Basket Barcellona sconfitta nel derby

La Briosa Barcellona accoglie a porte aperte il nuovo anno e i cugini della Lighthouse Conad Trapani per il primo derby del 2016. Il popolo Barcellonese rivedrà sul proprio parquet ex del calibro di Ganeto e Filloy, allenati dal Coach Ugo Ducarello. Il primo tempo si conclude con il punteggio di 26 – 45. Trapani ha condotto entrambi i periodi, toccando anche il +20. La Lighthouse Trapani gestisce bene e non da a Barcellona la possibilità di rientrare in partita. Il match termina 70 – 91.

PRIMO TEMPO – Barcellona apre subito le danze con la tripla di Fallucca. Trapani commette diversi errori offensivi ma dopo due minuti di gara Mays e Renzi rompono il silenzio e si portano in vantaggio, (3 – 4). Entrambe le compagini commettono diversi errori dettati dall’elevato ritmo di gioco. Capitanelli prova a scuotere i suoi, lo fa con una tripla ma Trapani non perde tempo e risponde con 13 punti consecutivi, (6 – 17). Loubeau, Maccaferri e Smith capiscono il momento di difficoltà giallorosso, decidono di prendere per mano i compagni e riducono lo scarto , (15 – 21). Chessa non demorde e con la massima freddezza prosegue per la retta via, (15 – 23). Bianconi non lascia nulla al caso, raccoglie e converte in punti l’ultimo possesso del primo quarto. Il primo periodo termina 17 – 23. Nel secondo periodo Tommasini e Renzi aprono i giochi, realizzano cinque punti consecutivi e allungano sul +11,, (17 – 26), costringendo Coach Bartocci a richiamare i propri ragazzi in panca per un time out. Maccaferri gestisce i possessi giallorossi, Fallucca attacca il centro, subisce fallo e vola in lunetta, realizza 2/2 ma Chessa è sempre li, pronto a rispondere al fuoco Barcellonese, (19- 31). Griffin e Viglianisi continuano a remare nello stessa direzione e allungano ulteriormente le distanze. Il tabellone dopo sette minuti di gara recita: 19 – 36. Loubeau prende coscienza, capisce che bisogna fare qualcosa e dalla media prova a scuotere i compagni, 21 – 36. Griffin mette in mostra la mano calda e brucia ripetutamente la retina Barcellonese. Il secondo quarto termina 26 – 45.

SECONDO TEMPO – Il terzo periodo si apre con continuo botta e risposta tra Mays e Centanni, (30 – 50). Smith decide di entrare in partita, attacca il centro e porta a casa il potenziale gioco da tre punti. Smith e Tommasini non se le mandano a dire, dando vita all’ennesimo botta e risposta del match, (35 – 55). Renzi e Mays non fanno altro che aspettare l’errore avversario per poi scappare in contropiede e incrementare punti facili a referto. Il tabellone recita 35 – 59, quando sul cronometro restano cinque minuti da giocare. Smith visto l’andamento della propria squadra decide di prenderla per mano e scuoterla un pochino, realizza nove punti consecutivi, tutti dalla lunghissima distanza. Trapani però, continua per la sua strada senza alcun timore, 46 – 63. Migliori torna in campo e torna al canestro ma Mays e Chessa dall’altra parte volano indisturbati a canestro. Il terzo periodo termina 51 – 70. David Loubeau inaugura il quarto quarto, Chessa dall’altra parte non perde tempo e replica prontamente. Centanni ci crede ancora e bombarda il canestro ospite. La Lighthouse non demorde, Viglianisi subisce fallo e vola in lunetta, realizza 1/2. Il margine tre le due squadre non aumenta e non diminuisce, il punteggio è 60 – 83. Chessa fa il buono e cattivo tempo, bombarda senza tregua il canestro giallorosso. I ragazzi di coach Ducarello gestiscono, senza alcuna difficoltà, il vantaggio generato nei primi due quarti. Negli ultimi tre minuti per Barcellona entrano in campo anche i giovani Varotta e Pettineo. Il match termina 70 – 91. Trapani conquista i due punti e continua ad inseguire la vetta.

In Sala Stampa Coach Ducarello ha voluto ringraziare, a nome suo e di Ganeto e Filloy, la società giallorossa e il pubblico Barcellonese per l’accoglienza riservategli, poi è entrato nell’analisi del match: “Avevamo l’amaro in bocca dopo la partita con Agrigento, abbiamo fatto una buona settimana di lavoro e oggi abbiamo dato la risposta giusta. Sono contento della reazione della squadra, abbiamo giocato da sqadra, solidi in difesa, in attacco abbiamo sempre cercato l’uomo libero passandoci bene la palla e abbiamo tirato con buone percentuali da tre punti. A Barcellona serviva un approccio importante e infatti siamo stati concentrati dal primo minuto e ci sono riuscite tutte le cose che avevamo preparato.”

Per Barcellona ha parlato il Presidente Immacolato Bonina: “ Comunico subito che la Squadra è in silenzio stampa. Sapevamo che ci aspettava un campionato difficile, già prima dell’iscrizione abbiamo avuto tante difficoltà ma alla fine siamo partiti spendo che bisognava stringere i denti. Si possono perdere le partite ma non la dignità, io da Presidente mi scuso a nome della squadra con l’intera città, in 20 anni di sport non mi era mai successo. Qui non è una questione di uomini ma un problema di mentalità, ci vuole dignità e mercoledì voglio una risposta con una partita che deve essere della vita. Contro Agropoli ci sarà l’ingresso gratuito e vorrei che tutta la città venga a sostenerci in questa fondamentale partita, aiutandoci a mantenere il patrimonio che è questa categoria. Abbiamo bisogno di un palazzetto pieno che ci sospinga anche al di là dei limiti tecnici. Niente è perduto perché abbiamo ancora un intero girone di ritorno e un mercato in cui interverremo. “

La Briosa Barcellona – Lighthouse Conad Trapani

(17 – 23);(26 – 45);(51 – 70);(70 – 91)

Tabellini
La Briosa Barcellona: Centanni, Fallucca, Loubeau , Capitanelli , Bianconi , Varotta n.e., Smith , Maccaferri ; Coach Maurizio Bartocci.

Lighthouse Conad Trapani: Mays, Renzi, Tommasini, Costadura, Gloria, Chessa, Molteni, Ganeto, Viglianisi, Filloy, Griffin; Coach Ugo Ducarello

Commenta
(Visited 2 times, 1 visits today)

About The Author