Basket Recanati, vittoria nell'amichevole contro Chieti

U.S.BASKET RECANATI – PROGER CHIETI (24-25, 17-22, 18-20, 25-12)

Recanati: Forte, Pierini 10, Lauwers 4, Nwokoye, Traini 5, Procacci, Bonessio 3, Maspero 5, Lawson 26, Gibson 31, Ndziè ne. All.: Zanchi.

Chieti: Abbott 14, Piazza 4, Allegretti 17, Marchetti, Sergio 13, Sipala, Piccoli 5, Vedovato 1, Monaldi 9, Armwood 16, De Martino. All.: Galli.

Arbitri: Pierantozzi di Ascoli Piceno, Marota di San Benedetto del Tronto e Vita di Ancona.

Recanati – Vedendola così, si direbbe una USBR a stelle e strisce ed in realtà, con 31 del fromboliere Gibson e 26 del rientrante (e che rientro!) Lawson, lo è stata. Ma è stata la determinazione in difesa, specie dei Traini, Pierini, Maspero, Bonessio e dello stesso Gibson ad aver messo il turbo ai recanatesi, che sono rimasti aggrappati all’avversario nei primi tre quarti, persi di misura, per poi dilagare nell’ultimo, prendendo energie dalla difesa e riversandole in attacco.

I quintetti del 1° quarto vedono: i locali ripresentare Lawson, al rientro dopo l’operazione, in posizione di “5”, con Pierini altro interno e Traini, Gibson e Bonessio esterni; Chieti rispondere con Monaldi, Abbott, Sergio, Allegretti e Armwood. Chieti parte meglio, ma Recanati resta in scia con i primi missili di Gibson che al giro di boa confeziona il primo sorpasso (12-8). Due bombe dello specialista Sergio riportano Chieti a +5, ma Maspero ed ancora Gibson dalla lunga e dalla lunetta, fanno 9-0 e +4 gialloblu. Il contro parziale di 0-5 degli ospiti (Monaldi da 3 ed Armwood) fissano il primo finale a 24-25.

Nel secondo Chieti allunga fino al 3-8 e poi sul 10-16, grazie ad una gran vena nel tiro dalla distanza lunga. Zanchi vuole timeout a -3’06” e chiede di appoggiare la palla dentro a Pierini e Lawson: i leopardiani riprendono a segnare con regolarità, ma il divario non si assottiglia e finisce 17-22.

Al ritorno in campo dopo la pausa lunga Recanati, con un Lawson in gran spolvero nonostante le due settimane di stop imbeccato a meraviglia da Gibson e Traini, tiene il vantaggio fino al 10-9, quando la Proger sorpassa grazie ad Allegretti ancora da 3 ed Abbott che fa 2/2 (10-14). I leopardiani continuano a segnare solo con gli americani e pareggiano con uno scatenato Gibson a quota 18. Un canestro da sotto dopo un rimbalzo offensivo danno però agli abruzzesi il ticket anche del 3° parziale (18-20). Nel quarto ed ultimo parziale si vede l’USBR teorizzata e costruita per il campionato alle porte: grande abnegazione in difesa ed energia da riversare in attacco. Chieti inizia meglio con una bomba di Armwood, ma sarà l’unico canestro della prima metà. Recanati sorpassa con un Gibson che vede il canestro come una vasca da bagno e Lawson che dispensa movimenti che deliziano gli occhi dei tifosi presenti. Timeout di Galli sull’11 a 3. Si torna in campo con i gialloblu che continuano a ringhiare in difesa ed a fare canestro in attacco (Lawson, Pierini e Bonessio) dove compiono sempre ottime scelte per tiri aperti. Si sale fino al 21-7 grazie alla bomba di capitan Pierini e si chiude, tra gli applausi convinti dei sostenitori leopardiani, sul 25-12, con l’effimero ma confortante parziale cumulativo che avrebbe visto l’USBR prevalere di 5 punti.

Prossimo impegno per il team di Zanchi mercoledì a Porto San Giorgio contro Rieti (pari categoria del girone ovest) , alle 18:00.

Commenta
(Visited 2 times, 1 visits today)

About The Author