Basket Recanati, vittoria nello scrimmage contro Ravenna

ORASÌ RAVENNA – U.S.BASKET RECANATI (20-20, 35-28, 44-50, 68-73)

Ravenna: Smith 16 (30:53, 8/9, 9r), Deloach 26 (30:45, 8/13, 2/3, 6r), Malaventura 2 (29:24, 1/7, 0/2, 2r), Cicognani 2 (9:06, 1/1, 3r), Rivali 10 (35:16, 3/9, 0/1, 2r), Raschi 2 (21:54, 1/6, 0/1, 4r), Manetti (3:34), Masciadri 10 (21:08, 2/3, 2/4, 5r), Smorto (15:02, 0/2, 0/2), Seck ne, Salari (2:34). All.: Martino.

Recanati: Forte ne, Pierini 12 (29:45, 3/5, 1/3, 3), Lauwers 6 (26:18, 1/1 da3, 3r), Nwokoye ne, Traini 6 (33:34, 1/8, 0/2, 2r), Procacci (3:25), Bonessio 5 (32:39, 2/4, 10r), Maspero 2 (5:51, 1/1, 1r), Lawson 27 (31:55, 10/20, 12r), Gibson 15 (36:29, 1/7, 3/7, 5r). All.: Zanchi.

Note: Spettatori 400 circa. Tiri liberi: Ravenna 8/10, Recanati 22/27. Tot.tiri: Ravenna 28/63 (4/13 da3), Recanati 23/60 (5/15 da3). Rimbalzi: Ravenna 35 (6 off), Recanati 38 (10 off.). Assist: Ravenna 10 (Rivali 4), Recanati 17 (Bonessio 6).

RAVENNA – Per l’USBR ultima amichevole prima di andare in “settimana tipo” contro la pari categoria Orasì Ravenna, squadra contro la quale i gialloblu giocheranno in campionato i due infrasettimanali previsti dal calendario: giovedì 11 novembre a in Romagna e giovedì 18 marzo nelle Marche. Stavolta si gioca al PalaCosta, palasport dove i ravennati hanno disputato gli ultimi campionati di Silver, mentre quest’anno emigreranno nel più grande PalaDeAndrè, oggi impraticabile perché non è ancora stato montato il parquet. Recanati parte con i quintetto base: Traini, Gibson, Bonessio, Pierini e Lawson. Ravenna risponde con: Rivali, Deloach, Malaventura, Masciadri e Smith. Si gioca senza i tabelloni azzerati a fine quarto, come accade durante gli scrimmage pre-campionato, perché i due coach, a sette giorni dalla prima gara ufficiale, vogliono dare alla sfida tutti i connotati di una gara vera. C’è anche una discreta cornice di pubblico, valutabile intorno alle 400 unità. Nel primo parziale Recanati soffre molto i tagli sotto dei giallorossi, che arrivano con una certa continuità al ferro, permettendo a Smith di schiacciare 3 volte nei primi 5 minuti e mezzo. Zanchi chiama subito sospensione e le cose in difesa iniziano a migliorare un po’. Brutta notizia il secondo fallo di Gibson dopo 6’30”, ma lenita da quella di un Lawson incontenibile sotto, dove produce 12 dei 20 punti di Recanati nel 1° quarto, con ciliegina sulla torta del buzzer beater del pareggio su alzata di Bonessio (che finirà con 6 assist). Nel 2° parziale non si segna per 2’30”, prima che Lauwers serva la specialità della casa dai 6.75 per il primo vantaggio leopardiano (20-23). Ravenna sorpassa e continua a far male appoggiando la palla dentro, grazie anche ad un paio di doppi possessi concretizzati. Zanchi spende il suo ultimo timeout della 1^ metà per stoppare il primo tentativo di allungo romagnolo (30-25). L’USBR inizia ad inanellare buone difese, ma concretizza poco, complice anche un po’ di sfortuna, in attacco. Ravenna non eccelle, ma anche grazie al canestro 1vs1 di Rivali nell’ultima azione, tocca il massimo vantaggio proprio sulla sirena che manda tutti al riposo. Lo score dice identica produzione da 3 (2/6), ma Ravenna ha 22 in area pitturata, dove i recanatesi fatturano solo al 33% nonostante la gran vena di Lawson del 1° quarto.

Riparte bene Recanati, che torna a -2 costringendo Martino alla 1^ sospensione della seconda metà. L’assist di Traini per lo schiaccione di Lawson portano al pari a 38, il 2/2 di Pierini al +2 e il galleggiamento di Bonessio al +4. Ma è la difesa che in questa fase funziona alla perfezione. Recanati sale a +7 e Martino rimedia un tecnico per proteste su una rubata di Lauwers su Raschi. “Doum” fa 3/3 e i leopardiani +10 (40-50). Nel quarto conclusivo l’avvio marchigiano è a stelle e strisce con il primo bingo di Gibson da3 e un gioco da3 di Lawson per il nuovo +10. Ravenna resta rabbiosamente aggrappata al match, ma Recanati la costringe a versare litri di sudore per ogni punto da mandare a referto. Gibson ne sgancia un’altra delle sue per il nuovo +9 leopardiano (50-59 al 3’10”) e Lawson tenta di staccare il ferro dal tabellone per il +11. 5-0 locale con magia di Deloach e bomba di Masciadri, ma Lawson continua a far male all’anello del PalaCosta: 55-63 al 5’30”. Due disattenzioni in attacco regalano contropiedi facili ai giallorossi che tornano a -5 (61-66) a -3’13”. Due invenzioni di Traini per Lawson, versione postino, rimettono le cose a posto (61-70) al ritorno dalla sospensione di Zanchi. Finale tosto, nel quale Ravenna trascinata da Deloach le prova tutte, ma Recanati ha i nervi saldi per portarla a casa. Un buon viatico per il debutto casalingo di domenica prossima (ore 18:00) contro Imola.

Commenta
(Visited 2 times, 1 visits today)

About The Author