Bergamo-Trieste 64-75: Bergamo vende cara la pelle, ma deve arrendersi alla capolista Trieste

Bergamo vende carissima la pelle contro la capolista Trieste, giocando alla pari per tutto il match, ma deve cedere i due punti alla squadra di Dalmasson. Il finale del PalaNorda, 64-75 per Trieste, testimonia di una partita combattuta, fisica, con lampi di atletismo di alto livello (uno su tutti Green); ai gialloneri non bastano i 18 punti di Solano ed i 17 di capitan Ferri per avere la meglio sulla capolista. Per i ragazzi di coach Ciocca il prossimo impegno sarà domenica 29 ottobre 2017 al PalaBanca, ospite dell’Assigeco Piacenza.

Partenza equilibrata, dove per Trieste si mette in luce Cittadini, autore di 4 dei primi 6 punti dei giuliani; Bergamo è viva (6-6 al 3’), ma le triple Fernandez e Baldasso danno il primo allungo ai biancorossi (9-16 al 7’). Green è una furia in campo aperto, e in questo frangete è Fattori che tiene Bergamo vicina nel punteggio, col primo periodo che si chiude 18-22 in favore di Trieste.

Bergamo impatta a quota 22 grazie all’energia di Solano e Fattori – con Trieste che ha già ruotato dieci uomini – e tiene botta grazie alla percentuale dall’arco (6/10 al 14’); la partita resta più che gradevole e si mantiene sui binari dell’equilibrio (33-35 al 15’), Ferri guida i gialloneri con tutto il suo carisma, Bergamo sorpassa meritatamente sul 39- 37, ma Cittadini è la chiave per Trieste e sei suoi punti filati danno a Trieste il 39-43 del 20’.

L’inizio della ripresa è da polveri bagnate, ci pensa Green in contropiede a schiodare il punteggio (39-45 al 23’), immediatamente replicato da Solano e Ferri, che riportano Bergamo a un solo punto di distanza. Il PalaNorda alza i decibel del suo tifo, Bozzetto rimette la freccia (48-47 al 26’), ma Trieste non ci sta e rimette di nuovo il naso avanti con Loschi, chiudendo la frazione avanti 51-54.

I giuliani allungano con Green e Bowers (55-62 al 33’), facendo valere la freschezza dei suoi uomini; Bergamo ci prova fino in fondo, ma la stanchezza di Ferri e compagni – dopo una partita encomiabile – si fa sentire. Trieste scappa nuovamente approfittando di un fallo antisportivo fischiato a Solano (57-68 al 38’), gli ultimi ad arrendersi sono Bozzetto, gladiatore sotto le plance (15 rimbalzi totali per lui), e Solano (61-69 a 1’15” dalla sirena). Fattori realizza il -6 a 40” dal termine ma Fernandez la chiude dalla lunetta, tenendo Trieste imbattuta in questo campionato.

Bergamo-Alma Pallacanestro Trieste 64-75 (18-22, 39-43, 51-54)

Bergamo: Ferri 17 (1/4, 4/9), Solano 18 (5/13, 1/6), Cazzolato (0/4, 0/5), Fattori 12 (3/6, 2/3), Bozzetto 8 (2/3); Sergio 7 (2/3, 1/2), Mascherpa 2 (0/2, 0/3), Bedini, Magni n.e., Ricci n.e., Piccoli n.e.. All: Ciocca

Alma Pallacanestro Trieste: Fernandez 11 (2/5, 1/3), Baldasso 6 (1/2, 1/5), Green 20 (10/15, 0/3), Janelidze 2 (1/1), Cittadini 14 (5/8, 1/1); Da Ros (0/5, 0/1), Loschi 9 (0/1, 3/4), Bowers 8 (3/5, 0/1), Coronica, Prandin 5 (0/1, 1/2), Schina n.e., Deangeli n.e.. All. Dalmasson

Tiri liberi: Bergamo 14/16, Alma Pallacanestro Trieste 10/12

Rimbalzi: Bergamo 39 (Bozzetto 15), Alma Pallacanestro Trieste 36 (Green 11)

Assist: Bergamo 8 (Solano 4), Alma Pallacanestro Trieste 17 (Da Ros 7)

Usciti per 5 falli: Nessuno

Spettatori: 1000

Fonte: Ufficio Stampa Bergamo Basket 2014

Commenta
(Visited 62 times, 1 visits today)

About The Author