Basket Legnano, vittoria con dedica a Federico Monastero

Sfida delicata per i Knights che arrivano a Matera contro una diretta concorrente per la salvezza, agguerrita a trovare in casa i punti necessari per staccarsi dall’ultima posizione in classifica.
Legnano ha avuto diversi problemi in settimana, che hanno fermato Sacchettini e Frassineti, ma arriva a Matera al completo per tentare il raid esterno.

I primi due punti sono di Okoye, ma il gioco da tre punti di Allodi e la tripla di Palermo fanno esultare gli irriducibili al seguito dei Knights.
Okoye e Guarino metto due canestri in fila, ma l’appoggio di Pacher permette alla Europromotion di tenere il naso avanti.
La partita non vede grosse percentuali e, infatti, il punteggio per alcuni minuti si ferma sul 11-10, fino ai liberi di Raivio per il nuovo +1 Legnano, quando mancano solo 3’ alla fine del quarto.
Ancora Raivio segna in contropiede, poi Palermo (10 punti, 2 rimbalzi, 2 assist) il jumper, ma Matera ha comunque degli sprazzi di energia che non lasciano scappare i legnanesi.
Il tecnico a Gresta a 1’34” dalla fine del quarto, viene sfruttato da Legnano con il libero di Raivio e il canestro di Palermo per il 13-19 che regala il massimo vantaggio; poi il tap-in di Pacher e i liberi di Guarino (16 punti, 3 rimbalzi, 4 assist) chiudono il quarto sul 15-21.

Matera riparte con il parziale di 5-0, costruito da Rugolo e Okoye, che costringe Ferrari al timeout.
Al rientro in campo, Martini e Pacher (19 punti, 7 rimbalzi) infilano la difesa di casa con tiri in avvicinamento e il margine legnanese torna ad essere di 4 punti.
La difesa biancorossa è aggressiva e qualche volta è punita dai fischi arbitrali, ma l’intensità è quella giusta e i Knights stanno bene in campo.
Martini (9 punti, 4 rimbalzi) segna di furbizia il +6, poi la bomba del +9 e, sul fallo in attacco di Corral (15 punti, 6 rimbalzi), Gresta deve chiamare timeout.
Hamilton (12 punti, 6 rimbalzi) mette un libero, ma Frassineti infila il +10 Legnano, in un momento di ottimo basket biancorosso.
Hamilton non ci sta; ruba e vola in contropiede per il gioco da tre punti del 27-33.
Matera prova a recuperare, e con Cantagalli raggiunge anche il pareggio sul 33-33, ma i canestri finali di Frassineti (18 punti, 2 rimbalzi, 4 assist), permettono a Legnano di chiudere sul 33-37.

Rispetto alle ultime uscite, Legnano entra subito in partita nel terzo quarto e i canestri di Raivio e Frassineti, lanciano ancora avanti Legnano, che però subisce la verve di Hamilton, che schiaccia il 39-42.
Pacher segna da dietro l’arco, ma Hamilton annulla con la contro-tripla; Frassineti infila ancora da lontano, ma non è il momento delle difese, con Okoye (19 punti, 11 rimbalzi)che appoggia da sotto il -4 dei padroni di casa.
Pacher e Martini respingono l’assalto di Guarino, e, con 3’25” da giocare nel quarto, Legnano è ancora avanti 48-53.
Pacher infila ancora da sotto e una buona azione difensiva della Europromotion, costringe Matera all’infrazione dei 24”, sublimando un bel momento dei Knights che prendono fiducia, ruotando i “soliti” nove giocatori e trovando da tutti ottimi contributi.
Il quarto fallo di Pacher, preoccupa Ferrari che deve toglierlo subito, con il quarto che poi si chiude sul 54-61, con il canestro, i liberi di Raivio e buzzer beater di Frassineti.

Guarino apre il quarto periodo con il canestro del -5, ma le giocate di Raivio, per se e per gli altri, permettono ai Knights di toccare di nuovo il +10.
Gresta chiama il timeout e, in uscita, Guarino segna subito, anche se Palermo risponde, mantenendo alta la fiducia dei Knights.
L’energia di Okoye da fastidio a Legnano, e due sue giocate rimettono in carreggiata Matera, quando, al 35’, il punteggio è 68-73.
Raivio e Pacher riportano la Europromotion sul +9, ma Okoye non si da per vinto e buca la difesa biancorossa per il -7.
Guarino e Raivio (24 punti, 9 rimbalzi, 5 assist, 2 recuperi) si scambio due canestri di peso specifico elevato, ma è l’americano dei Knights che ruba e mette il contropiede che chiude la gara e regala la terza vittoria esterna della stagione ai Knights.

Vittoria fondamentale in chiave salvezza che scaccia la piccola crisi di risultati delle ultime settimane. Una vittoria sudata, ma nel complesso meritata per l’abnegazione della squadra che ha costruito dalla difesa il successo.
Un successo che la squadra e la società ha dedicato al nostro piccolo atleta del 2006 Federico Monastero, che sta passando un brutto momento di salute e che speriamo di rivedere presto sugli spalti e in campo.
Forza Fede!

Commenta
(Visited 4 times, 1 visits today)

About The Author