Basket Recanati, applausi nella gara contro Ravenna

Basket Recanati – Orasì Ravenna (18-20, 16-20, 15-22, 15-13)

Recanati: Forte 6, Pierini 5, Lauwers 6, Nwokoye 5, Traini 18, Procacci, Bonessio 6, Maspero 7, Gibson 11. All.: Zanchi.

Ravenna: Smith 12, Malaventura 7, Cicognani 5, Rivali 6, Raschi 9, Manetti 2, Masciadri 9, Smorto 11, Salari 3. All.: Martino.

Arbitri: Fuselli di Recanati e Mattioni di Porto Potenza.

Tanto pubblico, in gran parte giovanissimo, ha fatto da cornice ad un divertente scrimmage tra due formazioni del Girone Est della prossima A2 che, come era giusto, hanno finito per segnare lo stesso numero di punti.

Un americano assente per parte: Lawson tra i leopardiani (operato stamattina a Civitanova) e Deloach per i romagnoli (setto nasale rotto nell’ultima amichevole con Imola). In avvio la USBR si schiera con Traini, Gibson, Bonessio, Pierini e Maspero al posto di Lawson. Per Ravenna quintetto con Rivali, Malaventura, Masciadri, Smith e Cicognani. Il primo quarto è molto gradevole, con le squadre che partono subito in quarta con tanto contropiede o, quando si gioca a difesa schierata, circolazione veloce di palla. Traini la fa da padrone con le sue penetrazioni che i ravennati non riescono ad arginare e ne manda a referto 6 di fila da 2 punti. Ravenna ricuce dal -7 e chiude addirittura il quarto avanti di 2. Nel secondo Andrea Traini sale letteralmente in cattedra (i suoi punti sono addirittura 16 dopo soli 15’ sul campo) e il pubblico recanatese applaude rivivendo la stagione di tre anni fa.

Durante l’intervallo Zanchi chiede ai suoi maggiore abnegazione difensiva e nel terzo quarto i ragazzi in gialloblu serrano le fila vincendo di 4 punti e ricucendo il gap quasi totalmente, visto che concedono al team di Martino solo 11 punti. Da segnalare una botta in bocca rimediata da Procacci che è costretto ad uscire sanguinante. Nel quarto ed ultimo parziale altro capolavoro difensivo, con 4/5 della panchina sul parquet ed una gran voglia di collaborare da parte di tutti, che permette di vincere anche l’ultimo “tempino” tra gli applausi convinti dei circa 400 spettatori. Nonostante l’assenza pesante di Lawson, insomma, il gran lavoro fatto in palestra in questi primi 20 giorni inizia a vedersi. L’unità del gruppo su cui Zanchi punta moltissimo nella gara di oggi è emerso per la prima volta con chiarezza.

La prossima amichevole programmata è per mercoledì 9 alle 18:00 contro l’Aurora Jesi, sempre al PalaCingolani.

Commenta
(Visited 1 times, 1 visits today)

About The Author