Cantù supera Friburgo e vince il "Trofeo degli Angeli"

La Pallacanestro Cantù allenata da coach Evgeny Pashutin chiude la propria preseason con un successo nell’ultimo test, il quarto in sei partite, battendo Friburgo con il risultato finale di 88 a 86. I biancoblù vincono la quinta edizione del “Trofeo degli Angeli” grazie ad un’ottima prestazione dell’ultimo arrivato Frank Gaines, arrivato in Italia soltanto da due giorni ma subito protagonista nella sua prima uscita in biancoblù. L’esterno americano classe 1990 chiude con 19 punti (6/9 dal campo), 5 rimbalzi, 3 assist e 24 di valutazione (la più alta del match), venendo eletto MVP del trofeo. Quella disputata al Palasport Parini di Cantù è stata una partita molto combattuta, un test sicuramente utilissimo per i brianzoli in vista del Qualification Round di Basketball Champions League contro gli ungheresi dello Szolnoki Olaj, per il primo incontro ufficiale della stagione 2018-2019. Un grande appuntamento, in programma al “PalaBancoDesio” giovedì 20 settembre (palla a due alle ore 20:30), al quale la Pallacanestro Cantù non può farsi trovare impreparata.

LA CRONACA

Pallacanestro Cantù per la prima volta in questa preseason con la squadra al completo: disponibili sia Gaines – arrivato a Cantù soltanto da due giorni – che capitan Udanoh, arruolabile pur non essendo al 100% della forma fisica. Quest’ultimo insieme a Blakes, Calhoun, Mitchell e Davis compone lo starting five canturino. I campioni di Svizzera rispondono con Roberson in cabina di regia, Timberlake e Mladan sugli esterni, Williamson e Toure nel pitturato. Di Friburgo il primo canestro del match, firmato Williamson. Al 2 a 0 ospite risponde Blakes, con una tripla chirurgica, e Mitchell con un canestro con fallo subito, senza però sfruttare il gioco da tre punti dalla lunetta che avrebbe portato Cantù avanti subito di due possessi. Al 6’ cambiano le carte in tavola, con Friburgo avanti grazie alla tripla dello specialista Mladan. 11 a 10 per gli osptiti. Immediata la reazione di Cantù, con una schiacciata di Davis che riporta i biancoblù in vantaggio pochi istanti dopo. Negli ultimi 2’ si scatena l’ultimo arrivato in casa Pallacanestro Cantù, Gaines, autore di cinque punti consecutivi che trascinano la formazione brianzola avanti di sei lunghezze. 17-11 a novanta secondi dalla fine. Cantù calda dall’arco: Tavernari, dall’angolo, realizza la tripla che porta i biancoblù avanti di tre possessi pieni. 22-14 al 10’. Ottima partenza di Gaines, a referto con sette punti in neppure cinque minuti di impiego, con soltanto tre tiri tentati. In avvio di secondo quarto Cantù tocca la doppia cifra di vantaggio, di capitan Udanoh il canestro del +10 (26-16) dopo poco più di 2’ dall’inizio della seconda frazione. Friburgo, al 14’, accorcia le distanze con Williamson ma i biancoblù non si fanno sorprendere e rispondono subito con una perentoria schiacciata di Mitchell, giocata spettacolare accolta dai 600 spettatori del “Parini” con un boato. Due minuti dopo, però, gli svizzeri tornano sotto grazie ad un’altra tripla del pericolosissimo Mladan, autore del canestro del -2 (30-28). Mini parziale di 8 a 2 degli ospiti. Cantù rallenta il ritmo, faticando a trovare nella manovra offensiva la fluidità del primo quarto. I campioni di Svizzera ne approfittano pareggiando poco dopo con il sempre presente Williamson, ben servito dal proprio capitano, Timberlake, il quale consegna al compagno l’assist per la schiacciata del 33 pari a 1’ e 14’’ dal rientro negli spogliatoi. I brianzoli sono però bravi a dare l’ultimo affondo prima dell’intervallo lungo, con Udanoh che realizza a ridosso della sirena il canestro del momentaneo più tre. 38-35 al 20’. Al rientro in campo per il secondo tempo spiccano le cifre di Gaines, già in doppia cifra dopo soltanto 13’ sul parquet. L’esterno arrivato in Italia soltanto nella mattina di giovedì, chiude la prima parte della gara con 10 punti, 4 rimbalzi catturati e 2 assist. Ad aprire il terzo quarto Williamson, con due punti appoggiati al tabellone. Positiva la partenza di Friburgo, tornata avanti 41 a 40 dopo un minuto e mezzo. A risollevare le sorti per Cantù ci pensa Mitchell prima e Gaines poi, entrambi a segno con una tripla. 46-43 al 22’. A metà del terzo periodo arriva una delle migliori giocate della partita: Gaines, servito da Mitchell, manda a bersaglio una “bomba” pesante pur subendo un fallo. Dalla lunetta, uno scatenato Gaines segna anche il tiro libero extra, completando così un clamoroso gioco da quattro punti. 54-48 per la squadra locale. Cantù si diverte e fa divertire: triangolo costruito alla perfezione da Mitchell e Gaines che, con due passaggi fulminei, trovano un Udanoh completamente solo sotto canestro, con quest’ultimo che conclude la bella azione con una schiacciata. I biancoblù di coach Pashutin tornano a colpire anche dall’arco, tripla di Calhoun a due minuti dalla fine del terzo quarto e time out obbligato per coach Aleksic. 63-52 al 28’. Sul finale di terzo quarto, Tavernari scalda la platea con una gran tripla, portando i suoi avanti di quattordici lunghezze. Giocata tuttavia oscurata dai due punti di Natan Jurkovitz che beffano sulla sirena Cantù, avanti comunque con un rassicuramente +12 (68-56). Quarta frazione aperta, ancora una volta, da Williamson. Ospiti a -10 da Cantù. Difesa canturina distratta ma che, poco dopo, si rifà subito con una stoppata di Mitchell sul nazionale senegalese Tourè. A 7’ e mezzo dal termine, la terna arbitrale fischia un fallo antisportivo a Steinmann, il quale blocca irregolarmente una ripartenza molto decisa di Calhoun. Alla ripresa del gioco Tavernari tenta un’altra delle sue triple ma il ferro gli è nemico, sputando fuori dal cilindro il possibile +10 biancoblù. I locali riescono comunque a tornare avanti di tre possessi grazie ad una schiacciata in campo aperto di Calhoun. 74-65 al 34’. A proposito di schiacciate, Mitchell delizia il pubblico del “Parini” con l’ennesima giocata da showman della sua preseason. A seguire un bell’assolo di Davis, il quale realizza un canestro con fallo (tiro libero poi sbagliato) che riporta Cantù avanti di due possessi dopo che Friburgo era tornata sotto fino al -4. Finale da brividi con Friburgo che, a 120’’ dalla fine, pareggia con una tripla (82 pari). Equilibrio anche a 50’’ dalla fine, con il piazzato in area di Mladan per l’84-84. Finale sofferto ma vince Cantù, finisce 88 a 86 per capitan Udanoh e compagni. Nel post gara dei giovanissimi tifosi “Eagles” premiano le due squadre con un trofeo, Gaines nominato

MVP. PALLACANESTRO CANTÙ-FRIBOURG OLYMPIC 88-86 (22-14, 38-35, 68-56, 88-86)

CANTÙ: Mitchell 19, Gaines 19, Calhoun 15, Blakes 6, Udanoh 13, Baparapè n.e., Parrillo 2, Davis 8, Tassone, Pappalardo n.e., Quaglia n.e., Tavernari 6. All. Pashutin

FRIBURGO: Jaunin 8, Steinmann 5, Gravet 1, Mladan 17, T. Jurkovitz n.e., Tourè 21, Desponds n.e., Madiamba, Roberson 6, Williamson 14, Timberlake 5, N. Jurkovitz 9. All. Aleksic Arbitri: Quarta, Suriano e Spinelli Spettatori: 600

Commenta
(Visited 13 times, 1 visits today)

About The Author