Basket Corato: UFFICIALE il rinnovo di Stella

L’Adriatica Industriale Basket Corato annuncia che il capitano Mauro Stella sarà neroverde anche nella stagione 2020/2021. Per il playmaker Salentino quarto anno di fila nella sua città d’adozione dopo il suo ritorno a Corato, gli anni all’ombra delle Quattro Torri diventano addirittura nove se considerate anche le pregresse esperienze.

L’esordio a 19 anni, l’esperienza da protagonista in B2, alcuni anni in giro per l’Italia a predicare basket e il ritorno. Dopo aver trascinato Corato dalla C Silver alla B, Mauro è stato determinante anche nel terzo campionato nazionale. Dopo un campionato chiuso anzitempo causa Covid, in crescita esponenziale, Stella non ha esitato a scendere di categoria assieme alla sua squadra, nonostante le tante sirene che lo vedevano accostato a vari club di B.

Ovviamente Mauro Stella, play classe 1984, in C Gold è un autentico fattore in grado di spostare gli equilibri, il classico giocatore “fuori categoria” che può davvero essere fondamentale.

La società ha deciso di puntare ancora fortemente sull’esperto numero 4, che ha sicuramente ancora diversi anni davanti da giocatore, e resta uno dei migliori passatori in circolazione.

Il capitano, con la sua esperienza e la sua classe sopraffina sarà elemento imprescindibile per la squadra allenata da coach Cadeo, ma anche per quanto concerne il Minibasket neroverde. Stella infatti, entra a far parte della grande famiglia del Minibasket Corato, nel ruolo di mini-allenatore.

Mauro si aggiunge ai vari Bricis, Bagdonavicius e Cadeo (in panca) e si va così delineando la spina dorsale dell’Adriatica Industriale 20/21. Ma la società sta lavorando quotidianamente sul mercato per regalare ai tifosi e a sé stessa, altri interessanti colpi.

Commenta
(Visited 58 times, 1 visits today)

About The Author

Martino Ruggiero Nato a Taranto, trasferito a Roma tre anni fa per inseguire il mio sogno e per studiare Giurisprudenza, 21 anni. Seguo qualsiasi sport da quando sono nato. Per la pallacanestro ho fatto il giocatore, l'allenatore e il telecronista ma i tasti più consumati del mio telecomando sono quelli che mi portano al calcio. Amante delle storie sportive, da raccontare, da leggere e da ascoltare. Appassionato di viaggi, non conosco un stato d'animo diverso dall'ottimismo.