Bottegone, coach Piagini: "Se Empoli imporrà il suo gioco per noi sarà durissima"

Torna fra le mura amiche la Valentina’s Camicette Bottegone che inizia, sabato sera alle 21 al PalaCarrara, il tour de force con 3 partite nell’arco di 7 giorni (che saranno cinque in 9 giorni per i ragazzi più giovani che fanno l’Under20 col Pistoia Basket).
Si parte con il duello da amarcord, valevole per la 10° di Serie B, contro l’USE Empoli una delle cinque capoliste del girone A con 12 punti già in saccoccia, a +6 sulla Valentina’s che è reduce dalla sconfitta sul filo di lana contro Piombino. Coach Biagini riesce a recuperare Daniele Toscano, con problemi ad una caviglia, ma quasi sicuramente non ci sarà di nuovo Fiorello Toppo.

«Il morale è a mille e l’entusiasmo anche – spiega il coach della Valentina’s, Cristiano Biagini – purtroppo ci diciamo sempre le solite cose, ovvero che non riusciamo a lavorare al completo in settimana. Toscano è recuperato mentre Toppo non si è mai allenato e vedremo soltanto all’ultimo momento, su consiglio dello staff medico. Abbiamo di fronte un tour de force con 3 partite in 7 giorni e trasferte lunghe (Bottegone giocherà l’8 dicembre a Omegna e dopo due giorni avrà in casa il derby con Montecatini,ndr). La classifica è molto corta con distanze minime dal primo al terz’ultimo posto dove siamo noi. Troviamo una Empoli che ha la sua impronta di gioco ben definita, è ben allenata e, soprattutto, composta da dieci giocatori senior. Penso che stiano attualmente in una posizione che meritano: se loro riusciranno ad imporre il loro modo di giocare per noi sarà durissima, quindi ci sarà da trovare il giusto ritmo che è nelle nostre caratteristiche».

Una serata particolare, quella del PalaCarrara, visto che per la prima volta torneranno da avversari coach Giovanni Bassi e Filippo Giannini: il primo ha fatto la storia di Bottegone come cannoniere da giocatore e poi da tecnico portando la Valentina’s fino al doppio playoff di C1, ad un passo dalla Serie B. “Pippo”, invece, è un bottegonese doc ed ha vissuto tutta la scalata dal basso, chiusa nel maggio scorso con la salvezza nei playout contro Livorno. Per loro tanti applausi, qualche lacrimuccia ma al momento della palla a due massima concentrazione.

Commenta
(Visited 27 times, 1 visits today)

About The Author