Cantù-Milano, infortunio per Leunen: le dichiarazioni di Della Fiori

L’Acqua S. Bernardo cede in casa nel derby contro la più quotata Milano, non prima, però, di aver lottato alla pari per 20 ‘abbondanti. 71-89 il finale del “PalaBancoDesio”, di seguito i commenti dei due allenatori dalla sala stampa e una dichiarazione del direttore generale di Pallacanestro Cantù, Daniele Della Fiori:

 

COACH ETTORE MESSINA, MILANO

«Prima di tutto voglio fare i complimenti a Cesare Pancotto e alla sua squadra. Dopo tanto tempo fermi non era facile giocare come hanno fatto oggi, soprattutto nel primo tempo, con ritmo, efficacia, attaccando bene il ferro. Noi venivamo da una settimana in cui non ci siamo allenati e credo si sia visto soprattutto nella difesa del primo quarto, che oggettivamente è stata mediocre, ha concesso troppe penetrazioni e troppe iniziative a Jaime Smith e non solo. Una volta sistemata la difesa siamo cresciuti, abbiamo concesso 14 e 13 punti a Cantù negli ultimi due quarti, e anche in attacco abbiamo avuto una buona circolazione di palla che ha portato alle otto triple su dieci di Sergio Rodriguez. È positivo essere riusciti a dare minuti a un arrugginito Punter e ad un arrugginito Moraschini, domani si alleneranno e faranno un passo avanti ulteriore.» .

 

COACH CESARE PANCOTTO, CANTÙ

«Mi piace pensare di dover già rimboccarci le maniche. Ritornare a giocare mercoledì con ancora più determinazione e qualità: questo dovremo fare. Lo dico perché dopo la gara con Milano vedo il bicchiere mezzo pieno, un bicchiere che avremmo dovuto riempire durante tutta la partita. Purtroppo, però, nel terzo quarto Milano ha tirato fuori tutto il suo talento, la sua qualità e la sua esperienza; quel break ha praticamente deciso l’esito della gara. Nonostante ciò, devo dire bravi ai miei giocatori: ritornare dopo un mese, o per qualcuno anche di più, come nel caso di Jaime Smith, e giocare una partita altissimo livello nel primo tempo vuol dire che qualcosa di importante dai miei giocatori è stato fatto. Anche nell’ultimo quarto abbiamo giocato alla pari di Milano. Avremmo voluto fare quattro periodi buoni ma non era facile e,» .

 

DANIELE DELLA FIORI, GM CANTÙ

«Leunen ha accusato un problema muscolare, la cui entità sarà valutata domani. Questo è il rischio che si corre quando si torna a giocare una partita di grande intensità dopo un lungo stop. Purtroppo, è effettivamente capitato quello che più temevamo. Tra meno di tre giorni saremo di nuovo in campo, mentre avremmo preferito evitare il turno di recupero infrasettimanale per avere una settimana piena di allenamenti e cercare di tornare alla normalità, ma non è stato possibile. Giocare tre partite in otto giorni dopo il fermo dovuto al Covid, di certo non ci aiuta. Bisogna comunque guardare avanti ».”.

Fonte: ufficio stampa Pallacanestro Cantù

Commenta
(Visited 44 times, 1 visits today)

About The Author

Enrico Pecci Classe ’96, proveniente da quel favoloso luogo chiamato Marche (provare per credere), studente di Scienze della Comunicazione ed appassionato di calcio quanto di basket. Collaboratore per nba24.it e tuttobasket.net, sognando un futuro in cui scrivere di sport, basket e calcio in particolare, sia un lavoro oltre che una passione. Appassionato di basket sin dai primi passi mossi nel parquet dal Re, King LeBron James. #IPromise.