Germani Brescia, Esposito: "Nelle ultime due uscite siamo stati troppo morbidi, soprattutto in difesa"

Prima trasferta europea per la Germani Brescia in Eurocup e prima sconfitta. Al Palau Olimpic de Badalona, infatti, ad imporsi sono stati i padroni di casa spagnoli (81-68), trascinati in particolare da un incisivo Klemen Prepelic (24+5 assist e 4 rimbalzi, nonostante un 2/11 dalla lunga distanza). Brescia, dopo un primo tempo alla pari (35-36 al 20′), ha ceduto man mano nella ripresa, fino al -13 finale.

Così coach Vincenzo Esposito al termine della sfida: “Nelle ultime due partite, inclusa quella di stasera, abbiamo giocato in maniera troppo morbida, con una lacuna in termini di energia, specialmente a livello difensivo. Ogni volta in cui abbiamo cercato di giocare in maniera più forte in difesa e con un ritmo migliore in attacco, è stato sempre troppo tardi. Quando si toccano le dieci o undici lunghezze di svantaggio, specialmente quando si gioca contro una squadra tosta coma le Joventut, si spendono molte energie per cercare di recuperare e rientrare in partita. Dobbiamo imparare che il controllo del ritmo e la difesa sono le chiavi della partita, anche prima di pensare all’attacco“.

Qualche giocatore stasera ha giocato bene, qualcun altro ha fatto più fatica ad entrare in partita, ci siamo innervositi quando ci hanno messo le mani addosso e avremmo voluto sentirci tutelati dagli arbitri” – conclude Esposito – “Ma dobbiamo comprendere che sono episodi che succedono, specialmente in una competizione di alto livello come l’EuroCup. Sta a noi dover essere più forti mentalmente in queste occasioni, mentre dal punto di vista tecnico dobbiamo cercare di limitare il numero di palle perse“.

Dichiarazioni a cura di Ufficio Stampa Basket Brescia Leonessa.

Commenta
(Visited 18 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.