Bergamo: inizia la stagione con il primo raduno

Con il raduno al PalaAgnelli è ufficialmente iniziata l’avventura di Bergamo nella stagione 2020-2021. Una stagione nella quale la società presieduta da Massimo Lentsch vuole rialzare la testa, e per farlo si affida ad un roster rinnovato, un giusto mix tra gioventù ed esperienza.

Confermato Marco Calvani alla guida tecnica, con l’ulteriore conferma di Gabriele Grazzini quale vice allenatore, i gialloneri hanno idealmente tagliato il nastro di inizio stagione con il consueto appuntamento dedicato alla stampa. Con il rispetto delle norme di distanziamento sociale – imposto dai protocolli – gli atleti hanno posato per le foto (assenti solo i due americani – Purvis ed Easley, in arrivo a fine settimana).

Prima del beneaugurante brindisi, parola a Milvo Ferrandi – Consigliere Delegato di Bergamo Infrastruttureil padrone di casa – che ha voluto salutare la squadra, poi spazio al Presidente Lentsch, che ha posto l’accento sulla città di Bergamo, sull’entusiasmo che servirà per regalare gioia ad un popolo, quello bergamasco, uscito profondamente colpito dalla Pandemia della scorsa primavera. Dopo di lui la parola è passata a Marco Calvani ed a Gianluca Petronio, GM degli orobici, che hanno voluto sottolineare l’aspetto sportivo di questa nuova avventura: i ragazzi devono essere guidati da uno spirito di “rivalsa”, di riscatto, anche a livello personale.

La preparazione inizierà martedì 8 settembre sotto la guida della preparatrice Elisa Menti: sono previste doppie sedute di allenamento per tutta la prima settimana, tra parte di atletica e basket – finalmente – giocato.

FONTE: Ufficio Stampa Bergamo Basket

Commenta
(Visited 16 times, 1 visits today)

About The Author

Martino Ruggiero Nato a Taranto, trasferito a Roma tre anni fa per inseguire il mio sogno e per studiare Giurisprudenza, 21 anni. Seguo qualsiasi sport da quando sono nato. Per la pallacanestro ho fatto il giocatore, l'allenatore e il telecronista ma i tasti più consumati del mio telecomando sono quelli che mi portano al calcio. Amante delle storie sportive, da raccontare, da leggere e da ascoltare. Appassionato di viaggi, non conosco un stato d'animo diverso dall'ottimismo.