prima frazione partono meglio gli ospiti, che vanno avanti nel punteggio sul 9-15 dopo il 2+1 di Sutton, ma i lombardi riescono ad impattare sul 15-15 con la tripla di Kangur, chiudendo sul +2 con il canestro dai 6.75 di Johnson. Nel secondo quarto gli uomini di Buscaglia alzano il ritmo della gara allungando sul +9 con Sutton, che punisce la difesa varesina dalla lunga distanza. Si va all’intervallo lungo sul 36-46 in favore della Dolomiti. Nella prima parte del terzo periodo gli ospiti gestiscono il vantaggio accumulato,ma nella seconda metà gli uomini di Caja accorciano sul meno tre con Anosike. Negli ultimi 10’ di gioco Trento riprova la fuga decisiva scappando sul 63-72 con Sutton, ma i padroni di casa riescono ad impattare sul 74-74 con Maynor e a conquistare la vittoria. Il finale è 83-80 per Varese con l’1/2 di Cavaliero, che si salva con la tripla sbagliata di Forray sulla sirena. Il migliore nei biancorossi è Johnson con 19 , per Trento top scorer è Sutton con 18.

Parziali (20-18,36-46,54-57)

Banco di Sardegna Sassari – Betaland Capo D’Orlando 74-64

In una della gare più intriganti di serata è la Dinamo, che la spunta tra le mura amiche con uno Stipcevic autore di 20 punti, battendo la Betaland a cui non bastano i 15 punti di Ivanovic. Nel primo periodo i siciliani allungano sul +8 con Stojanovic, ma i sardi chiudono sotto di quattro punti con il canestro di Stipcevic. Nella seconda frazione la Betaland continua a giocare con la giusta quadratura in attacco e vola sul 22-34 con la conclusione di Ivanovic dalla lunga distanza. Gli uomini di Pasquini si scuotono e riescono a chiudere il primo tempo sotto di cinque. La Dinamo esce dagli spogliatoi con un atteggiamento ben diverso allungando sul 53-45 con Lawal, che vola e mette le ali per schiacciare. I padroni di casa sembrano non subire cali mentali, dando l’impressione di essere in controllo della gara, ma gli uomini di Di Carlo riaprono la gara sul meno uno con Ivanovic. Il Banco però non si spaventa e con la leadership di Savanovic e Stipcevic ottiene il successo. Il finale è 74-64 per la Dinamo

Parziali : (16-20,33-38,57-50)

Consultinvest Pesaro – Pasta Reggia Caserta 83-67

Al Adriatic Arena in una gara importantissima per i pesaresi in chiave salvezza, i padroni di casa vincono contro Caserta con una grande prova di Hazell che mette a referto 20 punti e Clarke 19. Nel primo quarto gli uomini di Spiro Leka mettono il turbo e scappano sul +10 con il 2/2 di Clarke. I casertani faticano a segnare e la Consulntinvest ne approfitta per allungare sul 31-14 dopo i primi 10’. Nel secondo periodo la situazione non cambia e il pallino del gioco rimane in favore dei marchigiani che arrivano addirittura sul 51-28 dopo la tripla di Hazell. Nella terza frazione gli uomini di Dell’Agnello hanno una mini reazione che vale il meno nove con il 2/2 di Bostic, ma Pesaro ritorna a giocare con la giusta energia e chiude al 30’ avanti di diciassette. Nel ultimo quarto i biancorossi gestiscono il vantaggio e ritornano sul +23. Il finale è 83-67 per Pesaro che ottiene due punti che valgono oro.

Parziali (31-14,51-33,66-49)

Commenta
(Visited 46 times, 1 visits today)

About The Author

Lorenzo Lubrano Nato il 22-08-1996 a Legnano (Mi), ho conseguito il diploma di liceo linguistico, frequento il primo anno di Linguaggi Dei Media (Università Cattolica Milano), ho giocato a basket per 8 anni, collaboro con la web radio milanese RadioBlaBla dove conduco una trasmissione dedicata al basket.