Basket Costa: Tutto può succedere!

Alperia Bolzano – B&P COSTAMASNAGA 82-87 (16-23; 27-42; 51-54; 65-65)

 

Con una serie di impegni ravvicinati la trasferta di Bolzano si presentava come una pericolosa incognita. Le nostre ragazze non hanno certo brillato, ma dopo i 40 punti segnati nel primo tempo e un +15 non ci saremmo aspettati un finale così sofferto.

 

Dopo un inizio tutt’altro che facile, con 3 canestri facili concessi le cose non sembrano mettersi per il meglio. Per fortuna troviamo la tripla di Maiorano per il 6-3 iniziale. Sanchez e Mistò trovano importanti occasioni per fare punti, ma soprattutto cominciamo a capirci qualcosa in difesa mettendoci in partita al 5’ sull’11-10. Il secondo fallo di Matic, sul buon lavoro di Rulli, sembra far perdere lucidità alla squadra di casa. Cambiate le carte in tavola, il finale di quarto è tutto nostro, con un 12-23 costruito sulle palle recuperate.

 

Dopo un lieve riavvicinamento troviamo nuovo sprint con la panchina: Meroni e Visconti danno continuità al lavoro in campo e così il 18-31 comincia a farci ben sperare. Rientra Matic e torniamo a faticare nel contenere il gioco interno bolzanino, ma con 2:30’’ da giocare arriva un’altra tripla per Maiorano che fa seguito a quella di Sanchez per il nuovo massimo vantaggio 23-37. Prima del riposo ci pensa capitan Longoni a mettere il punto esclamativo colpendo ancora dalla distanza (quinta tripla su 10 tentativi di squadra) per il 25-41.

 

Al di là di quanto dica il punteggio non giochiamo benissimo e un leggero infortunio di Baldelli fa preoccupare comunque la panchina masnaghese. Il secondo tempo prevede scelte obbligate con Rulli che commette il 4° fallo e ora la continuità offensiva non è più dalla nostra. Dopo qualche minuto di stasi la rimonta dell’Alperia diventa realtà. Stoppiamo il parziale grazie alle iniziative di Sanchez che ci porta al finale di quarto con il punteggio sul 51-54.

 

La zona chiamata dalla panchina sembra fermare il pericoloso trend preso dalla gara, ma in attacco continuiamo a dover faticare sette camicie per andare a punti. Con 5’ da giocare arriva l’aggancio a quota 57 e a questo punto può succedere di tutto. Paghiamo tantissimo l’assenza di Baldelli dal campo e continuiamo a vivere sull’equilibrio fino ai 2’ finali. Si alternano vantaggi per entrambe le formazioni, ma ormai si gioca solo sui nervi. Con 16” da giocare Sanchez pesca un fallo importante e il suo viaggio in lunetta ci vale un preziosissimo +2. Giordano però risponde sull’altro lato con la stessa moneta e con meno di 10” porta a segno il 2/2 del pareggio a 65. L’ultima azione è confusa e così è tempo di overtime.

 

Continuiamo a produrre recuperi con la zona e finalmente sembriamo uscire dall’equilibrio andando a +5 con Maiorano e Rulli. In difesa diventiamo davvero una costante e Bolzano non riesce più a trovare le penetrazioni che tanto ci hanno fatto male. Nel finale perdiamo anche Rulli per falli, facciamo una serie di ottimi tiri che finiscono tutti sul ferro, ma difendiamo il +5 come un fortino fino all’ultimo giro di orologio. In un lampo arriva un 4-0 e così è tutto da rifare. Sbagliamo ancora il tiro per chiudere i conti e con un altro fallo a rimbalzo d’attacco concediamo a Matic un viaggio in lunetta, che però concretizza a metà impattando a 72 e andiamo al secondo supplementare perdendo Sanchez per falli.

 

Sbagliamo ancora l’ennesimo tiro aperto nel secondo overtime e così dobbiamo inseguire 76-72 con facce davvero scure. Tocca a Meroni trovare la strada per il canestro ma siamo ancora a -5 a 1’50” dal termine. Longoni trova la tripla del -3 e dopo Matic in lunetta peschiamo il jolly. Del Pero infila 3 triple in meno di un minuto e così la vittoria è finalmente nostra.

 

Vale due punti come altri, ma questa vittoria riesce ad avere tutt’altro sapore. Una partita giocata male, con una rimonta subita e una palla che non voleva entrare nonostante tutti i buoni tiri presi tra finale e overtime. L’infortunio di Baldelli e l’out per falli di Rulli e Sanchez sembravano la parola fine e invece  la fortuna arriva a ripagarci tutta in una volta con un ultimo minuto memorabile.

Speriamo solo di non pagare dazio nel prossimo incontro. Domenica torneremo in casa è sarà il turno del Geas, ma ora sappiamo che tutto è possibile.

 

ALPERIA ITAS BOLZANO: Riberio 4, Di Blasi NE, Giordano 11, Larcher NE,Cela 8, Fall 10, Broggio, Matic 21, Desaler, Pobitzer 8, Piermattei 20, Ruocco. All Travaglini.

 

B&P Autoricambi COSTA: Longoni 14, Meroni 8, Rulli 10, Del Pero 13, Baldelli 4, Mistò 6, Visconti 5, Frigerio NE, Sanchez 18, Maiorano 9. All Pirola

Commenta
(Visited 30 times, 1 visits today)

About The Author