Reale Mutua Basket Torino, alzati i veli sulla squadra 2020/21

Nella bellissima location del CRAL di Reale Mutua va in scena la presentazione della nuova stagione. A fare gli onori di casa il direttore generale di Reale Mutua Luca Filippone e il direttore generale di Reale Immobili Alberto Ramella. Per entrambi la soddisfazione visibile di continuare un percorso insieme, ricco, nonostante le note vicende, di successi e soddisfazioni.

Altro elemento imprescindibile sono le istituzioni, rappresentate dall’assessore allo sport della Città di Torino Roberto Finardi, che ha voluto manifestare la sua vicinanza alla società soprattutto in un momento di incertezza come quello che stiamo vivendo.

Non ha voluto far mancare il proprio saluto la Sindaca Chiara Appendino, intervenuta attraverso un videomessaggio. Nelle sue parole, così come in quelle dell’assessore Finardi, la voglia di ricominciare e di essere un veicolo di emozioni positive.

L’intervento di Stefano Sardara ha messo ben in chiaro le ambizioni della Reale Mutua Basket Torino, a livello tecnico e societario. Sorridendo ha lasciato un bel fardello di responsabilità a coach Cavina.

L’amministratore delegato Renato Nicolai ha voluto ringraziare tutti quelli che hanno voluto questo progetto. Sottolineando come sia il lavoro di una squadra composta da proprietà, sponsor, istituzioni e tifosi. Anche in un momento complicato hanno saputo stare insieme dando nuovo slancio al progetto Basket Torino.

Coach Cavina ha avuto l’ultima parola, dando appuntamento sul campo a domenica per il debutto in Supercoppa con Derthona. Partita in cui debutterà la nuova divisa della Reale Mutua Basket Torino firmata Bilcee presentata quest’oggi.

Comunicato a cura di Ufficio Stampa Reale Mutua Basket Torino.

Commenta
(Visited 45 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.