Brandon Jennings con il Buzzer Beater! Detroit passa a San Antonio

Partita molto emozionante quella di ieri notte all’AT&T Arena di San Antonio dove i Detroit Pistons, guidati da un sempre più dominante Andre Drummond, 20 punti e 17 rimbalzi in 35 minuti per il centro dei Pistons,  hanno portato a casa una vittoria all’ultimo secondo con un layup sulla sirena di Brandon Jennings. La partita non si era messa su un binario favorevole per Detroit, che alla fine del primo periodo era costretta ad inseguire , avendo subito un parziale di 37-20. I ragazzi di coach Van Gundy non si sono però scoraggiati, e pezzo dopo pezzo hanno costruito questa incredibile rimonta fuori casa, conclusasi proprio a fil di sirena. Fra le fila degli Spurs, come al solito, partita giocata molto bene a livello di squadra,  dove tutti i giocatori chiamati in campo hanno dato il loro contributo, anche il nostro Marco Belinelli è stato autore di una buona prestazione, partendo in quintetto ha collezionato  12 punti in 23 minuti di gioco. Non è sceso invece in campo, per scelta dell’allenatore, l’altro italiano Luigi Datome.  Tony Parker ha fatto il suo ritorno in campo (solo per 13 minuti) dopo una serie di 5 partite saltate per un problema al tendine del ginocchio sinistro, il playmaker francese non è stato autore di una prestazione brillante, ma comunque sembra essersi ripreso abbastanza bene dall’infortunio che lo aveva tenuto lontano dal gioco, “Lui avrebbe voluto giocare di più, ma io ho preferito essere un po’ più prudente, ha giocato 13 minuti, ed è il giusto minutaggio per un giocatore che rientra da un infortunio come il suo”, queste sono state le parole dell’Head Coach degli Spurs riguardo lo scarso utilizzo di Parker. L’azione fondamentale della partita è stata ad 8 secondi dalla fine, con il punteggio sul 104-103 in favore dei padroni di casa, quando gli Spurs avevano da effettuare una rimessa in zona d’attacco, affidata a Duncan che però non passa la palla nel migliore dei modi a Mills, che non riesce a controllare il pallone che finirà nelle mani di Caldwell-Pope, che passerà subito a Brendon Jennings il quale, non sapendo se avesse ancora a disposizione un time out da chiamare, inizierà la sua discesa lungo il campo che si concluderà con il layup vincente, che fisserà il punteggio sul 104-105 in favore di Detroit.

Commenta
(Visited 6 times, 1 visits today)

About The Author