Pallacanestro Cantù, convincente vittoria contro la Scaligera Verona

Dopo la convincente vittoria a Reggio Calabria contro l’Orlandina, per la Pallacanestro Cantù arriva il secondo successo consecutivo, figlio di un grandissimo secondo periodo (34 a 13). In quel di Verona, i biancoblù (avanti 48 a 35 all’intervallo) sconfiggono i padroni di casa della Scaligera, conquistando l’ottava edizione del “Memorial Vicenzi”. 79-87 il finale, Chappell top scorer per i brianzoli con 21 punti a referto. 19 per Culpepper (5/8 da tre), 14 e 7 assist invece per uno Smith in grande forma.

LA CRONACA

Primo quarto

Serata di esperimenti per coach Bolshakov che, con coraggio, sceglie di partire con un quintetto molto basso; Smith in regia, affiancato da Tassone, pacchetto ali invece composto da Raucci e Chappell, Maspero da “cinque”. I padroni di casa partono forte: di Jones il timbro del 7 a 2 iniziale, che precede il primo canestro dal campo dei biancoblù, arrivato soltanto dopo tre minuti di gioco. A realizzarlo Maspero, tra i più utilizzati da coach Bolshakov in questa preseason. A 03’:45’’ dalla fine della prima frazione, allungo della Scaligera: Green manda a bersaglio la “bomba” del 16 a 9, costringendo Cantù a chiamare time out. Vantaggio gialloblù che aumenta fino al +11 (20-9), prima di un guizzo di Culpepper che permette ai canturini di restare in scia. 22-14 al 10’, manovra offensiva dei brianzoli lenta e macchinosa.

Secondo quarto

Nella seconda frazione tutta un’altra Cantù, molto più affamata rispetto ai primi dieci minuti, nonostante una partenza complicata. Visconti, da tre, piazza la tripla del +9 (25-16) ma i biancoblù reagiscono alla grande, infliggendo agli avversari un parziale pesante che ribalta le sorti del match. La rimonta parte dalle tripla di Maspero e Raucci, i quali avvicinano Cantù ad un solo possesso di distanza. Di capitan Chappell, invece, il canestro del sorpasso: 28-30 a 4’ dalla fine del primo tempo.

Nei minuti finali, a ridosso dell’intervallo, Culpepper e Thomas si scatenano, trascinando Cantù avanti di tredici alla pausa lunga (35-48). Al 20’ sono ben due i canturini in doppia cifra: Culpepper e Chappell, entrambi con dieci punti a referto. Super secondo quarto di Cantù, che affossa la Scaligera con un perentorio parziale di 34 a 13, nove punti per Thomas in soli 5’, autore di due triple consecutive negli ultimi istanti di primo tempo

Terzo quarto

I biancoblù rientrano dagli spogliatoi con ottime percentuali dall’arco (6/12 da tre al 20’), che confermano anche nei primi minuti del secondo tempo: Smith segna due triple di fila, portando così ad otto il conto delle “bombe” sganciate da Cantù. Ma è ancora Thomas a salire nuovamente in cattedra, canestro da due e fallo subito (con libero aggiuntivo a bersaglio). Al 26’ il tabellone dice 63 a 42 per i brianzoli, che consolidano l’ampio vantaggio grazie ad una giocata spettacolare della coppia Crosariol-Chappell. Il primo, su alley-oop del secondo, schiaccia al ferro il canestro del 65 a 44. Tuttavia, Cantù si addormenta per qualche istante, sottovalutando il grande talento di Green (22 punti al 30’). Quest’ultimo realizza due triple consecutive ed un canestro allo scadere, che permette alla Scaligera di accorciare: 56-67 al termine del terzo quarto.

Ultimo quarto

In avvio di quarto periodo, i veronesi si avvicinano fino al -5 (62-67), sfruttando la velocità dei propri esterni, oltre a qualche errore difensivo dei biancoblù. Culpepper, però, con una tripla rimette subito le cose in chiaro: 62-73 al 32’. È ancora il nativo del Tennessee ad incidere, segnando un’altra tripla (sulla sirena dei 24’’) che porta Cantù avanti 79 a 65. A cinque minuti e mezzo dalla fine la Scaligera perde Green per infortunio, Cantù ne approfitta per controllare in scioltezza. Chappell, a 5’ dalla fine, realizza il canestro del +16 (65-81), archiviando la pratica anticipatamente. Nel finale Culpepper continua il proprio show personale, “bombardando” i gialloblù con una tripla dietro l’altra. Nell’ultimo minuto Jones prova la disperata rimonta ma la reazione dei padroni di casa è tardiva. Finisce 87 a 79 per la formazione di coach Bolshakov, che chiude con un ottimo 52% dall’arco (13/25 da tre), contro il 26% degli avversari (8/31).

SCALIGERA VERONA-PALLACANESTRO CANTÙ 79-87 (22-14, 13-34, 21-19, 23-20)

VERONA: Dieng 0, Greene 25, Visconti 8, Jones 15, Amato 0, Guglielmi n.e, Oboe n.e., Maganza 11, Palermo 0, Nwohuocha 2, Udom 18, Ikangi 0. All. Dalmonte

CANTÙ: Smith 14, Culpepper 19, Cournooh n.e., Parrillo n.e., Tassone 2, Crosariol 2, Maspero 7, Raucci 8, Chappell 21, Vai 0, Pappalardo n.e., Thomas 14. All. Bolshakov

Commenta
(Visited 55 times, 1 visits today)

About The Author