Basket Ravenna, la presentazione di Matteo Malaventura

Si è svolta questa mattina presso la sede di viale della Lirica la presentazione di Matteo Malaventura, esterno firmato da OraSì Ravenna per la stagione 2015/16.
Introdotto dal padrone di casa, il  presidente Roberto Vianello – “sono contento di avere ingaggiato un giocatore del calibro e dell’esperienza di Malaventura, cui auguro di poter svolgere il proprio dovere al meglio” – è stato il direttore generale Mauro Montini a presentare l’ultimo arrivato in casa giallorossa:
“Matteo è un giocatore che non ha bisogno di particolari descrizioni, alla luce della carriera particolarmente significativa che porta in dote. Abbiamo pensato a lui perché volevamo acquisire un giocatore di esperienza, con un passato rilevante tra serie A e Legadue, affinchè potesse portare solidità ad una squadra giovane sotto il profilo del vissuto di alto livello. Per questo motivo Malaventura sarà un riferimento importante, una persona in grado di gestire i momenti difficili con lucidità ed esperienza: si tratta di un tiratore, che sa fare canestro anche quando la palla scotta, e che ha sempre dimostrato di essere un difensore più che affidabile”.

Queste le prime parole in giallorosso di Malaventura: “Sono molto emozionato ed orgoglioso di essere qui. Ho conosciuto l’ambiente ravennate da due giorni, ma sono già particolarmente contento della scelta fatta. Mi avevano parlato di una società seria, con grande voglia di fare, e un primo impatto così significativo vuol dire molto per me. Ringrazio il presidente Roberto Vianello e il dg Montini per questa opportunità: cercherò di ripagare al meglio la loro fiducia. Ho sempre speso sul campo tutto quello che ho avuto a disposizione, e quest’anno non farà eccezione. Il mio compito sarà di aiutare i giovani a crescere e di contribuire a vivere un’annata divertente, che possa dare soddisfazione ad un pubblico che ha entusiasmo e voglia di pallacanestro.

La composizione del girone? E’ affascinante, perché porterà Ravenna a giocare in piazze storiche della pallacanestro italiana come Trieste, Treviso e Verona, e permetterà a queste realtà di scoprire quella di Ravenna. Sarà un girone difficile, che presenta un blasone leggermente superiore al torneo Ovest, nel quale siamo pronti a dimostrare il nostro valore. Sono stimolato anche dalla possibilità di essere allenato da coach Antimo Martino: si tratta di un coach giovane, emergente ma con tanta voglia di fare. Sono certo che potrò imparare molte cose anche da lui”.

In chiusura, il presidente Vianello ha risposto ai giornalisti sulle prospettive legate al Pala de Andrè: “La risposta della città nel momento difficile che ha vissuto la società è stata straordinaria e ci ha permesso di capire che il contenitore del PalaCosta andava ripensato e allargato. Il Pala de Andrè in questo senso è provvidenziale e ci permetterà di intercettare la richiesta di pallacanestro che abbiamo riscontrato: non penso si tratti di un azzardo, quanto di un rischio calcolato, di una soluzione vincente. Sono convinto che i mille tifosi del PalaCosta potranno essere ancora di più sin dalla prima partita. Poi toccherà a noi cercare di cominciare bene…”

Commenta
(Visited 5 times, 1 visits today)

About The Author