Casa Euro Taranto, coach Putignano nel post-Ortona: “Ho visto cose positive”

Soddisfatto della prestazione con un pizzico di rammarico per il risultato. Coach Putignano ha tracciato il suo primo bilancio dopo l’esordio in campionato suo e di Casa Euro Basket Taranto “bagnato” purtroppo la sconfitta in casa per mano di Ortona. Ovviamente ci sono tutte le attenuanti del caso visto che lo stesso allenatore cussino ha avuto solo 4 giorni di tempo per conoscere la squadra che gli è stata affidata solo tra martedì e mercoledì. Ecco di seguito le parole dell’allenatore rossoblu e dei vertici societari cussini.

Giovanni Putignano (coach): “Le cose positive sono molte ma non sono state abbastanza per vincere contro una squadra che comunque sono certo arriverà tra le prime 4 essendo squadra completa come rotazioni, peso e centimetri sotto canestro. Noi siamo stati bravi a sopperire ad alcune situazioni sfruttando la nostra energia ma paghiamo spesso un po’ di esperienza in meno. Dobbiamo tenere più basso il quoziente punti, ci siamo mossi bene in difesa ma abbiamo dimenticato i loro migliori terminali, Leo e Gialloreto. Nel terzo quarto siamo stati molto bravi, cinici, mettendo da parte l’emozione della prima gara in casa. Il tempo però è dalla parte nostra”.

Sergio Cosenza (presidente): La prima partita è sempre una sorpresa, a noi lo era ancor di più perché abbiamo rinnovato quasi tutto il roster. Esordio comunque positivo considerando che solo da una settimana che questa squadra si allena con il nuovo coach. Abbiamo visto che ci sono ragazzi di valore, dei buoni tiratori: 81 punti non sono pochi ma loro non hanno sbagliato quasi nulla, noi qualcosa, poteva andare meglio. Nel secondo quarto abbiamo messo diversi minuti per fare un canestro. Loro hanno allungato e ogni tentativo di recupero è stato vano perché non sempre si riesce a rimontare. Pubblico? Non pochi ma nemmeno troppi, speriamo in qualche vittoria in più per attirare gente.

Umberto Ingrosso (main sponsor Casa Euro): “Ho visto un notevole impegno da parte dei ragazzi, sapevamo che l’avversario era forte ma ce la siamo giocati fino alla fine. Siamo solo alla prima gara, dobbiamo dare il tempo all’allenatore di dare alla squadra il suo gioco, le sue indicazioni. E poi si deve creare un po’ di entusiasmo intorno alla squadra e siamo convinti che ce la faremo”.

Roberto Conversano (dirigente responsabile): “L’impegno dei ragazzi è stato lodevole ma dobbiamo fare meglio. Dovevamo essere più precisi, al tiro, per evitare che loro prendessero rimbalzo, e ai liberi. Consideriamo ovviamente che il coach ha avuto solo 4 giorni per allenare questi ragazzi. Mercato? I margini per intervenire ci sono, lo abbiamo detto al coach ma non vogliamo nemmeno avere fretta per valutare al meglio le esigenze e il valore della squadra. Per ora andiamo a San Severo col coltello tra i denti sapendo di trovare grande entusiasmo ed un palazzetto pieno ma questo non deve spaventarci”.

Commenta
(Visited 8 times, 1 visits today)

About The Author