È Biella la prima finalista delle Final Eight, battuto Treviso 89-81. Pillastrini commenta: "Complimenti a Biella per la precisione balistica clamorosa"

Era un’attesissima semifinale delle Final Eight di Coppa Italia di basket A2, quella di questo pomeriggio tra l’Eurotrend Biella e la De’ Longhi Treviso, sul parquet dell’ Unipol Arena di Casalecchio di Reno, in provincia di Bologna.

Entrambe le squadre classificatesi in rimonta ai quarti di finale, rispettivamente Biella su Mantova e Treviso, all’ultimo minuto su Roma.

 

Per i biancorossi il quintetto di partenza è: Venuto, Ferguson, Wheatle, Hall e Tessitori, difronte alla squadra di coach Pillastrini che sceglie Negri, Moretti, Perl, Perry e Ancellotti.

Biella parte subito forte, specie in difesa, ma Treviso non tarda a rispondere, dando vita ad un match subito velocissimo che non lascia respiro, in un botta e risposta di canestri e palle rubate.

 

In svantaggio fin dal primo quarto, i trevigiani provano a recuperare con Perry, con un +63% di possesso ma Biella ha una mira da cecchino, pertanto, uno stratosferico Venuto, padrone dei 3 punti, non ne sbaglia una, portando i suoi dritto alla finale.

“Raramente mi è capitato di assistere ad una prestazione balistica del genere, specialmente sul finale di una partita delicata come questa- commenta in conferenza stampa Pillastrini, che non risparmia i complimenti ai padroni di casa, riconoscendo alla propria squadra i meriti di essere stati al di sopra della media ma – sul finale non siamo riusciti a mantenere l’efficacia offensiva di inizio gara”

 

Il tabellone sorride a Biella che adesso aspetta di conoscere l’esito della seconda semifinale tra Segafredo Bologna-Alma Trieste, alle 20.45.

 

 

 

[ Foto: De Longhi Treviso Pagina Facebook Ufficiale ]

 

EUROTREND BIELLA – DE’ LONGHI TREVISO 89 – 81

 

 

 

Commenta
(Visited 84 times, 1 visits today)

About The Author

Marianna Triberio Autoironica e cocciuta. Ho 20 anni, studio Lettere Moderne. Amo la pallacanestro, la danza e il mare della mia Sicilia. Scrivo per ordinare i pensieri, ma puntualmente ne dimentico sempre qualcuno.